© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Come Curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

Come Curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

Ogni uomo può riconoscere i segni della temuta minaccia fungina conosciuta come prurito del fantino. Oltre al prurito all’inguine, all’interno coscia e alla zona anale, è possibile notare anche un’eruzione cutanea in rilievo più chiara al centro, con la caratteristica forma ad anello. Siccome l’ultima cosa che vorresti fare è passare tutto il giorno a grattarti, è necessario curare il prurito del fantino il più rapidamente possibile. Prova queste opzioni di trattamento e poi fai in modo che questa infezione fungina non si ripresenti.

Passaggi per curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

Parte 1: Opzioni di trattamento

1. Usa una crema fungicida: le opzioni migliori sono: Lamisil, Lotrimin AT, Naftin e Lotrimin Ultra. Sono molto costose, ma ti permetteranno di sbarazzarti del prurito del fantino più velocemente. È possibile acquistare creme meno costose che contengono clotrimazolo o miconazolo, ma impiegherai più tempo per curare il fastidio. Anche quando i sintomi scompaiono, è necessario applicare la crema nella zona inguinale per il periodo di tempo indicato sulla confezione.

2. Mantieni la pelle asciutta e pulita: assicurati di asciugarti bene dopo la doccia, perché il fungo attecchisce in ambienti caldi e umidi. Quando puoi, non indossare biancheria intima o vai nudo per casa per poter esporre all’aria la zona interessata. Se questo non è possibile, almeno indossa i boxer al posto degli slip.

3. Evita di indossare abiti che irritano la zona inguinale, come biancheria intima e pantaloni stretti.

4. Evita di grattarti, perché ciò causa irritazioni e eruzioni cutanee; inoltre la pelle potrebbe rompersi, portando a una possibile infezione. Taglia le unghie, se non puoi fare a meno di grattarti e indossa i guanti prima di andare a dormire. Per un po’ di sollievo puoi fare un bagno rinfrescante, mettendo nell’acqua farina d’avena, bicarbonato di sodio o una sostanza chiamata farina d’avena colloidale (Aveeno è una buona marca).

5. Parla con un medico se il rossore non va via entro un paio di settimane o se la situazione peggiora e la zona comincia ad ingiallirsi. Il medico può prescriverti:

• creme antimicotiche che hanno bisogno di ricetta e sono composte di econazolo e oxiconazolo;
• antibiotici: nel caso in cui il prurito del fantino si sia infettato;
• farmaci fungicidi da assumere per via orale: come Sporanox, Diflucan o Lamisil. Potresti avere problemi gastrointestinali o una disfunzione epatica. Se stai prendendo antiacidi o anticoagulanti, probabilmente non dovresti fare uso di farmaci fungicidi. Un’altra opzione può essere Grifulvin V; richiede solitamente più tempo per fare effetto, ma è ottima per le persone allergiche agli antimicotici o che non possono assumere più farmaci.

Parte 2: Prevenire la ricomparsa del prurito del fantino in futuro

1. Doccia quotidiana: non aspettare a lungo prima di fare la doccia se hai fatto sport e sei sudato. Usa sapone neutro e evita saponi antibatterici e deodoranti.

2. Mantieni l’inguine asciutto e pulito in qualsiasi momento. Se scopri che sei suscettibile al prurito del fantino, copri l’inguine con talco o polvere fungicida dopo la doccia o bagno.

3. Evita indumenti e biancheria intima che irritano la zona. Indossa boxer al posto degli slip.

4. Lava la biancheria frequentemente e non condividere abbigliamento e asciugamani con altre persone. Il prurito può diffondersi attraverso il contatto con i vestiti non lavati.

5. Cambiare velocemente il costume da bagno bagnato.

6. Evita di portare indumenti bagnati o sudati nella borsa da palestra e lavali dopo ogni utilizzo.

Consigli per curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

• Se hai il sistema immunitario compromesso (per esempio soffri di diabete, HIV o dermatite atopica – una condizione genetica della pelle cronica caratterizzata da prurito, pelle infiammata e associata all’asma e alle allergie stagionali), puoi essere più soggetto al prurito del fantino. Ciò avviene perché la barriera cutanea che, normalmente, dovrebbe proteggere da infezioni virali, batteriche e fungine, è compromessa. Presta la massima attenzione per prevenire e curare il prurito del fantino e le eventuali complicazioni.
• Riduci l’assunzione di zucchero, perché alimenta funghi e batteri. Quando il prurito è più insistente, potrebbe essere necessario fare la doccia o il bagno due o più volte al giorno, cambiando la biancheria ogni volta.
• Pensa alla possibilità di cambiare palestra se hai questo fastidio frequentemente. Probabilmente hai bisogno di un ambiente più pulito.

Suggerimenti per curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

• Vai immediatamente al pronto soccorso se, oltre all’eruzione cutanea, sviluppi sintomi come febbre, debolezza, vomito, rapida diffusione dell’eruzione, soprattutto nel tronco, ingrossamento delle ghiandole linfatiche, difficoltà a urinare, noduli nella zona inguinale, pus, ferite aperte, foruncoli, eruzione cutanea che coinvolge il pene o la zona vaginale.

Di cosa hai bisogno per curare la Tinea Cruris o “Prurito Del Fantino”

• Crema fungicida
• bicarbonato di sodio, farina d’avena
• creme che necessitano di prescrizione medica, antibiotici o farmaci fungicidi per via orale
• sapone neutro
• talco o polvere fungicida
• abbigliamento e boxer larghi

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

2 Commenti

  1. Mio marito soffre da anni or sono di questo problema alla pelle nelle zone inguinale e sedere….tanti dottori….tante cure…..ma niente funziona!!!!!
    AIUTO

    • Buonasera Joenna e benvenuta,

      » potrebbe dirci quale sia la diagnosi dei medici e quale cure abbia usato suo marito, per favore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *