© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » I 16 Sintomi Dell’HIV

I 16 Sintomi Dell’HIV

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Pensi di avere l’HIV? L’unico modo per saperlo è fare un test, ma ecco alcuni possibili sintomi.

Dopo 1 – 2 mesi dall’aver contratto l’HIV, dal 40% al 90% delle persone sperimenta sintomi simili a quelli influenzali, conosciuti come sindrome retrovirale acuta (SRA). Alcune volte, però, i sintomi dell’HIV non compaiono per anni (anche un decennio) dopo l’infezione.

Nelle prime fasi dell’infezione da HIV, non si hanno sintomi”, afferma Michael Horberg, direttore di HIV/AIDS for Kaiser Permanente, in Oakland, California. Una persona su cinque con HIV negli Stati Uniti non sa di averla; per questo motivo è importante fare un test, specialmente se si hanno rapporti sessuali non protetti con più di un partner o se si utilizzano droghe per via endovenosa.

Ecco alcuni sintomi che puoi avere se sei sieropositivo.

1. Febbre

Uno dei primi segnali di sindrome retrovirale acuta (SRA) è una lieve febbre, che può raggiungere i 38º C circa. La febbre è spesso accompagnata da altri sintomi generalmente lievi, come stanchezza, gonfiore alle ghiandole linfatiche e mal di gola. “A questo punto il virus si muove nel flusso sanguigno e comincia a replicarsi”, spiega Carlos Malvestutto, docente di malattie infettive e immunologia nel dipartimento di medicina presso la NYU School of Medicine di New York City. “Quando accade questo, si ha una reazione infiammatoria da parte del sistema immunitario”.

2. Stanchezza

La reazione infiammatoria prodotta dal sistema immunitario può anche farti sentire pigro e stanco. La stanchezza come sintomo dell’HIV può comparire precocemente o anche più tardi. Ron, 54 anni, un dirigente di pubbliche relazioni nel Midwest, cominciò a preoccuparsi della sua salute quando improvvisamente si sentiva senza fiato solo per camminare. “Mi sentivo senza fiato per qualsiasi cosa facessi. Prima di quel momento, invece, camminavo per 7 km ogni giorno”, afferma l’uomo.

3. Dolori muscolari e articolari e ingrossamento dei linfonodi

La SRA viene spesso confusa con l’influenza, la mononucleosi o altre infezioni virali, ed anche con la sifilide o l’epatite. Non c’è da sorprendersi: molti di questi sintomi sono gli stessi, compreso il dolore alle articolazioni e ai muscoli e l’ingrossamento delle ghiandole linfatiche. I linfonodi fanno parte del sistema immunitario e tendono ad infiammarsi quando c’è un’infezione. Molti si trovano sotto l’ascella, nell’inguine e sul collo.

4. Mal di gola e mal di testa

Come con gli altri sintomi, mal di gola e mal di testa spesso vengono associati alla SRA solo se ci sono i presupposti – spiega il dottor Horberg. Se di recente una persona ha assunto comportamenti ad alto rischio, fare un test dell’HIV è una buona idea, sia per se stesso che per gli altri. L’HIV è più contagiosa nella fase iniziale. Ricorda che il corpo non ha ancora prodotto anticorpi per l’HIV, quindi non risulterà nulla di strano in un test degli anticorpi. Quelli dell’HIV possono impiegare alcune settimane o alcuni mesi per risultare in un esame del sangue. Valuta altri test, come quello che rileva l’RNA virale, generalmente entro nove giorni dall’infezione.

5. Eruzione cutanea

Le eruzioni cutanee si possono verificare precocemente o più tardi. Per Ron, questo fu un altro segnale e spiega che erano come foruncoli, con alcune zone rosa pruriginose sulle braccia. Le eruzioni cutanee possono apparire anche sul tronco. Il dottor Horberg afferma che se si tratta di eruzioni non facilmente spiegabili o non facilmente curabili, si dovrebbe considerare l’opportunità di sottoporsi a un test dell’HIV.

6. Nausea, vomito e diarrea

Ovunque, dal 30% al 60% delle persone, nelle fasi iniziali dell’HIV hanno nausea, vomito e diarrea a breve termine – spiega il dottor Malvestutto. Questi sintomi possono anche apparire come risultato della terapia antiretrovirale e poi nell’infezione, di solito come risultato di un’infezione opportunistica. Il dottor Horberg aggiunge che potrebbe essere indice di HIV anche una diarrea incessante che non risponde alla terapia abituale e che i sintomi possono essere causati da un organismo di solito non riscontrato in persone con un sistema immunitario sano.

7. Perdita di peso

Una volta chiamata “AIDS wasting”, cioè “sindrome del deperimento da AIDS”, la perdita di peso è sintomo di una malattia più avanzata e in parte potrebbe essere dovuta alla diarrea grave. “Se stai già perdendo peso di solito vuol dire che il sistema immunitario è abbastanza esaurito”, afferma il dottor Malvestutto. “Ciò accade al paziente che ha perso tanto peso, anche se continua a mangiare il più possibile. Tuttavia, questo sintomo è diventato meno comune, grazie alla terapia antiretrovirale”. Si considera affetta da sindrome da deperimento una persona che perde il 10% o più del suo peso corporeo e ha avuto diarrea, debolezza e febbre per più di 30 giorni, secondo il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti.

8. Tosse secca

La tosse secca fu per Ron il primo segno che qualcosa non andava bene, anche se in un primo momento pensò a una brutta allergia. Passò un anno e mezzo, ma la sua situazione continuava a peggiorare. Benadryl, antibiotici e inalatori non riuscivano a risolvere il suo problema. Nemmeno gli allergologi riuscirono ad aiutarlo. Il dottor Malvestutto spiega che una tosse insidiosa che va avanti per settimane e che sembra non voler andare via è un sintomo tipico in pazienti affetti da HIV, in condizioni critiche.

9. Polmonite

Tosse e perdita di peso possono anche far pensare a una grave infezione causata da un germe che sarebbe stato innocuo se il sistema immunitario funzionava correttamente. “Esistono tante infezioni opportunistiche differenti e ognuna di esse può presentarsi in modo differente”, spiega il dottor Malvestutto. Nel caso di Ron, si trattava di polmonite da Pneumocystis carinii (PCP), cioè polmonite da AIDS, che alla fine lo fece finire in ospedale. Altre infezioni opportunistiche sono la toxoplasmosi (un’infezione parassitaria che colpisce il cervello), un tipo di virus di herpes chiamato citomegalovirus e infezioni fungine, come il mughetto.

10. Sudorazione notturna

Il dottor Malvestutto aggiunge che circa la metà delle persone suda durante la notte nelle prime fasi dell’HIV e che tale sintomo non è relativo alla temperatura della stanza. Simile alle vampate di calore di cui soffrono le donne in menopausa, ma è difficile liberarsi della sudorazione notturna perché viene assorbita da coperte e lenzuola.

11. Cambiamenti nelle unghie

Un altro segnale di HIV avanzato sono cambiamenti nelle unghie, come ispessimento, curvatura, rottura e scolorimento (linee nere o marroni, verticali o orizzontali). Spesso questo è dovuto a un’infezione fungina, come la Candida. “I pazienti con un sistema immunitario esaurito sono più sensibili alle infezioni fungine”, spiega il dottor Malvestutto.

12. Infezioni fungine

Un’altra infezione fungina comune negli ultimi stadi dell’HIV è il mughetto, un’infezione alla bocca causata dalla Candida, un tipo di fungo molto comune che provoca infezioni fungine nelle donne. “Di solito appaiono in bocca o nell’esofago, rendendo difficile la deglutizione”, aggiunge il dottor Malvestutto. Ron si svegliò un giorno e scoprì delle macchie bianche sulla lingua. Aveva il mughetto. “Non era fastidioso, ma non mi piaceva averlo”. L’infezione è difficile da eliminare, ma quella di Ron guarì, quando cominciò a prendere farmaci per combattere l’HIV.

13. Confusione o difficoltà di concentrazione

I problemi cognitivi potrebbero essere un segno di demenza legata all’HIV, che di solito si verifica nel corso della malattia. Oltre alla confusione e alla difficoltà di concentrazione, la demenza provocata dall’HIV può includere anche problemi di memoria e di comportamento, come rabbia e irritabilità. Si possono verificare anche cambiamenti dal punto di vista motorio: diventare goffo, mancanza di coordinazione motoria e problemi con le attività che richiedono capacità motorie, come scrivere a mano.

14. Herpes labiale o genitale

L’herpes labiale e genitale possono indicare sia SRA che un’infezione da HIV in fase avanzata. Avere l’herpes può essere anche un fattore di rischio per contrarre l’HIV, dato che l’herpes genitale può causare ulcere che rendono più facile la trasmissione dell’HIV nel corpo durante il rapporto sessuale. Le persone con HIV tendono ad avere attacchi di herpes più gravi, in quanto la malattia indebolisce il sistema immunitario.

15. Formicolio e debolezza

L’HIV in stadio avanzato può anche provocare intorpidimento e formicolio alle mani e ai piedi. Questo sintomo è chiamato neuropatia periferica e si verifica anche in persone con diabete non controllato. Il dottor Malvestutto afferma che ciò accade quando i nervi sono danneggiati sul serio e che tali sintomi possono essere trattati con antidolorifici prescritti dal medico e farmaci antiepilettici, come il Neurontin (gapapentin).

16. Irregolarità mestruale

L’HIV in fase avanzata sembra aumentare il rischio di irregolarità del ciclo mestruale. Tali cambiamenti, però, probabilmente hanno a che fare più con la perdita di peso e ai problemi di salute in donne affette da un’infezione in stadio avanzato, piuttosto che con l’infezione in sé. L’HIV è stata associata anche alla menopausa precoce (47 – 48 anni per le donne contagiate rispetto ai 49 – 51 anni per quelle non contagiate).

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
I 16 Sintomi Dell’HIV
4.08 (81.5%) 40 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
I 16 Sintomi Dell’HIV
4.08 (81.5%) 40 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

25 Commenti

  1. Buonasera, mi chiamo Roberto, mi è venuto un afta sul glande, la dermatologa mi ha prescritto due pomate da applicare, in più l’esami HIV e HCV.
    Ma c è una relazione tra afta e HIV ?
    Io ho avuto un rapporto , uno solo, non protetto con una sconosciuta.
    Poi sempre protetti.
    Grazie…

    ps. Ah, dimenticavo, il rapporto circa 8 mesi fa.

    • Elena Amato

      Ciao Roberto, e grazie per il tuo commento.

      Purtroppo mi trovo in accordo con il parere della tua dermatologa. Un’ulcera sul glande (afta come la chiami tu) è uno dei segni di sifilide primaria.

      Dopo circa un mese dal rapporto a rischio non protetto che ha condotto al contagio, compare sul pene una ferita inizialmente visibile come un nodulo duro, che in seguito va in ulcerazione e si trasforma in una piccola ferita. Di solito questo genere di ferita guarisce nel giro di 25-45 giorni e se non lo fa è a causa di una immunodeficienza causata dall’HIV.

      Resto a tua disposizione per qualsiasi dubbio o chiarimento.

      Dott.ssa Elena Amato

  2. Salve ,vi ringrazio anticipatamente per l’eventuale risposta,7anni fa ho (incoscientemente)un rapporto vaginale non protetto,da quello che ricordo non ho mai avuto sintomi sopra elencati,febbre una volta l’anno,prurito solo a letto e per di più nella parte finale dell’avambraccio che confina con il collo,eruzioni cutanee tipo brufoli nemmeno,episodi di diarrea 1 volta l’anno,herpes alla bocca non proprio,al massimo qualche volta arrossamento gengivale, herpes alle parti intime nemmeno, da premettere che da pochi giorni mi hanno diagnosticato la sclerosi multipla,secondo lei ho contratto l’ hiv?

  3. Buongiorno!
    Volevo alcune info riguardo un avvenimento.
    Settimana scorsa dopo una stretta di mano mi ritrovo il dito pieno di sangue secco…istintivamente trovandomi fuori lho pulito con un po di saliva…
    Cosa rIschio?
    Premetto che ho le mani molto screpolate con pelliCine attorno le unghia…
    Grazie!

    • Buonasera Danilo e benvenuto,

      » il sangue era suo o dell’altra persona?

      Se non aveva ferite vive sulla mano non rischia molto.

      Altrimenti potrebbe correre qualche rischio di contagio, ma da quello che mi pare di capire le probabilità che lei corra dei rischi non sono molte. I fluidi sanguigni dovevano esser messi in contatto.

  4. Lucrezia Cuttitta

    Salve a tutti, mi chiamo Lucrezia e sono ora mai circa tre mesi che intrattengo rapporti sessuali con il mio fidanzato; più volte abbiamo avuto rapporti non protetti e non vi è mai stato alcun motivo di allarmismo… l’ultimo rapporto di sorta risale a circa un mese fa, ed è avvenuto durante il ciclo mestruale…proprio in questi giorni sono stata in preda a un forte senso di stanchezza, dolori alla schiena, mal di gola, raffredore e un po’ di febbre, oltre a un senso di nausea…mi chiedevo se non dovessi almeno prendere in considerazione l’ipotesi di un contagio
    Grazie mille della disponibilità

    • Buonasera Lucrezia e benvenuta,

      » ha dei rapporti intimi con un soggetto affetto da HIV senza protezione?

      Nel caso in cui la risposta fosse affermativa, ha corso e corre ancora un bel rischio di ammalarsi in futuro anche lei di AIDS.

  5. Comunque sono un ragazzo e ho avuto un rapporto con un mio amico

  6. Ciao… Sono una ragazza di 27 anni, due anni ho avuto un rapporto non protetto ed Essendo ipocondriaca ho la paura in caso abbia contratto il virus HIV.
    Un mese fa, feci le normali analisi del sangue dove i valori sono nella norma, ma non mi da tregua la candida. Eseguì il pap test con risultato negativo.
    Secondo lei la candida può essere un sintomo dell’hiv? Grazie…

    • Buonasera e benvenuta,

      » solitamente funghi, batteri e virus competono tra di loro.

      La candida non è correlata al virus dell’HIV.
      Hai detto che hai fatto delle analisi e che il tuo sistema immunitario è ok, giusto?
      Se sì, credo tu possa stare tranquilla e curare la candida.

  7. Salve sono Daniela!!
    Mi e successo quanto segue, allora sono una che non li piace rischiare perciò niente rapporto senza perservativo, ma l’ultima volta il ragazzo ha tolto il preservativo nel momento che ha eaiculato, il problema è che avevo un piercing irritato e dopo mi sono accorto che aveva sanguinato. Penso che il rischio di contaggio in questo caso è alto ?????? Sono Veramente in ansia e chiedo scusa se ho usato termini non adatti. Grazie mille.

  8. salve, di notte nella fase rem profonda ho una sudorazione super eccessiva e se per caso mi riaddormento la sudorazione si ripresenta. nel 2016 è la seconda volta che si presenta, la prima volta per 4\5 giorno, adesso supero i dieci giorni con un cambio medio di almeno 2 cambi.altri segnali che si presentano abbassamento della voce senza aver mal di gola (questo da più tempo). preciso che prima che si presentasse il problema mi sono rotto il piatto tibiale e sono stato operato (la sudorazione era presente alcuni giorni prima dell’intervento).
    le richiedo se può indicarmi quale tipo di analisi\altro da sottopormi nel più breve tempo possibili, anche perchè sto entrando nella paura di addommetarmi.
    grazie

  9. salve, ho effettuato un test hiv su saliva a piu di un anno dal presunto contagio. volevo sapere se era attendibile e se posso considerarmi fuori rischio. grazie

  10. Salve, una ragazza mi ha dato un bacio stampo e aveva l herpes labiale, dopo mi ha detto che era sieropositiva, io non avevo nessun herpes, non ci ho mai sofferto neanche in passato. Ci sono rischi di contagio? Grazie

    • Viola Dante

      Ciao eloise e benvenuta.

      Purtroppo i rischi ci sono, ma non dovrebbero essere alti. Rischi che puoi solo tu quantificare con un test HIV.

      Ad ogni modo provo a risponderti in maniera più articolata:

      Le persone affette sia da HIV che Herpes sono solitamente più capaci di infettare il prossimo perchè l’herpes sembra incrementare la carica virale dell’HIV. HIV che ovviamente è presente nelle vesciche e nelle bolle d’herpes.

      In tutti i casi se avevi la pelle integra non dovresti amareggiarti troppo per un bacio a stampo. Non ci sono casi documentati di trasmissione di HIV attraverso saliva, lacrime o sudore.

      Oddio un pò di HIV può esserci nella saliva (in alcuni studi sono emerse tracce di hiv nella saliva) ma le sue quantità non sono tali da innescare un’infezione virale da HIV. Non ci sono evidenze epidemiologiche al momento.

      Sputare in faccia a qualcuno (anche con il rischio che la saliva venga in contatto con gli occhi e la mucosa dell’occhio) o baciarlo presentano un rischio bassissimo (praticamente nullo, ZERO) di essere contagiati o trasmettere l’HIV.

      Inoltre nella saliva sono presenti degli enzimi (SLPI) e anticorpi HIV che contrastano l’aggressività del virus.

      Nella saliva sono stati trovati degli inibitori da HIV quali:

      Anticorpi HIV-specifici
      Cistatine
      Complemento e fibronectina
      Defensine
      Lattoferrine
      Lattoperossidasi
      Lisozimi
      Mucine
      Inibitori della proteasi secretoria leucociti (SLPI)
      Trombospondine.

      Resto a tua disposizione per qualsiasi chiarimento.

      Dott.ssa Viola Dante
      Fb: https://www.facebook.com/viola.dante.1
      Newsletter: http://eepurl.com/ZN0QL

  11. Sono anche passati 13 anni dal rapporto a rischio. Il sesso con preservativo posso ritenerlo sicuro ? ultimamente ne ho avuto uno ma l’ho fatto con il condom e nemmeno tanto, mentre quello di 13 anni fa sono stati 3-4 rapporti all’epoca eravano tutti vergini, ma non mi fido lo stesso, però non ho avuto herpes, tagli in bocca o rash cutanei, mai per nessuna malattia.Forse una volta per un acne ma anni dopo. In questi anni non ho mai sofferto di vomito e diarrea insieme, nemmeno mi ricordo l’ultima volta che ho vomitato. In questi ultimi 2-3 anni sono diventato deboluccio che mi viene almeno un influenza e mal di gola l’anno. Devo fare il test lo stesso ?

  12. Ho 16 anni e più o meno 3 mesi fa ho avuto rapporti sessuali con un trans ora mi sono venute delle occhiaieri leggere volevo sapere il perché

  13. Salve,

    effettuo il test dell Hiv da anni, per fortuna sempre con esiti negativi. L’ultimo un mese fa.

    Purtroppo,scioccamente,una settimana fà ho avuto un rapporto occasionale a rischio senza protezione.

    Si è trattato di un rapporto anale di tipo insertivo (io attivo quindi) Il rapporto non è stato affatto violento ed è durato pochi minuti.

    Attendo il periodo finestra di 40 gg per effttuare il test ospedaliero in modalità chemiluminescenza.

    Ad oggi accuso un dolore muscolare al braccio dx, torcicollo,lieve mal di schiena e senso di malessere diffuso. Nessun altro sintomo.

    Vorrei sapere, nel malaugurato caso di contagio, se dopo soli 8 giorni dall’evento del rapporto a rischio, è possibile

    accusare già dei sintomi di immunoconversione. Per ora non ho febbre ne linfonodi ingrossati.

    Grazie,saluti.

    • Viola Dante

      Benvenuto Andrea e grazie per aver lasciato un commento.

      Per quanto riguarda il suo quesito Le posso dire che servono settimane e non giorni perché i primi sintomi si manifestino. Sintomi che in ogni caso non è facile distinguere da una comune influenza o infezione gastrointestinale o infezione alle vie respiratorie.

      Il primo stadio HIV è noto anche come infezione acuta da HIV o primaria da HIV o ARS (sindrome retrovirale acuta) ed i suoi sintomi compaiono entro 1 o due mesi. Solo in pochi casi si sono presentati dopo le prime 2 settimane dal contagio o alla fine dei 3 mesi dal rapporto a rischio.

      Devo anche ricordarle l’eventualità che i sintomi non si presentino affatto dopo l’infezione da HIV. Quindi prenda con le molle questi dolori/fastidi che accusa al momento e:

      1. Si astenga da rapporti a rischio fino all’esito degli esami;
      2. Viva con serenità fino all’atteso giorno del risultato, perchè non può fare di meglio.

      Dott.ssa Viola Dante
      Fb: https://www.facebook.com/viola.dante.1
      Newsletter: http://eepurl.com/ZN0QL

  14. Generalmente quanto durano questi sintomi? Quando è il caso di preoccuparsi e fare un test?

  15. Può provocare tremolio alle gambe e alle mani?

    • Elena Amato

      Salve Maurizio, Le diamo il benvenuto nel nostro blog e La ringraziamo per essersi rivolto a noi.

      La nostra risposta alla Sua domanda è SI, perchè il virus dell’HIV va a danneggiare le regioni sottocorticali del cervello, in aree che controllano il movimento e che una volta danneggiate vanno a provocare il tremore. Non per nulla si parla di “parkinsonismo da HIV”.

      Nel caso Lei voglia approfondire, Le allego il link che riporta a una pubblicazione scientifica dell’Università di Oxford che ha studiato questo aspetto:

      http://brain.oxfordjournals.org/content/127/11/2452.short

      In bocca al lupo per tutto. Speriamo che tu possa condividere presto altre tue esperienze con noi.

      Dott.ssa Elena Amato

      • Salve
        Sono un ragazzo e un anno e mezzo fa ho avuto un rapporto con un mio amico
        Da un bel po di tempo ormai sto perdendo molto peso e sono sempre un po stanco e spesso sono nervoso
        Sono andato da molti specialisti ma credo che nessuno abbia mai preso in considerazione l’ipotesi hiv perché questa cosa la sappiamo solo io e la persona con qui ho avuto questo rapporto..
        Dice che dovrei preoccuparmi o posso stare tranquillo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *