Articolo realizzato dalla dott.ssa Viola Dante con la speranza di aiutarvi a dimagrire velocemente nell’unica accezione corretta del termine: quella di non perde più tempo ed energie dietro a questo o quel consiglio sbagliato! Buona lettura e grazie per la visita.

Da domani tutte a dieta per perdere i chili di troppo!

Quante volte vi site ripromesse di mettervi a dieta l’indomani o a partire dal lunedì? Si tratta di una situazione comune a moltissime donne (e uomini sempre più attenti alla linea).

Non imbarazzatevi, quindi, nel leggere questo articolo: compresa la sottoscritta, tutte noi abbiamo qualcosa da migliorare fisicamente. E mi rivolgo anche ai “Signori maschi” che volessero imparare a dimagrire, sebbene nel testo userò spesso rivolgermi al gentil sesso.

Di cosa vi parlerò in questa pagina dedicata al tema del dimagrimento?

In questa pagina scopriremo cosa voglia dire dimagrire e come sia possibile perdere peso velocemente dopo che sì sono apprese le nozioni di base per dire addio ai chili di troppo una volta per sempre e soprattutto in maniera consapevole e salutare, senza cadere nella trappola del “tutto e subito”.

L’articolo inizia con una introduzione basilare che insegna a calcolare quante calorie si assumono al giorno e quante se ne spendono. Quindi si passerà alle correzioni da fare al proprio stile di vita. Inoltre troverete descritti degli esercizi per dimagrire e potrete consultare anche un corretto regime alimentare dal quale prendere spunto.

Verso la fine, e per le più curiose, toccherò anche il tema dei farmaci per perdere peso (ed anche degli integratori e dei cerotti dimagranti), pubblicherò le domande più comuni che mi vengono solitamente fatte da chi vuole dimagrire e svelerò i trucchi del dott. Oz per snellire le zone più problematiche del corpo.

Concetti chiave per dimagrire

dimagrire calorie
Dimagrire è una parola da sempre di moda.  La si usa in maniera copiosa su riviste e programmi televisivi.

Parlare dei chili di troppo sembra essere inevitabile (soprattutto dopo le grasse feste, imposte dalla tradizione, e quando la stagione estiva è alle porte). Alle volte l’argomento viene riproposto in maniera ossessiva e spesso gli stessi canoni estetici promossi sono poco salutari (guardasi le modelle sempre più anoressiche).

In questo marasma di informazioni ho deciso di dire la mia e raccogliere in questa pagina tutto quello che si deve sapere per dimagrire realmente e soprattutto in maniera il più naturale possibile, fisiologica e salubre.

Un concetto fondamentale è quello che, per perdere peso, sia necessario bruciare più calorie di quelle che si assumono.

Possiamo ridurre tutto veramente a della semplice matematica e vi invito a seguirmi in questi calcoli:

La matematica necessaria per dimagrire
Per perdere approssimativamente mezzo chilo di grassi, è necessario bruciare circa 3500 calorie in più rispetto alle tradizionali calorie che il nostro corpo spende per eseguire tutte le attività giornaliere. Potrà sembrarvi ridondante, ma mi ripeto: queste 3500 calorie non vanno bruciate tutte in un giorno! Trasformiamo questa montagna di calorie in piccoli gradini da salire a poco a poco. Inventiamoci qualcosa da fare tutti i giorni per poter bruciare 3500 calorie, dilazionandole un pò il lunedì, un pò il martedì e così via fino al sabato. La domenica, giorno del Signore, affronteremo col giusto piglio la bilancia per prendere nota dei risultati raggiunti.

Probabilmente messa in questi termini potrebbe sembrare un approccio semplicistico, ma nella realtà le cose si complicano un tantino: seguire con determinazione una dieta sana ed equilibrata per dimagrire, riempire il carrello di determinati cibi, resistere alle golose tentazioni di una tavola imbandita di ogni bene, trovare il tempo per una passeggiata o per andare in palestra (sempre che ci si possa permettere di affrontare un’ulteriore spesa) e concedersi il giusto riposo, non è affatto facile. Ma non preoccupatevi, perchè procederemo per gradi in una guida passo-passo.

Piano piano. Un gradino alla volta
Sono le parole con le quali mia madre mi incoraggiava tutte le volte che mi vedeva in difficoltà, esitante di fronte alla vita.

Probabilmente è anche grazie a Lei se curo questo blog nel tentativo di condividere le mie conoscenze con chiunque avesse bisogno di consigli e dritte sulla salute ed il benessere.

Credo fortemente nello spirito di gruppo e nella solidarietà tra gli uomini.
So che un incoraggiamento, una parola di conforto e una testimonianza sincera possono fare molto. Per questo vi esorto fin da ora a commentare e condividere le vostre esperienze. Il vostro, il nostro, cambiamento comincerà oggi stesso!

Dimagrire velocemente è impossibile

Dimagrire velocemente è impossibile. Si può “perde peso” velocemente, ma non ridurre i chili di troppo in poco tempo. Con un dimagrimento drastico e veloce si rischierebbe di perdere liquidi, muscoli ed altro tessuto connettivo con effetti dannosi sulla propria salute (compresa la bellezza ed elasticità della pelle).

Abbandonate questa idea: diete fast, pillole naturali dimagranti, beveroni magici, gadget commerciali da indossare in vita, sono tutta spazzatura. Non si dimagrisce affidandosi alla magia e per fortuna la legge è intervenuta multando diversi marchi per pubblicità ingannevole. Inoltre cosa accadrà qualora interrompiate la “dieta veloce”? Avrete ancora un rene sano dopo aver preso quintali di diuretici o altri beveroni per dimagrire? Avete intenzione di prenderli vita natural durante?

Il vero segreto per perdere una volta per tutte i chili di troppo è quello di fare dei piccoli cambiamenti alla volta nella propria vita. Modifiche piccole, ma durature. E’ questa la chiave per il successo. E’ questa la reale difficoltà contro cui tutte noi ci scontriamo.

Dimagrire, step 1: di quante calorie ho bisogno?

Abbiamo capito che per dimagrire dobbiamo bruciare un pò più calorie di quelle che assumiamo con i cibi e le bevande tutti i giorni. Ma come facciamo a sapere quale sia il numero di calorie che il nostro corpo necessita per funzionare normalmente.
Lo possiamo fare con un parametro noto come “indice del metabolismo basale” o BMR. Ad esso, in un secondo momento, andremo a sommare le calorie che si bruciano quotidianamente a seconda del tipo di lavoro svolto e dello stile di vita.

Ma procediamo per gradi ed iniziamo con il metabolismo basale.

Come calcolare il metabolismo basale

Il metabolismo basale è in parole semplici la spesa energetica di un corpo a riposo. Solitamente è il 50 o il 75% del dispendio energetico totale che fa capo ad attività come la respirazione, la circolazione sanguigna, la digestione, etc.

» BMR = calorie minime da ingerire.

Detto questo, è possibile calcolare il bmr attraverso diverse formule. Sono a conoscenza di quella di Harris & Benedict, quella di Katch and McArdle, di Tagliabue, Andreoli e quella di Mifflin. Non sempre l’accuratezza è del 100%. Per questo occorre un pochino di flessibilità ed è importante mettersi in ascolto con il proprio corpo, per capirne il metabolismo e le richieste energetiche.

Vi rimando a questa pagina o a quest’altra (in inglese) per calcolare il metabolismo basale. Vi basterà inserire valori come l’altezza, il peso, l’età ed il sesso. Andate e tornate, per ultimare la lettura.

Sommare alle calorie del metabolismo basale quelle delle attività svolte durante il giorno

Un altro parametro molto importante nel calcolo calorico è quello che contempla il tipo di attività eseguita durante il giorno.

Fate così. Per una settimana tenete un diario delle attività. In esso dovete scrivere tutto l’esercizio fisico che fate: camminare, sollevare pesi, fare delle scale, alzarsi e sedersi da una sedia, etc.

Poi, attraverso un calcolatore di calorie, sarà piuttosto semplice prendere nota delle calorie spese. Occorrono pochi dati:

  1. il tipo di attività;
  2. per quanto tempo viene eseguita quella specifica attività;
  3. il proprio peso.

A tal proposito vi riporto due link molto utili per calcolare le calorie spese durante il giorno: Sito N.1; Sito N.2.

In alternativa si può indossare un aggeggio che misura i battiti cardiaci (cardiofrequenzimetro) e che attraverso questo parametro dia una indicazione delle calorie spese.

E’ importante raccogliere bene questi dati.

Dopo una settimana di calcoli, sommate le calorie spese in ciascun giorno e poi fate la media matematica. Così avrete una stima piuttosto valida di quante calorie il vostro organismo bruci a causa delle varie attività.

Dimagrire, step 2: quante calorie assumi quando mangi?

Dopo aver fatto il conto di quello che spendiamo, senza spaventarci troppo, andiamo a calcolare il numero di calorie ingerite a seguito dei pasti e degli spuntini.

Allo stesso modo di quanto fatto in precedenza, annotate su un diario quello che mangiate giorno per giorno (prendete nota anche di ciò che bevete, delle chewing gum, caramelle, etc..). L’accuratezza è tutto. Cercate di essere precise. A fine giornata aprite un libro nel quale sono presenti delle dispense caloriche (potete anche recarvi su questo sito o quest’altro) e scoprite quante ne avete assunte.

Oltre al tipo di alimento o bevanda ingeriti, prendete nota delle quantità che state mangiando o bevendo. Se avete una bilancia, pesate il tutto. Con i liquidi forse viene più facile perchè un bicchiere classico da tavola dovrebbe essere un quarto di litro.

Dopo una settimana, sommate tutte le calorie e poi trovatene la media. Così facendo saprete in maniera piuttosto precisa quante calorie fate entrare ogni singolo giorno all’interno del vostro corpo.

Dimagrire, step 3: facciamo il totale delle calorie

Adesso che avete calcolato quante calorie accumulate al giorno e quante ne spendete a riposo (BMR) e durante le attività fisiche giornaliere, fate una sottrazione:

» Calorie in entrata – Calorie in uscita

Sarà la matematica a dirvi se state sbagliando e di quanto: se le calorie che ingerite sono maggiori di quelle che spendete (BMR + Attività), siete destinate ad ingrassare (ricordate che mezzo chilo di ciccia equivale a 3500 calorie circa).

Esempio pratico di calcoli da farsi prima di decidere se e come dimagrire

Viola (che sono io) ha un metabolismo basale di circa 1400 calorie. A causa delle sue stressanti attività giornaliere spende circa 600 calorie (molte delle quali lamentandosi di ogni cosa).

Per evitare di metter su peso dovrebbe ingerire giornalmente 1400 + 600 calorie = 2000 calorie.

Ma quanto mangia Viola?

Ho tenuto il conto dei miei pasti proprio come vi ho descritto qualche rigo più sopra e sono arrivata alla conclusione che attualmente assumo circa 2030 calorie al giorno.

2030 – 2000 = 30 calorie;

Queste 30 calorie in più al giorno diventano 210 in una settimana.

E poichè mezzo chilo in più di grassi sono 3500 calorie, un kg di ciccia si manifesterà al raggiungimento di circa 7000 calorie.

A questo punto faccio 210 diviso 7000 = 0.03 kg, che sono uguali a circa 30 grammi di grassi in più a settimana. Se moltiplico questo valore per 4, ottengo il valore riferito al mese e se poi moltiplico per 12, ricavo quanti grammi in più probabilmente peserò a fine anno.

Svolgendo i calcoli, e continuando di questo passo, Viola si ritroverà a fine anno con 1440 grammi in più su fianchi, pancia e cosce. E’ quasi un kg e mezzo di grasso. Direi che il mio regime alimentare è piuttosto buono, anche se non vi nego che provvederò perchè a fine anno non sia ingrassata nemmeno di un grammo.

L’incubo di trovarsi grasse all’improvviso e non sapere come dimagrire

Spero che l’esempio fatto poco prima vi faccia capire quanto sia facile prendere peso lentamente ed inconsapevolmente.

Giorno dopo giorno possiamo accumulare quel tanto di grasso da stringere i pantaloni in vita la stagione successiva.

In ogni caso è altrettanto facile perderlo.

Sì, ho usato la parola facile. Abituatevi all’idea.

Dovete fare solo un piccolo cambiamento direttamente sulla vostra dieta o sulle vostre attività giornaliere, perchè a fine settimana (e non il giorno dopo) possiate apprezzare delle lievi diminuzioni di peso.

Se solo trovaste il modo per bruciare circa 200 o 500 calorie in più ogni giorno (riducendo la razione a tavola e muovendovi di più) sareste sulla giusta strada.

Vi sfido a mettere in pratica alcuni consigli per dimagrire.

1. Alzatevi 10 minuti prima la mattina per fare una passeggiatina veloce di 10 minuti – brucerete qualcosa come 100 calorie;

2. Durante la pausa lavoro approfittatene per fare una rampa di scale o una passeggiata di circa 12 minuti – l’attività fisica migliora la memoria e tira su l’umore. Inoltre consumerete circa 180 calorie;

3. Tutte le volte che avete sete, prendete dell’acqua e declinate qualsiasi offerta di bevanda gassata – risparmierete circa 100 calorie;

4. Saltate 10 minuti di TV, prendete un libro di yoga e concedetevi 10 minuti di esercizio – lo yoga. Smaltirete circa 50 calorie e vi rilasserete;

5. Trovate altri utili consigli (di quelli che fanno veramente la differenza) in un altro articolo che ora vi suggerisco: Come Dimagrire Velocemente Senza Dieta: 8 Facili Consigli Per Buttare Giù Qualche Chilo Di Troppo;

[Leggi anche] Dimagrire: I 100 Consigli Del Dr. Oz Per Perdere Peso;

Esercizi fisici per dimagrire più velocemente

dimagrire esercizi e sport
Una delle cose meno chiare in assoluto a chi vuol dimagrire è quanto esercizio fisico dovrebbe svolgere.

Purtroppo, proprio come la dieta, ogni soggetto ha bisogno di una diversa quantità di esercizio a seconda dei risultati che vuole raggiungere, della zona da snellire, dai gusti personali, dal proprio stato di salute, etc.

Diciamo che una linea guida piuttosto generale sarebbe quella di fare almeno 250 minuti di attività fisica a settimana. In altri termini, escludendo la domenica ed il sabato, sarebbero 50 minuti al giorno per 5 giorni.

Ma per chi fosse all’inizio, è sempre meglio cominciare per gradi: una buona idea potrebbe essere quella di eseguire 15-30 minuti di esercizi cardio per 3 volte a settimana.

Si aumenterà l’intensità dello sforzo un poco alla volta. Di settimana in settimana.

Ma cosa si intende per esercizi cardio?

Gli esercizi cardio sono tutte quelle attività fisiche che impegnano il corpo nella respirazione aerobica.

Solitamente sono a bassa intensità e di lunga durata.

Aerobico vuol dire letteralmente “vivere di aria” e si riferisce all’uso e consumo di ossigeno per adeguarsi alle maggiori richieste di energia durante uno sforzo.

Una lunga camminata, una seduta di aerobica, una passeggiata in bici, una corsa leggera, sono tutte attività aerobiche.

Piano cardio da seguire per dimagrire

Il nostro obbiettivo è quello di dimagrire e di farlo in maniera definitiva.

L’unico modo è quello di bruciare tante calorie da ottenere un impatto significativo sul nostro aspetto.

Prefissiamoci di dimagrire di 0,5 Kg a settimana.

Dovremmo bruciare circa 3500 calorie in più di quelle che abbiamo assunto durante la settimana attraverso la dieta.

Una semplice passeggiata su terreno pianeggiante a passo spedito per 30 minuti richiede circa 120 calorie.

Questa notizia può sembrare scoraggiante, perchè per perdere mezzo chilo di pancia dovremmo camminare circa due ore al giorno, ma non scoraggiatevi.

Intervenendo sia sulla alimentazione che sulla attività fisica, l’obbiettivo è facilmente raggiungibile.

Ad esempio potrebbe essere possibile tagliare 250 calorie al giorno dal proprio regime alimentare (evitando maionese, salami e altri cibi grassi) e allo stesso tempo camminare per un’oretta o fare 30 minuti di corsa leggera per spendere ulteriori 250 calorie.

In questo modo si bruceranno 500 calorie circa al giorno, che moltiplicate per 7 giorni fanno esattamente 3500 = mezzo chilo di grasso perso! 

 
Non cercate di spingere sull’acceleratore!
 Provare a perdere più di 0,50 KG alla settimana e mangiare meno di 1200 calorie per giorno sono azioni sbagliate, che non daranno nessun beneficio duraturo e che possibilmente si ripercuoteranno negativamente sulla salute in un futuro prossimo. Infatti privare il corpo dei nutrienti di cui ha bisogno non potrà che scompensare l’equilibrio omeostatico dell’organismo ed avere conseguenze negative sulla salute e sulla bellezza del soggetto.

[Leggi ] Cosa Succede Alla Pelle Quando Si Comincia Una Dieta?

Inoltre evitate di fare paragoni. Dimagrire è un processo strettamente collegato alla genetica di un soggetto. C’è chi perde o chi prende peso più facilmente e chi ha bisogno di più tempo.

I risultati migliori si ottengono mettendoci tanto impegno e soprattutto rivolgendosi ad un dietologo preparato e ad un altrettanto scrupoloso personal trainer.

Quante volte occorre allenarsi per ottenere dei grandi benefici sul dimagrimento?

Diciamo che dalle 5 alle 6 volte a settimana, sarebbe il massimo che ci si potrebbe augurare.

Quanto tempo devo passare in palestra ogni giorno per dimagrire?

Per raggiungere dei risultati ottimali e nel minor tempo possibile direi che 45 minuti di esercizi cardio misti ad un pò di pesi sarebbero l’ideale.

In tutti i casi non è necessario spingere così drasticamente sull’acceleratore. Soprattutto se non si è dei fanatici dell’attività fisica e andare in palestra risulta un vero e proprio peso.

A tutte voi che adorate leggere in pantofole e comodamente sdraiate sul divano di casa svelo un segreto: anche l’esercizio al 50 per cento della vostra frequenza cardiaca massima può aiutare a dimagrire.

Un esercizio lento e duraturo è migliore per dimagrire di quello intenso?

Probabilmente avrete sentito più volte che per dimagrire non occorrono sforzi eccessivi. “Camminare velocemente è più utile che correre, quando si tratta di perdere peso e grasso” – non è del tutto così!

Ciò che accade è che durante gli esercizi aerobici di bassa intensità, il corpo usi come riserva energetica primaria i depositi di grasso.

Mano a mano che si aumenta di intensità lo sforzo, il corpo necessità sempre di maggiori energie e sempre più velocemente. Ecco che allora attinge alle riserve di zuccheri.

Esempio sull'intensità dell'esercizio per dimagrire
 Se faccio una blanda attività sui pattini e sciupo 100 calorie in 30 minuti. Avrò tratto le energie per circa l’80% dalle riserve di grasso e per il restante 20% da quelle di zucchero presenti nel sangue.

Ma se aumentassi l’intensità in modo da bruciare 300 calorie in 30 minuti, allora avrei preso l’energia per il 30% dai grassi e per il 70% da altre risorse più immediate.

Se adesso vado a calcolarmi le percentuali, scopro che il 30% di 300 è 90 calorie!

Ben 10 calorie in più estratte dai grassi rispetto alla pattinata blanda.

Quindi è vero che un esercizio moderato fa dimagrire in maniera più “localizzata”, ma è anche vero che chi spende di più dimagrisce più velocemente. Il problema è reggere un alto livello di intensità durante un esercizio fisico.

Esercizi fisici per dimagrire: quali attività, quali sport bruciano più calorie?

Diverse attività portano a diversi consumi di calorie.

Mi sembra quindi appropriato che ognuno scelga non solo quella che più gli aggrada, ma anche quella che richiede il maggior dispendio energetico.

L’importante è non strafare ed essere oggettive nella valutazione della propria condizione fisica iniziale.

All’inizio occorre scegliere quella attività che è possibile sostenere per almeno 10, 15 minuti. Poi si andrà aumentando di poco a poco nelle settimane successive, mano a mano che la condizione fisica migliorerà.

A tal scopo ho creato una bella tabella con le attività fisiche più popolari ed il numero di calorie bruciate in media. E’ logico che si tratta di valori che ci danno solo una indicazione sul consumo calorico. Infatti il numero di calorie bruciate dipende molto dall’intensità dello sforzo, dalla massa muscolare del soggetto e dal personale metabolismo.

Secondo la statistica un principiante è capace di bruciare dalle 4 alle 5 calorie per minuto durante un esercizio. Non di più.

Una persona allenata, invece, può arrivare anche a 10 o 12 calorie per minuto.

Tipo di esercizio fisico Calorie spese per 15 min. Calorie spese per 30 min. Calorie spese per 45 min. Calorie spese per 60 min.
Nella tabella vengono anche calcolati i tempi morti che sono presenti nel calcio o nel tennis. Queste attività non sono aerobiche nel vero senso della parola (gli scatti richiedono uno sforzo intenso) però sono un ottimo allenamento per dimagrire e mantenersi in un buon stato di forma. I valori sono riferiti ad una persona di circa 68KG. Se siete più leggere, brucerete un pò meno calorie. Se siete più pesanti, ne brucerete un pò di più.
Aerobica in palestra 171 342 513 684
Basket 141 282 432 564
Bici (20 km/h) 142 283 425 566
Bici (25 km/h) 177 354 531 708
Bici (30 km/h) 213 425 638 850
Camminare 5 km/h (pianura) 60 120 180 240
Camminare 5 km/h (salita) 81 162 243 324
Camminare 6.4 km/h (pianura) 73 146 219 292
Camminare 6.4 km/h (salita) 102 206 279 412
Canottaggio 104 208 310 415
Circuito pesi palestra 189 378 576 756
Corsa (10 km/h) 183 365 548 731
Corsa (12 km/h) 223 446 670 893
Golf 87 174 261 348
Karate, tae kwon do 192 834 576 768
Nuoto 124 248 371 497
Pattinaggio 150 300 450 600
Pugilato 165 330 495 660
Salto della corda 143 286 429 572
Sci di fondo 146 291 437 583
Sci discesa 105 210 315 420
Tennis (singolo) 116 232 348 464
Tennis (doppio) 43 85 128 170

Come scegliere gli esercizi fisici cardio per dimagrire più adatti alle proprie esigenze e monitorarne l’efficacia

Affidandosi alle mani esperte di un personal trainer è possibile scegliere tra tanti esercizi cardio molto efficaci per dimagrire.

Provateli un pò tutti e poi scegliete quello che vi dispiace meno.

L’importante è che il cuore lavori ad una frequenza oscillante tra il 60 e l’85% del suo massimo.

Trovare il massimo è un’operazione piuttosto semplice perchè occorre sottrarre al numero 226 (per le donne o 220 per gli uomini) la propria età.

Prendete quindi il risultato della sottrazione e moltiplicatelo per 0,6 (per trovare il 60%) e poi per 0,85 (per trovare l’85%).

A questo punto avrete un range intorno al quale stazionare per rendere i vostri esercizi per perdere peso molto efficaci.

Come si misura la frequenza cardiaca?

Anche questo è piuttosto semplice da fare.

Mentre state eseguendo un esercizio, ad esempio una camminata veloce su tappeto, poggiate indice e medio sul polso fino a sentire battere contro le dita. Prendete il numero di battiti che si ripetono in 10 secondi e poi moltiplicatene il valore per 6.

Se la frequenza cardiaca è troppo bassa, allora aumentate l’intensità dell’esercizio. Invece, qualora la frequenza fosse più alta dell’85%, rallentate.

Chi si stesse avvicinando solo ora all’attività fisica è bene che si faccia controllare da un dottore prima di mettere sotto sforzo il proprio cuore.

Inoltre è meglio non strafare. Soprattutto le prime volte non è necessario raggiungere a tutti i costi quel 85% di frequenza cardiaca massima.

Per quanto riguarda la misurazione della frequenza, in alternativa alla misurazione manuale, si può acquistare un cardiofrequenzimetro. Si tratta di uno strumento molto più efficace nel misurare il numero di battiti. Mentre la manovra manuale può risultare difficoltosa, perchè occorre un minimo di concentrazione e di dimestichezza, tutte siamo capaci a leggere un valore numerico su un monitor.

Perchè è importante conoscere la frequenza cardiaca per dimagrire?

La frequenza cardiaca (o pulsazioni) è importante per dimagrire perchè ci da il numero di battiti al minuto che il cuore compie – nel nostro caso – durante uno sforzo.

Quando si comincia un allenamento dopo anni di inattività non si può mai sapere quale sia il limite contro il quale spingersi. E questa mancanza può essere molto pericolosa.

Lasciatemi porre una domanda.

» Secondo voi fatichereste di più nel correre 10 minuti alla vostra massima velocità in una giornata stupenda e fresca o nel correre ad una velocità meno sostenuta, sempre per 10 minuti, ma con un clima ostile, caldo ed umido?
Scopri la risposta giusta

Proprio tenendo sotto controllo le pulsazioni cardiache è possibile scoprire moltissime cose sulla propria forma fisica.

Le prime volte che ci si allena (se non si è già abituati) il cuore faticherà non poco per sopperire alle richieste di ossigeno e sangue ai vari distretti del corpo.

Ma se ci si allena regolarmente, il sistema aerobico diventa più efficiente e si fatica molto meno ad eseguire lo stesso esercizio.

Traducendo in frequenza cardiaca – se prima eseguivamo un esercizio con un numero di pulsazioni vicino a 90, dopo qualche mese di allenamento lo stesso esercizio verrà eseguito ad una frequenza molto più bassa: 10 o 20 battiti in meno al minuto.

I modelli più accurati di cardiofrequenzimetro sposano l’efficacia visiva di un monitor da polso con un sensore da ancorare al petto. Questo sensore misurerà l’attività elettrica del corpo. Proprio come avviene durante un elettrocardiogramma.

Il segnale elettrico viene convertito in un valore numerico e trasmesso via segnali radio al monitor che lo mostra al soggetto che si sta allenando.

Molti attrezzi attualmente hanno un cardiofrequenzimetro integrato e non occorre più indossare un orologio da polso.

Per una igiene personale, però, suggerisco di comprare almeno un elettrodo che sia tutto vostro.

Attenzione! E’ importante che si comincino i propri esercizi sempre partendo dalla frequenza più bassa. E si devono terminare anche alla frequenza più bassa. In questo modo sarà come se il corpo facesse un ciclo di allenamento aerobico che prevede un primo innalzamento della frequenza ed un secondo abbassamento e normalizzazione del battito cardiaco.

Power walking o Marcia. E’ l’esercizio che preferisco. I suoi tempi si sposano bene con la mia voglia di curiosare e godermi il panorama. E’ un’attività fisica che si può svolgere in qualsiasi posto e non esercita una pressione eccessiva sulle articolazioni. A tal proposito vi faccio vedere un video dimostrativo. E’ in inglese, ma è facile da comprendere e interpretare. Inoltre vi rimando ad una pagina tutta in italiano in cui si parla del Power walking.

Pagina di riferimento per il Power walking.

Cyclette. Oltre ai tapis roulant sui quali correre o marciare, le palestre sono piene di cyclette. Credo sia l’esercizio più gettonato perchè è uno dei meno faticosi da eseguire. Io lo trovo però un tantino monotono e noioso. Quelle poche volte che ho utilizzato una bici da camera finivo per immaginare verdi campi e spiagge assolate. Ed allora mi veniva voglia di scendere dalla bici e stendermi a prendere il sole. So che non dovrei dirlo, ma sono di una pigrizia inaudita.

Ma torniamo alla cyclette: è molto importante l’altezza del sellino. Essa va regolata in modo che, quando spingete in basso con le gambe, il ginocchio formi una leggera ansa.

Le spalle vanno mantenute rilassate, anche se ogni tanto ci si può appoggiare sui manubri.

Cominciate con una pedalata sciolta, leggera e lenta. Le ginocchia vanno sempre puntate in avanti. Mai pedalare con le gambe aperte: potreste mettere a serio rischio l’articolazione del ginocchio. Si comincia con delle leggere irritazioni e poi si finisce con un fastidioso dolore che ci terrà lontane dalla palestra. Quindi non abbiate vergogna e fatevi sempre spiegare come eseguire un esercizio senza rischiare infortuni.

Ballo. Personalmente adoro ballare anche se non sono una campionessa di ancheggiamenti. Per ballare basta poco. Si accende la radio. Si mette su un disco e ci si muove. Fate movimenti ampi con braccia e gambe. Sempre movimenti controllati e lenti, se necessario. In quasi tutte le palestre ci sono anche dei corsi di ballo. Li trovo un’alternativa valida alla noiosa cyclette.

Corda. Ci ho provato un paio di volte e poi ho desistito. Anche questo esercizio non fa per me. Tuttavia è un ottimo allenamento per dimagrire e bruciare le calorie. Inoltre lo si può fare ovunque. Basta avere una corda e tanta pazienza per imparare. Mi raccomando: non partite con il presupposto di saltare per dieci minuti di fila.

Ad esempio potreste prendervi 10 secondi di pausa ogni 10 secondi di saltelli. E poi allungare mano a mano il tempo di esercizio e diminuire le pause.

Step o Scale. Salire e scendere le scale è un ottimo allenamento aerobico (e stranamente mi piace). Lo si può fare anche in casa. Basta acquistare uno step: è una sorta di gradino portatile. Proprio come quello che si trova nelle palestre durante le “lezioni di step” (scusate la ripetizione della parola).

Guardate il video di questa lezione. Non ditemi che non è divertente. Comprate uno di questi aggeggi e seguite il video. Vi divertirete.

Non dimenticate di muovere ampiamente le braccia. Stimolerà la circolazione ed il lavoro aerobico.

Come massimizzare gli esercizi fitness e cardio per dimagrire più velocemente

Una volta scelto l’esercizio fisico da fare bisogna spronarsi ad andare avanti ed incrementare gradualmente l’intensità dello sforzo. Questo non vuol dire che, se siamo abituate a correre per 20 minuti alla volta, la settimana successiva dobbiamo forzarci di raddoppiare e di raggiungere i 40 minuti!

Lo scopo è solo uno: fare in modo che il nostro cuore lavori tra il 60% e l’85% della sua capacità massima!

Quindi, se la settimana prima avete fatto 20 minuti di corsa per sessione di allenamento (tre allenamenti a settimana). La settimana successiva ripartite da 20 minuti a sessione, allenatevi la seconda volta ancora a 20 e poi (alla terza seduta della settimana) aumentate di poco il tempo trascorso sul tapis roulant. Ad esempio 22 minuti (o poco più) al posto di 20.

Solitamente il miglior approccio possibile è quello di non aumentare mai più del 10% lo sforzo rispetto alla seduta della settimana precedente.

Se ho corso per 20 minuti a sessione di allenamento la settimana prima, non potrò (non dovrei) correre per più di 22 minuti la settimana successiva.

» 20 * 0,10 = 2 + 20 (minuti) = 22;

La professionalità del personal trainer fa tutta la differenza di questo mondo.

Non scoraggiatevi alle prime sedute di palestra.

In troppe e troppi molliamo subito con l’esercizio fisico.

E sbagliamo! L’esercizio è molto importante. Lo è quasi quanto l’alimentazione (che analizzeremo tra poco).

Solitamente le prime 5 – 10 sedute sono le più faticose. Oltrepassato questo traguardo è tutto in discesa. Quindi resistete.

Vi prometto che dopo 10 sedute cambieranno molte cose.

Una volta tornate dalla palestra non crollerete sul divano, avrete ancora delle energie per fare tanto. Sarete più attive e più propositive di prima. Su questo ci metto la mano sul fuoco.

3 cose fondamentali da tenere sempre a mente per dimagrire velocemente

Sintetizzando tutto quello che abbiamo scritto sopra ci sono 3 cose fondamentali da tenere sempre a mente per dimagrire velocemente e riuscire a sopportare l’impegno dell’attività fisica.

1. Quante volte mi devo allenare a settimana?

5 volte a settimana sarebbe l’obbiettivo più alto che vi potreste prefissare. Allenandovi 5 volte a settimana dimagrirete prima.

Però la maggior parte delle persone preferisce allenarsi solo 3 o 2 volte a settimana.

Accordiamoci in questa sede per le 3 volte e non pensiamoci più.

Un giorno di totale riposo a settimana bisogna sempre concederselo. Non strafate!

2. Non incrementate l’intensità dello sforzo per un fattore superiore al 10% rispetto alla settimana precedente

Rischiate di farvi male e scoraggiarvi per il probabile fallimento.

3. Come faccio a capire se mi sto allenando bene?

Il vostro obbiettivo è quello di restare nella “heart-rate zone“. La vostra frequenza cardiaca deve essere sempre compresa tra il 60% del carico massimale e l’85%.

[Potreste anche fare in questo modo] Un giorno vi allenate ad una bassa frequenza cardiaca (vicina al 60%) e per un maggiore lasso di tempo; la volta successiva, invece, aumentate l’intensità (pulsazioni molto più vicine all’85%) e diminuite il tempo dell’esercizio.

Esempio di dieta dimagrante per perdere peso in modo razionale e salutare

dimagrire alimentazione
Quando si parla di dieta devono essere chiari alcuni concetti:

  1. Ognuno di noi ha dei gusti che devono essere rispettati, perchè la dieta non sia solo un tentativo fallace di dimagrire;
  2. Non bisogna fissarsi su degli alimenti in particolare, per evitare che il corpo venga privato di quei nutrienti che gli assicurano l’omeostasi;
  3. Di tutto un pò. Le razioni devono essere contenute. Io vi propongo di abbandonare il tradizionale piatto e di provare a mangiare il primo ed il secondo in un piattino da dolce (probabilmente ora mi prenderete per pazza, ma provate. Poi fatemi sapere nei commenti);
  4. Molta verdura, poca frutta, poca pasta, poco riso, poca carne, poco pesce, pochissimo formaggio e niente cibi trattati o elaborati;
ColazioneOre 11PranzoMerendaCena
 Concedetevi un caffè normalmente zuccherato + un bicchiere di latte parzialmente scremato + 20 grammi o 30 grammi di cereali integrali.

In alternativa potreste cambiare i cereali con delle più croccanti fette biscottate. Non più di 4.

Oppure 6 cracker.

Al posto del latte vanno bene anche due vasetti di yogurt. Non deve essere necessariamente magro. Potete gustarne anche uno di quelli alla frutta. Buonissimi!

Tra di voi, però, potrebbe esserci chi è intollerante al latte. E allora si può fare una buona e sana colazione con un panino al prosciutto + un bicchiere di succo di frutta (meglio se la spremuta è fresca e senza zucchero).

Per lenire i morsi della fame può andare benissimo un frutto fresco.
 Il pranzo va fatto con tutti i crismi.

Pesate circa 80 grammi di pasta o riso. Potete condirla con del pomodoro o delle verdure o del pesto.

In alternativa un bel risotto ai frutti di mare sarebbe l’ideale.

Per secondo la carne (o eventualmente il pesce) va cotta ai ferri o al vapore. Non esagerate con le fette. Non abbiate remore con le verdure. Abbondate! Siano esse cotte o crude non fa differenza. Variate le verdure. Così esse vi daranno un apporto importantissimo di sali minerali e vitamine.

E’ possibile accompagnare il tutto con 50 grammi di pane.

Per quanto riguarda il bere sono vietate le bevande gassate. Al massimo ci si può concedere un bicchierino di vino. 

A merenda va bene un frutto o 4 fette biscottate integrali.
 A cena è sempre meglio restare leggere così da svegliarsi più pimpanti il mattino seguente.
Consiglio un minestrone di verdure o un riso condito con dell’olio d’oliva.

Ad esso si possono aggiungere 2 uova o del formaggio fresco (non più di 60 grammi) o della bresaola o del prosciutto (non più di 50-60 grammi).

Potete abbondare con la verdura cruda per contorno.

[Nota] Seguire una buona dieta, una dieta pensata proprio per se stesse, è di fondamentale importanza. Non bisogna sottovalutare questo aspetto. Ecco perchè scegliere un nutrizionista in gamba (e non uno di quelli che rifilano le solite diete standard) fa tutta la differenza di questo mondo.

Un dottore che non conosce la propria paziente, che non chiede nulla sulle sue abitudini, sui suoi gusti, non è un bravo nutrizionista. Prima di pagarlo alzatevi ed uscite dalla sala!

Una dieta sbagliata può letteralmente “rovinare” un soggetto. Specie se stiamo parlando di una ragazza o ragazzo.

[Leggi anche] Come Seguire Una Dieta Sana E Equilibrata Per Dimagrire;

FAQ, domande e risposte per dimagrire velocemente senza commettere più errori

dimagrire domande
In questo paragrafo ho raggruppato quelle che sono le domande più frequenti che, chi vuole dimagrire, si pone. A tutte ho dato una risposta. Per eventuali chiarimenti o confronti ricordatevi che potete lasciare un commento a fine articolo.

Dimagrire Velocemente E’ Possibile?

NO.

E’ possibile perdere peso velocemente. Perdere acqua, muscoli, tessuto osseo ed altro tessuto connettivo assieme ai grassi.

Dimagrire è tutta un’altra cosa!

Non cercate a tutti i costi di dimagrire in poco tempo. Prima di una data vicina!

Quali sono gli errori più comuni da non commettere per chi volesse dimagrire?

Le diete che propongono un solo alimento o una sola classe di alimenti sono da evitare come la peste. Questo genere di diete, oltre ad essere noiose e a rovinare l’umore, depauperano il corpo dei sali minerali, delle vitamine ed altri nutrienti fondamentali per il normale svolgimento di tutte le attività. Il metabolismo viene stravolto e qualsiasi risultato di dimagrimento è fasullo. Solo momentaneo. E probabilmente i danni si ripercuoteranno a lungo in futuro.

In estate devo bere di più che in inverno?

In genere si dovrebbero bere circa un litro e mezzo di acqua al giorno.

Se si suda molto, e quindi in estate ma anche se si fa dello sport in inverno, è bene reintegrare i liquidi persi in maniera più che abbondante.

In questi casi, però, sarebbe meglio non bere delle acque oligominerali, perchè sudando si perdono molti sali minerali ed un’acqua oligominerale andrebbe a rifocillare l’organismo di acqua, ma lo lascerebbe privo dei sali perduti.

Inoltre è preferibile non bere mai acqua ghiacciata. La temperatura ideale è quella intorno ai 10 gradi. Grado in più, grado in meno. E comunque è sempre preferibile bere a piccoli sorsi.

Come mi devo comportare con i succhi di frutta se sono a dieta?

Come con tutto il resto non si deve mai esagerare.

Questo vale per i succhi e anche per la frutta stessa. Infatti essi contengono in media il 10% di zuccheri fortemente calorici.

In un chilo di frutta sono presenti circa 100 grammi di zucchero, che equivalgono a 400 calorie. Tante quante se ne trovano in circa 100 grammi di pasta o 200 di pane.

E non fatevi ingannare dalla parola chilo. Un chilo di frutta sono 3 o 4 pesche.

Quindi soprattutto chi soffre di trigliceridi alti deve stare attenta/o nell’ingerire la frutta. Infatti l’alcol, la frutta, i dolci e gli zuccheri in generale, se assunti in eccesso, vengono trasformati in acidi neutri. Praticamente trigliceridi.

Inoltre la frutta tende a far aumentare l’acido urico. Ne consegue che chi soffre di alti livelli di acido urico e di crisi gottose deve stare particolarmente attento al consumo di frutta.

Le bevande gassate non vanno bene se devo dimagrire?

Assolutamente no!
Le bevande gassate non vanno per nulla bene se vuoi dimagrire.

Gonfiano, aggrediscono lo smalto dei denti e contengono tanti zuccheri infimi, che entrano all’interno del corpo senza che ci se ne renda conto.

Esse, inoltre, dopo una breve sensazione di refrigerio stimolano ulteriormente la sete. Si è invogliate a berne ancora ed ancora.

In caso di sete è meglio optare per dell’acqua alla quale viene aggiunto un pò di succo di limone. Meglio se servita sempre attorno ai 10 gradi. Questa è la bevanda che molti test scientifici hanno dimostrato essere la più dissetante.

L’alcol non va bene se si vuole dimagrire? Va tolto del tutto?

L’alcol è ricco di calorie. Fa ingrassare, se bevuto con leggerezza. Inoltre fa male all’organismo.

Un grammo di alcol contiene circa 7 calorie, praticamente il doppio fornito dagli zuccheri e dalle proteine.

Ma il vero problema dell’alcol è che esso si ossida in modo tale da produrre del calore che è difficile da disperdere in estate e controproducente in inverno, perchè alla fine questo calore in più obbliga il corpo ad una serie di azioni che finiscono per disperdere il calore corporeo al posto di “accumularlo”.

Ci sono dei cibi che devono essere evitati assolutamente durante la dieta?

Direi che tutti i cibi trattati o eccessivamente elaborati, come la frittura, gli arrosti, gli insaccati, andrebbero evitati, perchè appesantiscono troppo la digestione e sono una fonte incredibilmente ricca di calorie, grassi e sostanze che causano qualche interferenza al normale equilibrio dell’organismo.

Esiste un alimento principe di tutte le diete?

Direi che ortaggi e verdura sono solitamente freschi, ricchi di vitamine, sali minerali e fibra. Inoltre sono estremamente poveri di zuccheri.

Viola, hai parlato in passato di alcune diete famose per dimagrire?

Sì.

Se volete ve ne linco alcune, ma non sempre penso bene di queste diete del momento.

E’ possibile ricorrere alla chirurgia per dimagrire?

Sì, è possibile ricorrere alla chirurgia per dimagrire, ma solo in casi di obesità.
L’operazione è comunemente conosciuta come chirurgia bariatrica e avevo preparato diversi articoli sul tema. Cliccate sul bottone che segue per approfondire il tema.

In alternativa a bendaggi gastrici vari, palloncini inseriti nello stomaco e riduzioni degli organi deputati alla digestione e assorbimento dei cibi, si potrebbe ricorrere alla liposuzione.

In ogni caso concepisco queste soluzioni per dimagrire solo come ultima spiaggia in caso di problemi di peso.

Farmaci per dimagrire, integratori dimagranti e cerotti per perdere peso

In commercio sono presenti farmaci e integratori dimagranti di ogni forma.

I primi si rivolgono a dei soggetti i cui problemi di peso vanno presi seriamente in considerazione perchè metterebbero a rischio la salute. Gli integratori, invece, in linea di massima vengo suggeriti senza troppe precauzioni a chi volesse dimagrire velocemente e senza fatica (praticamente attraverso una bacchetta magica).

Farmaci dimagranti per perdere peso

I farmaci dimagranti trattano l’obesità e il sovrappeso severo.
Si ricorre ad essi quando i soggetti dimostrano di non riuscire a dimagrire adeguatamente con una dieta ipocalorica. Per adeguatamente intendo una riduzione del peso maggiore al 5% rispetto ai valori base in un arco di tempo di tre mesi.

Essi possono essere divisi in due categorie:

  • farmaci da banco;
  • farmaci con obbligo di prescrizione;

I farmaci da banco non richiedono nessuna prescrizione medica e sono sostanzialmente dei lassativi (che buttano via i liquidi e aumentano il transito intestinale con un minore assorbimento dei nutrienti), soppressori della sensazione di fame naturali (pectina, glucomannano, agar agar, crusca, gomma di guar – praticamente basterebbe tornare a mangiare integrale ed evitare di comprare a peso d’oro le fibre), pillole dimagranti a base di erbe e cerotti (ma non per questo son al 100% efficaci e sicuri per la salute). Personalmente ne rilevo solo un effetto placebo. Essi devono per forza di cosa essere accompagnati da una dieta ipocalorica e da della attività fisica se si vuole dimagrire.

I farmaci con obbligo di prescrizione da parte del medico sono decisamente più potenti nell’azione dimagrante, ma bisogna tener conto degli effetti collaterali che tutti i medicinali hanno e che possono anche rivelarsi gravi. Essi agiscono soprattutto a livello centrale stimolando il centro della sazietà e inibendo quello della fame, che si trovano entrambi nell’ippotalamo. Per alcuni farmaci (noti anche come anoressizzanti) è stato pure ipotizzato un possibile effetto termogenico che terrebbe sù il metabolismo durante il dimagrimento.

Esempi di farmaci dimagranti sono:

Farmaci dimagranti non disponibiliFarmaci disponibili e usati in Italia per la riduzione del peso

Le controindicazioni dei farmaci dimagranti possono essere molto gravi: palpitazioni; tachicardia; aumento pressione arteriosa; cardiomiopatia dilatativa.
Se poi l’uso dei farmaci per dimagrire è prolungato, posso insorgere effetti collaterali sul sistema nervoso: ansia; cefalea; tremori; insonnia; irrequietezza; vertigini.
Alcuni pazienti, inoltre, hanno accusato disturbi come: alterazioni della libido; costipazione; diarrea; disuria; epigastralgia (mal di stomaco); nausea; secchezza della bocca.
Per non parlare del fatto che, una volta smesso di prendere i farmaci dimagranti, spesso il peso perso si recupera con gli interessi.

Inoltre non vanno assunti in gravidanza.

[Leggi anche] Farmaci Dimagranti: 10 Cose Che Il Medico Non Ti Dice;

Esempi di integratori dimagranti:

Integratori per dimagrire Come agiscono Sono sicuri?
Gli integratori dimagranti non sono considerati farmaci e per questo non sono soggetti alle stesse regole di progettazione e realizzazione a cui sono sottoposti i medicinali. Detta in altre parole: possono essere venduti senza che ne siano state accertate sicurezza e efficacia.

Che integratori trovo in farmacia o online? E’ veramente impossibile stare dietro alle logiche di mercato. Vi riporto quindi le formulazioni trovate più frequentemente in farmacia.

Integratori per dimagrire che trovereste in farmacia
Acido linoleico coniugato (CLA) Si ritiene che riduca il tessuto adiposo e migliori l’aumento della massa muscolare magra. Non sembrano esserci controindicazioni.
Arancio amaro, Caffeina, Cola, Cromo, Efedrina (ritenuta pericolosa e bandita), Guaranà, Mate (yerba mate), Pseudoefedrina, Sinefrina, Sida cordifolia (ritenuta pericolosa e ne è stata vietata la vendita), Teobromina, Tè oolong, Tè nero, Tè verde. Regolatori della termogenesi: i grassi verrebbero bruciati dando in cambio energia e calore. L’efedrina inoltre inibisce la sensazione di avere fame. Richiedono una certa attenzione: gli effetti collaterali dipendono dalla personale sensibilità del soggetto e dalla dose assunta. In ogni caso possono dare:  allucinazioni, ansia, cefalea, diarrea, dispnea, emorragia cerebrale, gastrite, insonnia, ipertensione, irritabilità, palpitazioni, tachicardia.
Fucus, Iodio, Laminaria. Influiscono sulla produzione degli ormoni tiroidei. Controindicazioni da non trascurare: alterata funzionalità della tiroide, aritmie, insonnia, tachicardie.
Agar agar, Carragenina, Cellulosa, Chitosano, Crusca, Faseolamina, Glucomannano, Gomma karaya, Guar (gomma di guar), Hoodia, Mucillagini, Semi di lino. Agiscono stimolando il senso di sazietà, rallentando la digestione e il relativo assorbimento dei nutrienti. Vanno presi con abbondante acqua. Gli effetti collaterali più comuni sono: crampi addominali, flatulenza e meteorismo.
Inoltre potrebbero determinare una carenza di minerali, vitamine e nutrienti fondamentali per l’organismo.
Guai a prenderli in caso di ostruzione intestinale o stenosi esofagea.
Carnitina. La carnitina è un acido carbossilico ed aminoacido a catena corta. La sua funzione è quella di carrier (trasportatore) degli acidi grassi, consentendo ai mitocondri di utilizzarli per la produzione di ATP (energia). Non è pericoloso assumerla però alcuni soggetti hanno manifestato una certa ipersensibilità che ha dato sintomi come
disturbi digestivi, insonnia (se presa prima di coricarsi), ipertensione, malessere generale, tachicardia.
Diuretici naturali come Acque povere di sodio, Ananas, Betulla, Borragine, Carciofo, Cetriolo, Cipolla, Equiseto, Finocchi, Fiori di sambuco, Infuso di foglie di noce, Mela, Ortica, Patate, Pilosella, Sedano, Stimmi di mais, Tarassaco (o dente di leone o soffione), Uva, Verga d’oro. Fanno espellere i liquidi del corpo e (forse) accelerano il transito intestinale, ma non fanno perdere i chili di troppo. Possono rivelarsi abbastanza pericolosi: facilitano la disidratazione e perdita di sali minerali; si può incappare in dolori addominali e ipotensione.
BromelinaPapaina. Sono degli enzimi proteolitici. Possono migliorare la digestione, ma scarsa è la loro azione dimagrante. Sono relativamente sicuri, ma possono dare problemi digestivi e far incorrere in ipermenorrea (mestruazioni particolarmente abbondanti).
[Leggi anche] 7 Integratori Naturali Usati Per Dimagrire;

Video testimonianze, foto e immagini di chi è riuscito a dimagrire

In questo paragrafo ho selezionato una serie di video che parlano di persone che sono riuscite a dimagrire. Io li trovo fortemente motivazionali, perchè vi fanno vedere il prima e il dopo rendendo quasi palpabile l’obbiettivo.

Brucia grassi naturali per dimagrire le zone più problematiche del corpo

dimagrire dottor oz

In questo paragrafo sottopongo alla vostra attenzione le migliori formule dimagranti del Dr. Oz, pensate a posta per 5 diversi tipi di fisico da snellire.

Se desideri sbarazzarti di quella pancia sporgente o snellire definitivamente quel sederone o se vuoi dimagrire il grasso attorno alle braccia, questo è l’articolo giusto per te.
Parleremo di integratori brucia grassi specifici per ciascuna parte del corpo che vorresti rimodellare. Si tratta di un livello un pò avanzato di vedere le cose. Passeremo alle ultime scoperte in campo di diete che mettono in luce come fossero sbagliate le concezioni che ora questa ora quella dieta possano andare benone per qualsiasi soggetto. Lo si è pensato e scritto per anni ed ancora molti professionisti del settore attardano ad aggiornarsi: DIVERSI TIPI DI CORPO RICHIEDONO DIETE SPECIALI PER DIMAGRIRE CORRETTAMENTE NELLE AREE PIU’ SOGGETTE AD ACCUMULO – braccia, pancia, cosce o fondoschiena.

I 5 migliori brucia grassi che ti aiutano a dimagrire lì dove ne hai più bisogno!

1. Formula brucia grassi per dimagrire la pancia

Purtroppo anche in Italia tantissime donne si sforzano tutti i giorni di perdere qualche chiletto del proprio addome; e dico purtroppo perchè il grasso che si accumula attorno alla vita è estremamente pericoloso per il corretto funzionamento degli organi.

Una ragione per la quale è così difficile dimagrire la pancia è lo stress, collegato agli ormoni combatti-o-scappa che comandano al corpo di non dissipare il grasso in vita.

Per dimagrire il girovita provate ad integrare per 7 giorni:

» 1000mg GLA (acido gamma linolenico) – da assumere prima di ogni pasto;
» 1 tazza di fagioli ad ogni pasto;

Questo piano farà in modo che arrivino alle cellule di grasso dei segnali di relax così che esse non si allarmino e cedano parte delle riserve accumulate.
Inoltre le fibre solubili contenute all’interno dei fagioli promuovono la corretta flora batterica, abbassando quella tipica infiammazione viscerale legata al grasso della pancia

Se prendere 1 grammo di acido-gamma-linoleico è relativamente facile, potrebbe non esserlo altrettanto aggiungere dei fagioli ad ogni pasto.
Ecco dei suggerimenti pratici:

ColazionePranzoCena
Assumi una tazza di ceci tal quale oppure prova a realizzare dei Muffin.
La ricetta dei muffin dietetici è molto semplice da mettere in pratica.

… Ti serviranno…

Scopri la ricetta
Aggiungi una tazza di fagioli neri all’interno di un qualsiasi pasto sano congelato (esempio minestrone).
Aggiungi una tazza di fagioli bianchi o atri fagioli al tuo contorno o ad una insalata.

2. Formula brucia grassi per dimagrire il sedere

Ahimè, anche io tendo ad accumulare la ciccia sul sedere!
E’ dovuto principalmente a delle condizioni genetiche. Ecco perchè alcune persone sono più propense ad ingrassare nella zona del fondoschiena, che (se poi ci fermiamo a riflettere) consentirebbe evoluzionisticamente parlando maggiore protezione ed isolamento termico.

Purtroppo l’accumulo di grasso sulle natiche ed il suo smaltimento sono corsie a velocità diverse. Ingrassare è piuttosto facile; dimagrire (sempre in quella zona fatidica) lo è molto meno.

Per dimagrire più velocemente il sedere prova:

» chitosano e proteine del siero di latte sotto forma di frullato, due volte al giorno.

Il chitosano è un polisaccaride lineare sintetizzato in sequenza da D-glucosamina e N-acetil-D-glucosamina – β(1-4). Esso si ricava a partire dalla chitina che si trova all’interno dell’esoscheletro (guscio protettivo esterno) dei crostacei (granchi, gamberi…) e che viene trattata con una soluzione acquosa basica.
Il chitosano viene spesso chiamato anche acchiappa grassi perchè, grazie alle sue fibre alimentari, intrappola il grasso e ne evita l’assorbimento.

Per quanto riguarda le proteine del siero del latte, invece, esse sono una fonte di aminoacidi libera da grassi e stimolano la produzione dell’ormone della crescita che ti aiuta a bruciare il grasso e a costruire massa muscolare magra, in particolare questo è vero per grossi gruppi muscolari come quelli che si trovano nel fondoschiena.

[Nota] Allenamenti come lo squat (o la panca piana – anche se questo è più un esercizio da uomini) aumentano la produzione dell’ormone della crescita!

Riassumendo: per dimagrire il sedere, bevi una soluzione di acqua, proteine magre e chitosano. Fallo sia a colazione che a pranzo per almeno 7 giorni.
Ingredienti
  • 1 dosatore di proteine del siero del latte;
  • 1000 mg di chitosano;
  • 1 tazza di acqua;
  • 4-5 cubetti di ghiaccio;
  • 1/2 banana;
  • 1 manciata di mirtilli congelati;
  • 1/2 di semi di lino macinato;
  • cacao amaro.

Inserite tutti gli ingredienti dentro un frullatore e poi azionate la macchina fino ad ottenere una soluzione omogenea.

3. Formula brucia grassi per dimagrire le braccia

Avere delle braccia cicciottelle e flaccide può essere estremamente fastidioso.
La funzione principale del grasso accumulato in queste zone è ovviamente sempre quella di riserva energetica, peccato però che alle volte sia veramente difficile dimagrire in quella zona. Per sbarazzartene prova a consumare tutti i giorni per una settimana:

» 6 tazze di tè al prezzemolo al giorno;
» 3 patate dolci, 1 ad ogni pasto;

Il prezzemolo contiene dei potenti antiossidanti ed ha un effetto diuretico che può aiutare a bilanciare gli ormoni che diversamente suggerirebbero al tuo corpo di preservare il grasso di certe zone (ad esempio proprio le braccia).

Inoltre bere del te al prezzemolo promuove quella sensazione di sazietà che porrà un freno alle abbuffate. Lo potete acquistare nelle erboristerie o cercandolo direttamente su internet.

Per quanto riguarda le patate dolci, invece, fate in modo che siano la vostra unica fonte di carboidrati ad ogni pasto: colazione, pranzo e cena. Fatelo per una settimana intera.
Le patate dolci sono uno di quei cibi a basso indice glicemico (a differenza dei cibi raffinati con un alto indice glicemico che impennano i livelli di ormoni collegati all’accumulo di grasso nelle braccia).

Potete godervi le patate dolci ogni giorno in modo diverso; penso ad esempio ai pancakes per colazione o le “false patate fritte” per pranzo o le patate dolci al forno per cena.

4. Formula brucia grassi per dimagrire le cosce

Una ricerca ha mostrato come il grasso stipato nelle cosce sia tra quelli metabolicamente meno attivi. Per poter bruciarlo occorre quindi dare una violenta spinta al proprio metabolismo.
Per snellire le tue cosce, prova ad assumere per una settimana:

» 1 grammo di piruvato di calcio prima di ogni pasto;
» sostituisci alla carne dei validi sostituti.

Iniziamo prendendo in esame il piruvato di calcio.
Esso si trova naturalmente all’interno del corpo umano, come prodotto intermedio del metabolismo dei carboidrati. Detto con parole più semplici aiuta a convertire gli zuccheri e gli amidi in energia.
Il piruvato di calcio non è un nutriente essenziale e si trova in tracce in molti alimenti: uno su tutti le mele.

Per bruciare il grasso delle cosce è necessario aumentare la quantità di acido piruvico presente in corpo. A tale scopo assumi 1 grammo di piruvato di calcio prima di ogni pasto per una settimana. Ricorda di monitorare la tua dieta in modo che sia ipocalorica.

Un altro avviso è quello di non mangiare (o comunque limitare molto) la carne. Questo perchè all’interno dei grassi animali si trovano rilevanti quantità di grassi saturi che andrebbero dritti sulle cosce.

[Leggi anche] La Carne Rossa Fa Male Alla Salute? Vediamo Cosa Dice L’Organizzazione Mondiale Della Sanità;

Prova a non mangiare carne per una settimana.
Scegli piuttosto hamburger vegetali, hot dog di soia e pancetta di tofu.

5. Formula brucia grassi per dimagrire ovunque (Full-Body!)

Una nuova ed eccitante ricerca dimostra che si può accelerare il dimagrimento in qualsiasi zona del corpo attraverso l’assunzione di un pò d’estratto di caffè verde (ne abbiamo parlato abbondantemente qui!).

Per beneficiare di quella che è stata definita la nuova pillola brucia grassi sicura, prendi:

» 800 mg di estratto di caffè verde, due volte al giorno.

Ma cosa sarebbe il caffè verde?
Altro non è che chicchi di caffè nel loro stato più puro e crudo.
Si tratta di chicchi di caffè non ancora tostati o di semi di Coffea (pianta del caffè) che riescono a rallentare l’assorbimento del glucosio e fermare l’accumulo di grasso (in qualsiasi parte del corpo i tuoi geni lo vogliano stipare!).
Nello studio svolto sui dei partecipanti volontari, essi hanno perso in media il 10% del loro peso proprio grazie all’assunzione dell’integratore di estratto di caffè verde. E’ importante sottolineare anche la totale assenza di esercizio fisico. Immagini cosa potrebbe venirne fuori associando al caffè verde anche della sana attività fisica?

  • Prendi 800 milligrammi di estratto di caffè verde due volte al giorno;
  • Fallo circa 30 minuti prima della colazione e 30 minuti prima della cena;
  • Mandalo giù attraverso un bicchierone di acqua.

L’unica accortezza che ti chiedo è di accertarti che si tratti di estratto PURO di semi di caffè verde. Non devono esserci contaminanti quali leganti, cellulosa o altri additivi.
Lo potete acquistare tranquillamente online.

Bonus – Ecco 2 dessert brucia grassi

In questo paragrafo aggiungo le ricette di 2 semplici e deliziosi dessert che possono aiutarvi nel vostro tentativo di dimagrire anche quando vorreste regalarvi qualche sfizio.

Cheesecake alle bacchePalline di avena e burro di arachidi
[Ingredienti]
  • ½ tazza di ricotta;
  • ½ tazza di frutti di bosco freschi o surgelati;
  • 1 bustina stevia;
I prodotti lattiero-caseari poco o per nulla stagionati come la ricotta sono spesso suggeriti nelle diete perdi peso. Se poi alla ricotta aggiungiamo le fibre presenti all’interno delle bacche, riusciamo a curare la salute dell’intestino e la regolarità.
[Preparazione] Mescolare tutti gli ingredienti, fare freddare e servire.

Queste prelibatezze sono confezionate a partire dalla fibra dell’avena, per aiutare a mantenere lo stomaco pieno, e le proteine del burro di arachidi, utili nella costruzione della massa muscolare che tendenzialmente aumenta il metabolismo.

[Ingredienti]
  • 2 cucchiai di burro di arachidi;
  • 2 cucchiai di avena in polvere;
[Preparazione] Mescolate assieme gli ingredienti e arrotolateli sfregandoli dolcemente fra le vostre mani.
Una volta confezionate le palline vanno in frigo e mangiate fredde. 

E con questo per il momento ho concluso.
Troverete tanti altri approfondimenti e curiosità sulle diete all’interno della sezione “dimagrire”. Spulciatela se avete del tempo e ricordatevi di commentare. La cultura e le informazioni vanno condivise. Senza condivisione non vi è crescita.

Vi aspetto in tante 🙂

Autore | Viola Dante

© RIPRODUZIONE RISERVATA



loading...
Quanto letto merita di essere premiato o condiviso?

29 Commenti a “Per Dimagrire Senza Errori e Senza Perdere Tempo, Soldi e Salute”

  1. ercole demasi says:

    complimenti!vorrei sapere quando si è a dieta e si incomincia a dimagrire e perdere peso , da dove procede:glutei gambe addome viso….quale prima e quale dopo o mai?

    • Viola Dante says:

      Salve Ercole,

      per quanto riguarda la sua curiosità, è difficile dare una risposta univoca. Non posso dirle che le cosce dimagriscono prima della pancia o delle braccia o del viso. Purtroppo ciascuno di noi presenta una mappatura genetica che fa sì che i cuscinetti di grasso si sciolgano prima in alcune parti del corpo rispetto alle altre.

      Se ad esempio lei tende a mettere facilmente su chili attorno alla vita, allora è probabilissimo che dimagrirà più velocemente in quella stessa zona e più lentamente nelle altre.

      Per le donne poi c’è anche da tirare in ballo il discorso fertilità e procreazione, che rende particolarmente difficile dimagrire fianchi, glutei e cosce (lì la presenza di un pò di ciccia è cruciale per una buona gravidanza). Mentre tendono a dimagrire più velocemente nella parte superiore del corpo: schiena, petto, viso, etc.

  2. Beatrice says:

    Articolo molto interessante!
    Io sinceramente mi sto trovando bene anche ad integrare con la garcinia+caffè alternandole… ho comprato le confezioni a un buon prezzo e devo dire che effettivamente non sento i morsi della fame e il metabolismo sembra andare più veloce! 🙂

    Se volete provarle (o semplicemente informarvi) trovate l’offerta qui: (indirizzo url censurato)

  3. Paola says:

    Salve,
    Ho letto l’articolo di salute e benessere per dimagrire sul vostro sito internet e lo trovo molto interessante.
    Ho pensato di acquistare i l piruvato di calcio per snellire le cosce( come propone l’articolo)
    solo che 1000 gr costano 135 euro in farmacia! Possibile prenderlo anche in capsule e non proprio così concentrato? Oppure meglio pretendere di più e dato che le assunzioni sono di 1 gr prima dei pasti principali prendere alla lettera ciò che propone?
    Si dice di prenderlo solo per una settimana, quindi devo assumerlo una volta a settimana per un mese oppure devo continuare? L’estratto di caffè verde dato che serve per bruciare in tutto il corpo forse e’il più convieniente o per le cosce meglio affidarsi al piruvato?
    Grazie

    • Viola Dante says:

      Salve Paola e benvenuta,

      • il prezzo da Lei denunciato è un tantino improponibile per il bilancio economico di una famiglia.
      Guardi, provi ad eseguire qualche ricerca su Google o siti come Ebay usando le parole “calcium pyruvate”.
      Le dovrebbero saltare all’occhio dei risultati più abordabili.
      Il primo che vedo io in questo momento si rifà ad una confezione di piruvato di calcio da 1000mg*90 capsule da 20 euro circa + la spedizione di 9 euro dall’Inghilterra.

      • sì, provi a prenderlo per una sola settimana ogni mese e monitori i risultati.

      • non posso dirle se sia più indicato il piruvato o il caffè verde, perchè il corpo umano non reagisce sempre allo stesso modo. Se fossi in Lei come prima cosa mi preoccuperei di seguire un regime ipocalorico. E poi proverei il piruvato e gli assocerei del tè verde ad infuso e non integratore.

      L’abitudine di prendere del tè ogni giorno, non potrà che giovarle.

      Ps. Ovviamente stia attenta ad eventuali effetti collaterali ed interazioni (sebbene al momento io non sia al corrente di interazioni).

      In questo sito trova un approfondimento proprio sul caffè verde.

      Spero di esserLe stata utile.

  4. francesco says:

    ciao a tutti!
    in realtà dimagrire velocemente è una chimera. in una settimana non si dovrebbero perdere più di alcune centinaia di grammi. il rischio altrimenti è quello di, una volta finita la dieta, tornare subito indietro aggiungendo pure qualche kg.
    http://www.perdere-peso-velocemente.it/

  5. Deborah says:

    ciao Viola purtroppo ho letto solo ora il tuo articolo complimenti ci provo anche io a seguire i tuoi suggerimenti l’unica cosa che volevo sapere dove trovo il caffè verde? grazie

    • Viola Dante says:

      Ciao Deborah,
      ti lascio un link che parla in maniera più approfondita del caffè verde: … caffè verde link.
      Lo trovi ovunque online, anche su ebay. Altrimenti prova in erboristeria.

  6. Anna says:

    Grazie per questi consigli su come dimagrire ♥

  7. Litz says:

    Ciao Viola, complimenti per l’articolo, chiaro, completo ed esaustivo. Vado in palestra da un po’ di anni per 2 o 3 volte alla settimana tranne l’estate (non ce la faccio proprio). Per evitare di star ferma alcuni mesi sto facendo cyclette ogni mattina sul presto (qualche volta salto perché preferisco una camminata veloce all’aria aperta se ho una buona compagnia). Faccio 30-35 minuti minimo e qualche volta arrivo a 45 per 13-15 km e 19 km. Arrivo al punto. Non ho bisogno di dimagrire (56 kg per 1.68 ho superato i 40 anni e mi alimento piuttosto correttamente) ma di mantenermi attiva e rassodare/tonificare… come mai però non riesco a raggiungere mai neppure il 60% della frequenza massima che dovrebbe essere circa 110? I battiti oscillano quasi sempre tra 70 e 80, eppure sudo da morire e la velocità max che riesco a raggiungere è 27 km (almeno questi sono i dati che mi dà il display della cyclette). Hai suggerimenti da dare a chi come me vuole tonificare e non perdere peso? La frequenza massima è importante anche in questo caso?
    Grazie mille se vorrai rispondermi 🙂

    • Viola Dante says:

      Ciao Litz
      per quanto riguarda la frequenza cardiaca che non riesci a raggiungere probabilmente la risposta è che il tuo allenamento non è abbastanza intensivo. Ovvero sei già abbastanza allenata ad affrontare la cyclette ad una certa resistenza. Prova a rendere più duro il percorso.

      226-40 ed il risultato per la frequenza che vorresti raggiungere.
      Poniamo il caso sia 80. Allora il risultato sarà 149!

      No, la frequenza cardiaca non è importante per tonificare, però è sempre suggerito “FATICARE” mentre ci si allena. In questo modo si superano le fasi di stallo ed i propri limiti.

  8. Amanda says:

    Meglio non affidarsi alle diete iperproteiche ma saper riconoscere gli alimenti che facilitano un aumento e una perdita del peso corporeo. Troppo semplice? Leggete l’articolo di questo interessante blog di prodotti biologici http://blog.universobio.com/prodotti-biologici-dimagrire-senza-dieta-la-classifica-degli-alimenti-che-ci-fanno-ingrassare-e-dimagrire/

  9. marika says:

    Articolo interessante, sono anni che cerco una vera soluzione ma da anni sono stato preso in giro con diete, pillole dimagranti non funzionanti.
    Un giorno ho trovato una guida che sembrava diversa dalle altre e oggi posso FINALMENTE DIRVI che HO RAGGIUNTO I MIEI OBBIETTIVI in poco tempo e non riesco a dirvi veramente quanto sono felice.
    Ho fatto la recensione di questa guida qui: http://www.bit.ly/1LR0teh

  10. Rossella says:

    Ciao Viola ho letto con interesse il tuo articolo ed hai perfettamente ragione, io consiglio a tutti la bike.Trovate la forza di salire in bici e pedalate divertendovi,scegliete percorsi sterrati magari tra i boschi o lungo mare.Bastano anche 45 minuti al giorno,senza una particolare dieta ferrea…vedrete presto risultati sulla salute e sulla forma fisica.

  11. Valeria says:

    Ciao, ho letto con interesse e attenzione, e mi rispecchio in molte delle cose che hai scritto,
    è da circa un mese che stò seguendo una “dieta” l’ho messa tra le virgolette perchè in realtà mangio di tutto! compreso un cono gelato una volta alla settimana, in quantità ridotte, perchè il corpo per perdere peso in salute ha bisogno di tutto, ad esempio un mio pranzo tipico è … piatto di pasta con sugo di pomodoro fresco (poca pasta 50 g) carne (per non perdere massa magra) e insalata … così è un pasto completo che fornisce tutti i nutrienti, poi ho abbinato una moderata attività fisica tre volte la settimana, 45 minuti di cyclette che mi fanno perdere 500 calorie, poichè i primi 20 minuti si bruciano gli zuccheri, e solo dopo si inizia ad attivare il metabolismo

    • Viola says:

      Valeria, grazie per aver condiviso la tua esperienza sul dimagrimento. Spero di tornare a leggerti presto.

  12. maria says:

    spero in una sua risposta non sono più giovanissima! Ho 70 anni! Purtroppo devo perdere circa 20 kg e un bel po’ di grasso addominale! Cammino 30 mi due volte alla settimana. Faccio tanta fatica a dimagrire, ma per la mia salute devo perdere assolutamente il grasso addominale. Se potesse aiutarmi le sarei infinitamente grata! Distinti saluti Maria

    • Viola Dante says:

      Salve Maria,
      ha ragione sull’importanza che attribuisce al grasso viscerale.
      Per aiutarla a dimagrire la inviterei a condividere con noi la sua dieta. Deve considerare che il metabolismo basale tende ad abbassarsi con l’età e con esso anche il fabbisogno giornaliero di calorie. Lei quanto mangia? Quante calorie assume? E’ sopra le 1300 calorie (valore indicativo ma che le fa capire quanto poco ci voglia a raggiungerlo)?

      Le suggerirei di gettarsi tra le braccia dei vegetali e tagliare con la carne ed i dolci. In realtà i suggerimenti per perdere peso sarebbero tanti e molti sono scritti in questo articolo. Però, vista l’età, le suggerirei soprattutto di rivolgersi ad un nutrizionista che possa valutare il suo stato e stilarle una dieta adeguata. Insomma metterei da parte il fai da te, visto che fino ad ora non ha dato i risultati sperati.

      Se però vuole capire assieme a noi dove stia sbagliando, inizi condividendo la sua dieta. Tenga un diario e scriva cosa e quanto (in grammi) lei mangi.

    • Roberto says:

      Salve Maria, anche mia madre a il tuo stesso problema, e più o meno adesso lo sta risolvendo. questo e’ un bell’articolo. lasciami un contatto cosi condividete insieme questo vostro piccolo problema.
      saluti

  13. Francesco says:

    Per chi già non lo sapesse, da questo articolo risulta evidente che correre è il migliore sistema per bruciare calorie. E’ altrettanto vero che molte persone sono intimidite da questa pratica e se ne tengono alla larga. Niente di più sbagliato: correre è molto facile se si rispettano alcuni semplici accorgimenti. Se volete avvicinarvi alla corsa senza commettere gli errori tipici dei principianti, vi consiglio questo piccolo manuale destinato proprio a i principianti: CENSURED

    Buona lettura e buone corse!

    • Pippo says:

      Attenzione, la corsa, sopratutto per chi è in sovrappeso, può causare effetti collaterali poco gradevoli come tendinite, quindi non esagerate finché non avrete raggiunto un peso ottimale.

  14. Antonio says:

    Ottimo articolo da tenere in considerazione. Complimenti!

  15. Francesco says:

    Bellissimo articolo, scusi la domanda, ma nella parte che riguarda l’estratto di caffè verde da somministrare due volte al giorno, c’è scritto 800 grammi, mi sembra un valore alquanto anomalo, è giusto o c’è qualche errore?!
    Grazie mille

    • Viola Dante says:

      Grazie della precisazione Francesco.
      Si tratta di milligrammi.
      Quindi 800 milligrammi di caffè verde da prendere due volte al giorno per accelerare il dimagrimento.

  16. Claudio says:

    Sei Stanco e non riesci a concentrarti, hai bisogno di uno stimolo, di forza di volontà di energia a livello mentale e fisico? Ho la risposta che fa per te in grado di garantirti nei momenti più difficili quella marcia in più per la tua vita quotidiana, a base di estratti naturali no ogm senza pesticidi, prodotti brevettati e garantiti che ti lasceranno basito dalla loro efficacia, associati al programma di rigenerazione cellulare aumenteranno il tuo metabolismo favorendo lo smalgimento dei grassi e diminueranno il colesterolo non esitare contattami per tutte le informazioni , questi li uso personalmente e sono qualcosa di insostituibile!

  17. marisa says:

    Articolo approfondito e molto utile….sono a dieta ….seguita da una dietista ma i vostri consigli saranno utilissimi…tante grazie

  18. Cinzia says:

    Articolo bellissimo e molto completo! Ma per fare una domanda dove posso inviarla?

Lascia un Commento

Messaggio

..o Commenta con Facebook!

Libera La Tua Voglia Di Comunicare

Benvenuta su SALUTE E BENESSERE. Unisciti anche tu alla nostra Community. Scopri i tanti articoli, leggi i commenti lasciati dalle tue amiche e aggiungine uno tuo. Partecipa alla conversazione! Lascia un segno. Esprimi un giudizio.
Votaci sui social e facci conoscere alle tue amiche.

Viola Dante | Direttore creativo e Responsabile

2016 Salute e Benessere è un progetto di Viola Dante | Privacy Policy | Termini d'uso | Copyright Ufficiale | Seguici su Google+ | Redazione | Mappa del sito | Contatti


* Le informazioni diffuse da questo blog NON DEVONO MAI sostituire il rapporto medico-paziente. Chiedete sempre il parere del vostro medico prima di prendere scelte sulla base di quanto scritto in queste pagine (commenti compresi).