© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Emicrania: Guida Completa

Emicrania: Guida Completa

L’emicrania è un disturbo caratterizzato da ripetuti attacchi di forte mal di testa. Un mal di testa da emicrania provoca dolore lancinante o pulsante, di solito su un solo lato della testa. Questi mal di testa sono spesso associati a nausea, vomito e ad estrema sensibilità alla luce e al suono; in genere durano da quattro ore e tre giorni. L’emicrania spesso è mal diagnosticata ma è abbastanza grave da interferire con il sonno, il lavoro e altre attività quotidiane. Gli attacchi possono verificarsi spesso o più volte alla settimana, più raramente solo una o due volte all’anno.

Circa 30 milioni di individui soffrono di emicrania, ed è più comune tra le persone di età da 25 a 55 anni, anche se può colpire bambini e ragazzi. L’emicrania è circa tre volte più prevalente nelle donne rispetto agli uomini: circa una donna su cinque e uno uomo su sedici soffrono di emicrania.

Tipi di emicrania

1. Emicrania comune

Chiamata anche un emicrania senza aura, l’emicrania comune è il tipo più diffuso di emicrania e rappresenta circa l’80% dei pazienti. L’aura non è associata a questo tipo di mal di testa, che in genere darebbe sintomi da affaticamento, cambiamenti di umore, ansia e confusione.

2. Emicrania classica

Chiamata anche emicrania con aura, l’emicrania classica si verifica in circa 1/5 dei casi di chi soffre di emicrania. Sintomi visivi o che coinvolgono altri sensi, chiamati “aura”, spesso si verificano prima di un mal di testa, ma possono anche apparire durante o dopo. Più comunemente, chi ne soffre vede luci lampeggianti, linee a zig-zag, o punti di buio. Le aure possono anche includere sensazione di torpore o di formicolio, difficoltà a parlare, ronzio alle orecchie, sentore di un odore strano, o di un sapore strano in bocca.

3. Emicrania mestruale

Questo tipo di emicrania è legato alla fluttuazione dei livelli di estrogeni durante il ciclo mestruale di una donna. Circa il 60 / 70 % di chi soffre di emicrania di questo tipo, segnala un rapporto tra emicranie e mestruazioni.

4. Emicrania addominale

L’emicrania addominale è un episodio da moderato a grave dolore addominale, che comprende nausea o vomito e che può durare fino a 72 ore. Si osserva tipicamente nei bambini, in particolare quelli con una storia familiare di emicrania. I bambini che soffrono di emicrania addominale di solito soffrono di emicrania classica come gli adulti.

5. Emicrania retinica

Conosciuta anche come emicrania oculare, l’emicrania retinica implica la perdita parziale o totale temporanea della vista in un occhio, che può durare un’ora o anche meno e non è sempre accompagnata da mal di testa.

6. Emicrania emiplegica familiare

Questa è una condizione molto rara, ereditaria, causata da una differenza nei cromosomi. Nell’emicrania emiplegica, un lato del corpo può avere paralisi temporanea motoria o diventare insensibile, durante un attacco di emicrania.

7. Emicrania dell’arteria basilare

Questo tipo di emicrania si presenta come un mal di testa, di solito nella parte posteriore della testa, ed è associata vertigini, confusione, problemi di lingua, modifiche all’udito e disturbi visivi. Di solito è legata ai cambiamenti ormonali e più spesso colpisce i giovani adulti.

8. Emicrania oftalmoplegica

Si tratta di un raro tipo di emicrania che richiede un trattamento di emergenza. I pazienti sviluppano una paralisi parziale o completa dei nervi necessari per il movimento degli occhi.

9. Stato di male emicranico

Questa è una condizione rara caratterizzata da un mal di testa molto forte che dura per più di 72 ore. L’ospedalizzazione è spesso necessaria per alleviare i sintomi.

10. Emicrania cronica

Questa è una forma di cefalea cronica quotidiana e si verifica quando, nel corso del tempo, l’emicrania diventa uno “sfondo continuo” di mal di testa, a volte, con gravi sintomi. A volte coesistono emicrania e cefalea di tipo tensivo, ed è una patologia difficile da trattare.

Emicrania o cefalea? Come distinguerle

Quando si sente un dolore salire in qualsiasi regione della testa, è molto probabile che si abbia a che fare con un mal di testa. Tuttavia, diversi tipi di emicranie producono sintomi diversi. Come è possibile distinguerli?
Emicrania
I mal di testa sono generalmente classificati in due tipi principali: cefalee primarie e cefalee secondarie.

Cefalee primarie

Una emicrania è una cefalea ricorrente che si verifica spesso solo su un lato della testa e spesso provoca altri sintomi, quindi è un tipo di cefalea primaria. Altre cefalee primarie sono quelle a grappolo e mal di testa tensivo. La cefalea di tipo tensivo è il mal di testa più comune, e spesso è lieve, si tratta di una pressione sorda senza altri sintomi di accompagnamento. Le cefalee a grappolo sono meno comuni e di solito implicano un dolore severo (a volte descritto come “lancinante”) dietro un occhio, possono inoltre essere accompagnate da arrossamento e da congestione nasale.

Cefalee secondarie

L’altro tipo principale di cefalea è chiamata cefalea secondaria. Questi mal di testa, relativamente rari, sono più gravi delle cefalee primarie. Questo perché sono spesso causati da altri problemi gravi di salute o patologie di base, come ad esempio aneurismi cerebrali o tumori, disfunzioni del midollo spinale o malattie infiammatorie. Per il trattamento delle cefalee secondarie, il medico deve prima diagnosticare e trattare la condizione di base che ha causato il mal di testa.

Come agire?

È importante sapere che tipo di mal di testa si ha, in modo da cercare un trattamento adeguato. Un medico può aiutare a diagnosticare il mal di testa, ma probabilmente sarete in grado di fare la valutazione da soli, conoscendo i sintomi. Un mal di testa da emicrania può essere molto grave, percepito come un pulsare o palpitare intenso in una zona della vostra testa. Altri sintomi dolorosi sono nausea, vomito e sensibilità a luce o suono. Le cefalee secondarie sono generalmente caratterizzate da sintomi neurologici che accompagnano un forte mal di testa: in questo caso, il medico può prescrivere un esame neurologico per escludere una cefalea secondaria.

Fattori distintivi

Se non siete sicuri che il vostro mal di testa sia una emicrania o un altro tipo di cefalea primaria o secondaria, esaminate attentamente i sintomi. Secondo gli esperti, quando si tratta di cefalee primarie, sia l’emicrania che il mal di testa può portare da lievi a moderati livelli di dolore. Emicranie e cefalee secondarie possono causare dolore improvviso e molto grave. In caso di dubbio sul tipo di dolore, è bene consultare il medico.

La qualità del dolore

Un dolore costante può derivare da una cefalea tensiva o da una emicrania. Per determinare se si soffre di un attacco di emicrania, bisogna prestare attenzione alla qualità del dolore. Se è solo una percezione sopportabile, è probabile una cefalea tensiva. Ma se si inizia a sentire come un “martellamento” intenso o pulsante che diventa debilitante, probabilmente stai soffrendo di un’emicrania.

L’ubicazione del dolore

Dove si sente il dolore può contenere indizi utili a capire che tipo di mal di testa si ha. Sia emicranie che mal di testa possono talvolta essere sentiti su entrambi i lati della testa, ma spesso l’emicrania si trova su un lato solo della testa. Un fattore distintivo dell’emicrania è che, a differenza della cefalea a grappolo, tende a provocare dolore unilaterale. Tuttavia, alcune emicranie possono causare dolore ovunque nella testa, compreso dietro l’occhio o dietro un orecchio, sia su un lato della testa, che da entrambe le parti.

Altri sintomi

Se non siete ancora sicuri del tipo di mal di testa di cui soffrite, passate ad esaminare gli altri sintomi. Se sentite nausea, vomito, o vedete un alone (come lampi di luce, punti ciechi, forme o macchie luminose) prima del mal di testa, avete probabilmente una emicrania. Inoltre, l’emicrania può anche causare sensibilità alla luce o ai suoni, il che è raro in una cefalea tensiva.

Ad ogni dolore la sua cura

A seconda del tipo di cefalea che avete, risponderete in modo diverso al trattamento farmacologico: ad esempio, i farmaci utilizzati per il trattamento dell’emicrania, in genere non aiutano con la cefalea tensiva. Tuttavia, alcuni farmaci da banco possono aiutare a lenire la tensione e sono anche efficaci nel trattamento delle emicranie. Se il mal di testa non risponde al trattamento e continua a peggiorare costantemente, potrebbe essere un segnale di avvertimento per una patologia secondaria e il medico può richiedere una valutazione diagnostica più approfondita, per essere sicuro.

La differenza è chiara

Sia cefalea tensiva che emicrania possono verificarsi a intervalli regolari, infatti la frequenza di solito non è un indicatore. Tuttavia, vi sono molte altre differenze che distinguono le cefalee primarie dalle cefalee secondarie. Valutate i sintomi, la qualità e la posizione del vostro dolore e come il vostro mal di testa risponde (o non risponde) al trattamento. In caso di dubbio, parlate sempre con il medico, che può aiutarvi a diagnosticare e a trattare il dolore.

Riepilogo Tipi di Mal di testa

Non tutti i mal di testa sono uguali. Quasi tutti ne soffrono in maniera normale in alcune occasioni, ma ci sono due tipi di mal di testa: cefalea a grappolo ed emicrania. Le prime colpiscono gli uomini più spesso delle donne e sono caratterizzati da improvviso dolore grave che colpisce dietro o intorno all’occhio, su un lato della testa. L’esordio è di solito rapido e il dolore può avere un picco entro 10 minuti, in una durata che va da 15 minuti a 3 ore. La cefalea tensiva è il tipo più comune di mal di testa e chi ne soffre di solito prova un dolore sordo, come se una fascia stretta stesse comprimendo la testa. I sintomi possono essere dovuti a tensione muscolare del collo e del cuoio capelluto, astinenza da caffeina, sonno insufficiente, o disidratazione. La cefalea tensiva di solito risponde al trattamento con comuni analgesici e farmaci da banco, anche se l’uso eccessivo o improprio può portare a effetti collaterali: se usati indiscriminatamente, gli stessi farmaci presi per alleviare il mal di testa possono effettivamente renderlo peggiore, con conseguenti episodi più frequenti e più resistenti al trattamento.

L’emicrania è diversa dagli altri mal di testa. Si tratta di un disturbo neurologico, come l’epilessia. Il dolore è di solito grave e invalidante, si manifesta come un intenso pulsare su un lato della testa. Le emicranie si verificano più frequentemente nelle donne e possono avere origine famigliare, anche i bambini ne sono sensibili. Alcune persone riferiscono di nausea, vomito, o di sensibilità alla luce durante gli attacchi, che possono durare da quattro ore a tre giorni. Alcuni che soffrono di emicrania riferiscono di sintomi di avvertimento, conosciuti come “aura”. I sintomi possono includere visione offuscata, o visione di luci tipo “stelle” prima della comparsa di un attacco. L’aura può verificarsi da un giorno a 10 minuti prima di una emicrania, ma può anche non verificarsi. L’emicrania è sorprendentemente comune, colpisce oltre il 10% degli individui, ma non è mai stata diagnosticata ad oltre la metà di essi.

Cosa innesca l’emicrania?

Gli attacchi di emicrania possono essere innescati da una serie di fattori, anche se proprio per questo motivo questo non c’è chiarezza totale. Più della metà di chi soffre di emicrania che ha anche esperienza di sintomi dell’aura riferisce di aver almeno uno di questi fattori scatenanti delle emicranie: variazione dei livelli ormonali (soprattutto tra le donne); stress o ansia; alcuni alimenti, tra cui quelli fermentati e in salamoia, salumi e formaggi stagionati, frutta come banane, avocado e agrumi; saltare i pasti; troppo poco o troppo sonno; luci troppo forti; fluttuazioni della pressione atmosferica a causa di cambiamento del tempo. Altri fattori, legati alle condizioni atmosferiche, possono includere cambiamenti di pressione atmosferica, temperature calde o fredde, aria secca o umida. Troppo alcol o deficit da caffeina possono entrambi scatenare l’emicrania.

La causa delle emicranie

Le emicranie sono causate da una complessa “cascata” di eventi anomali nel cervello. Anche se molti dettagli rimangono poco chiari, questa attività anomala è nota per iniziare nel nervo cranico-ganglio del trigemino. I nervi cranici sono i nervi che emergono direttamente dal cervello: i cambiamenti all’interno del ganglio si diffondono rapidamente a una rete di nervi che si spargono per tutto il rivestimento esterno del cervello, la dura madre. La sostanza chimica “messaggera” del cervello, la dopamina, svolge un ruolo fondamentale in questi cambiamenti, insieme a numerosi altri agenti chimici. I vasi sanguigni si dilatano, alterando il flusso di sangue e questi cambiamenti possono persistere anche dopo che un attacco è passato. In appena 10 minuti dopo l’inizio di una emicrania, la sensibilità al dolore dei nervi subisce cambiamenti molecolari, facendoli diventare ipersensibili alla pressione. Questa risposta crea dolore lancinante perché la pressione sanguigna aumenta naturalmente e diminuisce ad ogni battito cardiaco.

Trattamenti per l’emicrania

Circa 30 milioni di individui soffrono di emicrania ed è più comune tra le persone di età da 25 a 55 anni, anche se può colpire i bambini e ragazzi. Ci sono due rami principali di trattamento per l’emicrania. Trattamenti acuti cercano di fermare un attacco di emicrania o di ridurre la sua gravità o la durata mentre si sta svolgendo. Trattamenti preventivi cercano di mantenere il mal di testa accada o per ridurre la frequenza e la gravità. Mentre un emicrania è in corso, che termina o ridurre il dolore e altri sintomi è di primaria importanza.

Video:

Emicrania: le cause

La causa esatta dell’emicrania non è del tutto stata svelata: per lungo tempo, la teoria generalmente accettata era che l’emicrania e i suoi sintomi fossero causati da problemi nei vasi sanguigni della testa. Recenti ricerche, tuttavia, hanno dimostrato che, mentre la costrizione dei vasi sanguigni può provocare dolore, la causa dell’emicrania in sé è probabilmente radicata in un disturbo del sistema nervoso centrale.

La catena di eventi fisici e chimici in tutto il cervello che portano all’emicrania non è ancora chiara. Quello che si sa è che qualcosa attiva una cascata di reazioni biochimiche che possono scatenare una risposta infiammatoria e sovreccitazione del nervo trigemino, una delle principali vie del dolore, che controlla la sensazione nel viso e nella testa. Questa sovreccitazione si diffonde ad altri nervi e alle meningi, la membrana protettiva che copre il cervello, e conduce al dolore e ad altri sintomi dell’emicrania.

La ricerca per capire i dettagli di questo processo è in corso, ma i seguenti aspetti sono ritenuti fattori importanti nel causarla:

1. bassi livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che controlla l’umore, il sonno, l’appetito e che causa vasocostrizione e dolore;
2. carenza alimentare di magnesio, un minerale che è importante per la funzione nervosa;
3. neuropeptidi, proteine ​​che l’infiammazione attiva e che causano dolore;
4. anomalie nel metodo di trasporto degli ioni di calcio, che sono usati nella trasmissione dei segnali nervosi;
5. rilascio di ossido nitrico, una sostanza chimica che segnala ai vasi sanguigni di dilatarsi;
6. fluttuazioni ormonali, soprattutto di estrogeni, nelle donne;
7. infiammazione del nervo mascellare, un ramo del nervo trigemino che corre dietro lo zigomo e controlla le sensazioni in bocca e nel naso.

Cosa provoca l’emicrania?

Emicrania sintomi Anche se le specifiche neurobiologiche sono sconosciute, ci sono molti fattori noti che possono rendere l’emicrania più probabile. I motivi di ogni paziente possono essere diversi, ma la maggior parte rientrano nelle seguenti categorie:

1. cambiamenti nei livelli di stress emotivo. Un aumento dello stress a casa o al lavoro può innescare un mal di testa, così come una riduzione dello stress, come ad esempio la consegna di un importante progetto o andare in vacanza;
2. alcuni alimenti e sostanze chimiche, compreso il cioccolato, l’alcool, la frutta a guscio, il glutammato monosodico, i formaggi stagionati, le carni trasformate (come hot dog o affettati), alti livelli di caffeina e aspartame (dolcificante artificiale);
3. fame o disidratazione, soprattutto se causata da un pasto saltato.
4. cambiamento delle condizioni meteorologiche, tra cui pressione barometrica, umidità e temperatura;
5. modifiche a modelli di sonno, dormire più o meno del normale;
6. luci abbaglianti, come la luce diretta del sole senza occhiali da sole o la luce emessa da uno schermo cinematografico;
7. suoni forti, come ad un concerto;
8. odori forti, come profumi eccessivi;
9. intensa attività fisica tra cui sollevare oggetti pesanti, o eccessiva attività sessuale;
10. cambiamenti ormonali nelle donne, se connessi al periodo mestruale, oppure gravidanza, pillola anticoncezionale o terapia ormonale sostitutiva per la menopausa.

Cibi che scatenano l’emicrania

Se avete avuto un attacco di emicrania, sarete certamente motivati a fare tutto il possibile per evitare che accada di nuovo: l’emicrania può causare un intenso pulsare o palpitare doloroso, spesso su un lato o area della testa. Inoltre, si presenta spesso con l’aggiunta di sintomi spiacevoli, tra cui nausea, vomito, sensibilità alla luce o al suono. Fortunatamente, è possibile adottare misure per ridurne le probabilità.

Secondo l’Università della California – Berkeley, alcuni tipi di alimenti e bevande possono essere responsabili dell’emicrania in alcune persone. Ciò può accadere frequentemente per alcuni, o solo di tanto in tanto per altri. Non dimenticate inoltre che un alimento che ha innescato una emicrania potrebbe non causare di nuovo la stessa reazione.

Carne e latticini

Diversi tipi di carne, pollame, pesce e latticini sono possibili fattori dell’emicrania. Carni elaborate in scatola, tra i primi colpevoli. Per essere sicuri si consiglia di evitare hot dog, mortadella, salsiccia e salame. Nel settore lattiero-caseario, i latticini come panna acida o burro, possono indurre l’emicrania. Formaggi popolari come cheddar, emmenthal svizzero, mozzarella e provolone potrebbero esserne una causa.

Frutta e verdura

Frutta e verdura sono essenziali per una dieta equilibrata, ma potrebbe essere necessario controllare quali tipi mangiare, se si soffre di emicrania. Uvetta, papaya, prugne, banane, avocado e fichi: in particolar modo le banane e gli avocado sono particolarmente problematici per le persone che ne soffrono; i possibili fattori scatenanti contenuti nelle verdure includono invece: fagiolini, piselli, cipolle e aglio crudo. Un certo numero di legumi potrebbero essere ulteriormente interessati, fra cui ceci e fagioli pinto.

Prodotti da forno

La maggior parte dei tipi di prodotti da forno in commercio non sono “colpevoli”: tuttavia, pane a lievitazione naturale, pane appena sfornato e torte appena lievitate, potrebbero dare problemi. I fan della pizza prendano nota: qualunque tipo di cracker o pane contenente formaggio può scatenare le emicranie, tra cui proprio il vostro peccato di gola preferito. Cercate di ovviare al problema assumendo riso, orzo, bulgur, miglio, quinoa. Potete consumare tranquillamente anche farina di mais e pasta all’uovo.

Bevande

Gli alimenti non sono gli unici a poter scatenare un’emicrania. Gli alimenti che contengono cioccolato, ad esempio, possono portare le emicranie in alcune persone, compresa quindi la cioccolata calda, il cacao, e il cioccolato al latte. Anche la caffeina è una bevanda critica, anche se consumata in piccole quantità. Se soffrite di emicrania, potrebbe essere necessario limitare il caffè e il tè (anch’esso ricco di caffeina) dalla vostra dieta. Siate cauti anche nel consumare bevande alcoliche, nonché, in particolare birra, vino rosso, e sherry.

Dolci

Se avete un debole per i dolci, può essere difficile farne a meno ma potrebbe davvero essere necessario eliminarne alcuni, per poter controllare la vostra emicrania. Come accennato, i dolci contenenti cioccolato o gelato al cioccolato, torte o biscotti, potrebbero scatenarla. Evitate dolci che contengono lievito, principalmente.

Sane abitudini alimentari

Se soffrite spesso di emicranie, può essere difficile tenere traccia dei fattori che la provocano. Tenere un diario alimentare può aiutare a realizzare un registro delle vostre abitudini alimentari, che possono aiutare a determinare se alcuni alimenti nella vostra dieta sono portatori di emicrania. Basta scrivere tutto ciò che si mangia e si beve a colazione, pranzo, spuntini e cena poi, dopo un attacco di emicrania, si può verificare sul diario ciò che si è mangiato prima del dolore. Esistono anche alcune applicazioni per smartphone, che funzionano come registro digitale. Il diario alimentare può essere una soluzione per aiutarvi a evitare i cibi che scatenano la vostra emicrania. Oltre a monitorare ciò che si consuma, è anche possibile utilizzare il diario per capire quando e quanto spesso si mangia. Secondo l’Università della California – Berkeley, saltare i pasti e il digiuno possono portare anche a soffrire di emicranie. Prestando attenzione al vostro diario alimentare, potrete capire cosa eliminare o ridurre, e vedere se i sintomi migliorano.

Emicrania: complicazioni

Se non trattata, l’emicrania in genere può peggiorare e diventare più grave nel tempo. Inoltre, non è escluso che anche alcuni dei suoi trattamenti possano portare a problemi più gravi.

1. Cefalea da eccesso di medicinali

Se i farmaci per trattare la fase acuta dell’emicrania (compresi i farmaci anti-infiammatori non steroidei e quelli contenenti caffeina) vengono usati troppo spesso, il corpo può sovraccaricarsi. L’assunzione di caffeina dovrebbe essere strettamente sorvegliata perché può rendere più vulnerabili a questo tipo di mal di testa. L’uso eccessivo di farmaci può causare un nuovo attacco di emicrania quando il farmaco svanisce, o un mal di testa da abuso di farmaci. Questo può portare ad un circolo vizioso che porta ad assumere più farmaci, che provocano emicranie peggiori, e così via.

Una linea guida generale da seguire è che questi farmaci non devono essere utilizzati più di nove volte al mese. Se si utilizzano antidolorifici, ergotaminici o triptani per alleviare i sintomi dell’emicrania, si dovrebbe tenere un registro dove inserire le date di assunzione e consultare il medico se si superano le nove dosi al mese.

2. Sindrome serotoninergica

La sindrome da serotonina è una malattia rara, causata da troppa serotonina nel cervello e può essere originata dall’assunzione di farmaci che aumentano i livelli di serotonina, tra cui triptani e alcuni antidepressivi. I sintomi della sindrome serotoninergica comprendono agitazione, confusione, forte sudorazione, diarrea, tachicardia e contrazioni muscolari. Se si verifica uno di questi sintomi nel giro di poche ore dall’assunzione di un nuovo farmaco o di una dose maggiore di un farmaco, è necessario recarsi al pronto soccorso immediatamente. Se non trattata, la sindrome serotoninergica può portare a battito cardiaco irregolare, convulsioni e persino alla morte.

3. Ictus

Le persone che soffrono di emicrania, in particolare le donne e coloro che soffrono di aura prima di un mal di testa, sono a maggiore rischio di ictus; le donne che fumano o assumono contraccettivi orali sono a rischio ancora maggiore. Le ragioni di ciò, purtroppo, attualmente non sono completamente note.

Emicrania: cure

Panoramica, rapporto completo e 42 farmaci per l’emicrania a confronto.

I triptani sono farmaci efficaci usati per curare l’emicrania. Riducono significativamente il dolore in due ore per la maggior parte delle persone. Se il sollievo non è completo, diventa più probabile se si assumono precocemente durante un attacco; inoltre possono aiutare ad alleviare altri sintomi dell’emicrania, come nausea, vomito e la sensibilità a luce, rumore e movimento. Se si soffre di attacchi di emicrania lieve e meno frequenti, si possono provare altri antidolorifici, tra cui il paracetamolo (Tylenol e generici); farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’aspirina, l’ibuprofene (Advil e generici), o il naprossene (Aleve e generici); esistono inoltre prodotti “combinati” contenenti paracetamolo, aspirina e caffeina (Excedrin e generici). Se le emicranie vanno da moderata a grave, o limitano le normali attività, i triptani potrebbero rivelarsi più indicati.

Sappiate che i triptani sono vasocostrittori, quindi non devono essere assunti da persone con determinate patologie, come quella coronarica o l’angina (dolore al petto), o malattie vascolari periferiche. Le persone che hanno avuto un attacco di cuore o un ictus, hanno la pressione alta, o hanno emicranie accompagnate da debolezza o paralisi in un braccio o una gamba, vertigini, ronzio alle orecchie o difficoltà di parola, dovrebbero evitare i triptani. Inoltre, questi farmaci dovrebbero essere prescritti con cautela per le persone con fattori di rischio per patologie vascolari, come gli uomini oltre i 40 anni, le donne oltre i 55 anni e chi fuma, chi ha il colesterolo alto, il diabete, o una storia familiare di malattia cardiaca precoce o ictus; infine, chi è significativamente sovrappeso.

I sette triptani disponibili (più una pillola combinata) si differenziano per la loro efficacia e gli effetti collaterali che provocano; sono piuttosto costosi (Naratriptan, Rizatriptan e Sumatriptan sono ora disponibili anche come farmaci generici), e vanno dai 9 ai 35 Euro per pillola. Lo spray nasale e le forme iniettabili costano anche di più.

Per le persone con dolore da moderato a grave, è indicato il Sumatriptan (generico) compresse, spray nasale, e forme iniettabili.

Il Sumatriptan è disponibile come generico meno costoso; gli studi hanno scoperto che è efficace quanto o addirittura di più della maggior parte degli altri triptani. Un’altra opzione è la formulazione patch Zecuity, che è stata approvata dalla Food and Drug Administration nel gennaio 2013, ma non è disponibile come generico. Se il Sumatriptan non funziona, è possibile provare il Rizatriptan (Maxalt e generici). Gli studi indicano che funziona molto bene nel fornire sollievo dal dolore nel giro di due ore, rispetto a molti degli altri triptani. Anche questo farmaco può essere più costoso.

Il costo per il trattamento a base di triptani dipende da quanto spesso si devono assumere, dato che si prendono solo quando si verifica un attacco di emicrania. L’uso frequente può essere costoso.

Questi farmaci, come dicevamo, possono ridurre il dolore associato all’emicrania, ma differiscono nel funzionamento, nella velocità e nel tempo in cui forniscono sollievo dal dolore. I triptani differiscono anche negli effetti collaterali che provocano.

Il rapporto di cui parliamo in questo articolo fa parte di un progetto della “Consumer Reports” redatto per aiutare a trovare farmaci efficaci e sicuri. Trattandosi di un progetto internazionale, i farmaci indicati potrebbero non essere attualmente disponibili sul mercato italiano.

I sette triptani attualmente disponibili + la pillola combinata, Treximet, che contiene sia triptani Sumatriptan e Naprossene, un tipo di antidolorifico che fa parte degli anti infiammatori non steroidei (FANS) sono:

Nome Generico Marca Disponibile come farmaco generico?
Almotriptan Axert No
Eletriptan Relpax No
Frovatriptan Frova No
Naratriptan Amerge
Rizatriptan Maxalt, Maxalt MLT
Sumatriptan Alsuma (iniezione), Imitrex, Imitrex Nasal Spray, Imitrex Statdose (iniezione), Sumavel DosePro, Zecuity patch
Sumatriptan + naproxen Treximet Non come pillola combinata, ma i due farmaci individuali sono disponibili separatamente come generici
Zolmitriptan Zomig, Zomig Nasal Spray, Zomig ZMT

L’emicrania è una patologia abbastanza comune, e si verifica tre volte più spesso nelle donne. Circa il 18 % delle donne e il 6 % degli uomini soffre di emicrania, secondo la Fondazione “Emicrania Research”. Ciò significa che circa 36 milioni di adulti, solo negli Stati Uniti (più di 27 milioni di donne), soffrono di questi tipi di mal di testa. Le emicranie sono una delle principali cause di assenteismo e diminuzione di produttività sul lavoro. L’onere complessivo delle emicranie per la società è superiore a quella di altre patologie croniche, tra cui l’asma, la depressione, il diabete e le malattie cardiache.

I bambini possono soffrirne e circa il 10 % dei bambini in età scolare ne soffre; circa il 50 % delle persone che soffrono di emicranie hanno avuto la prima esperienza prima dei 12 anni. I ragazzi hanno più probabilità rispetto alle ragazze, ma questo rapporto cambia, durante la pubertà. Il risultato è che le donne soffrono di questi mal di testa più spesso degli uomini: il motivo è che hanno un maggiore tasso di estrogeno. Anche l’ereditarietà è uno dei motivi per ci si potrebbe sviluppare l’emicrania. Circa il 70 / 80 % delle persone che ne soffrono, hanno una storia familiare, secondo la “National Headache Foundation”. La maggior parte dei malati di emicrania ha una media di un paio di attacchi al mese, ma alcune persone ne soffrono più spesso. Se si soffre di emicrania che dura per più di quattro ore, almeno 15 giorni al mese per un periodo di almeno sei mesi, si viene classificati come “affetti da emicrania cronica”. L’emicrania può essere difficile da diagnosticare perché può causare sintomi simili a quelli di altri tipi di mal di testa. In realtà, le emicranie sono spesso diagnosticate come cefalea tensiva e più della metà delle persone che ne soffrono, non hanno ricevuto una diagnosi da un medico: questo significa che non possono ricevere un trattamento costante, o un trattamento corretto. Se pensate di soffrire di emicranie, consultate il medico per una diagnosi accurata e il relativo trattamento.

Alcuni tipi di emicrania emiplegica e basilare non devono essere trattate con i triptani a causa delle preoccupazioni circa un aumento del rischio di ictus. Con l’emicrania emiplegica, le persone hanno sintomi di emicrania accompagnata da debolezza o paralisi di un lato del corpo. I sintomi di quella basilare includono dolore, aura, difficoltà a parlare, vertigini, o ronzio nelle orecchie. Arrivare ad una diagnosi corretta con il vostro medico vi aiuterà ad essere guidati verso il trattamento giusto.

Un altro tipo di emicrania, chiamata aura tipica senza cefalea, in genere non richiede trattamento con i triptani. I sintomi comprendono disturbi visivi, spesso indicati come una “aura”, possono includere visione di luci lampeggianti, linee a zig-zag, punti ciechi, visione offuscata, con o senza mal di testa. Gli attacchi di solito durano circa 30 minuti, ma anche appena cinque minuti. Se si verifica questo tipo di emicrania, è necessario consultare un medico già la prima volta che accade per escludere altre condizioni possibili, come ad esempio un distacco della retina.

Altri medicinali (con prescrizione e non) sono disponibili per alleviare il dolore da emicrania e altri sintomi: tra questi antidolorifici da banco, come il paracetamolo (Tylenol e generici), l’aspirina, l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, e generici), il naproxene (Aleve e generici); nonché i prodotti combinati contenenti paracetamolo, aspirina e caffeina (Excedrin e generici). Anche i FANS possono essere utilizzati (ad esempio diclofenac solubile).

Le linee guida di trattamento emesse da diversi gruppi di medici, come l’American Academy of Neurology e la American Academy of Family Physicians, consigliano di provare una prescrizione di FANS come prima soluzione per emicrania da lieve a moderata e prendere in considerazione i triptani solo se grave, invalidante, o se gli altri antidolorifici non funzionano. I triptani sono spesso utilizzati da soli, ma possono anche essere assunti con i FANS. È necessario essere consapevoli del fatto che i triptani non impediscono gli attacchi di emicrania. Diverse classi di farmaci da prescrizione, diversi antidolorifici e alcuni integratori alimentari possono essere utilizzati per prevenire gli attacchi di emicrania. Questi includono alcuni antidepressivi, beta-bloccanti, antagonisti del calcio, alcuni farmaci antiepilettici e vari integratori, come il Partenio (Tanacetum) e il Butterbur (Petasites officinalis): non si valuteranno i suddetti trattamenti in questo contesto, ma la prevenzione, che comprende anche trattamenti non farmacologici, è una parte importante della gestione delle frequenti emicranie.

L’elenco che segue può essere utilizzato per valutare se si è un candidato ideale per un farmaco preventivo: è importante sapere che i risultati auspicabili non sono del 100 % e la maggior parte degli studi indicano che la riduzione della metà del numero di attacchi è il massimo che si può sperare con i farmaci attualmente disponibili per questo scopo. Siete un probabile candidato ai farmaci preventivi se:

1. Avete frequenti attacchi (due o più in un mese) che limitano il vivere normale per tre o più giorni al mese.
2. Il vostro modello di emicrania è prevedibile.
3. Non vi è possibile utilizzare antidolorifici o triptani a causa di altri motivi di salute.
4. Gli antidolorifici o i triptani non sono in grado di fornire sollievo sufficiente ai vostri attacchi.

Inoltre, si consiglia di parlare con il medico relativamente alle terapie non mediche per la gestione dell’emicrania. Ad esempio, molte emicranie sono provocate da alcuni fattori scatenanti, alcuni dei quali possono essere evitati o moderati. I fattori scatenanti tipici includono alcuni alimenti fra cui alcol, caffeina cioccolato e tè; inoltre disidratazione, dormire troppo o troppo poco, certi tipi di luci, odori o rumori forti; mestruazioni, jet lag, saltare i pasti e lo stress.

Altre opzioni di trattamento non farmacologiche includono agopuntura, biofeedback, massaggi, fisioterapia, training di rilassamento e tecniche di gestione dello stress.

Che cosa sono i triptani e chi ne ha bisogno?

Una emicrania è una condizione neurologica complessa che coinvolge diversi cambiamenti nel corpo, tra cui la dilatazione dei vasi sanguigni, l’infiammazione e l’attivazione dei recettori del dolore. Diversi farmaci possono essere utilizzati per gestire ciascuno di questi “meccanismi”: i triptani sono usati per trattare, non impedire, le emicranie, attraverso il restringimento dei vasi sanguigni dilatati. È importante notare che una gran parte della popolazione, cioè le persone con patologie di tipo vascolare, non dovrebbero assumere i triptani, idem chi possiede fattori di rischio per la malattia vascolare, quali età avanzata, colesterolo alto, pressione alta, obesità, diabete, storia famigliare di malattie cardiache e i fumatori. Tutte queste categorie di persone li dovrebbero prendere solo dopo una valutazione medica approfondita per garantire che non vi possano essere complicazioni da patologia coronarica o altra malattia dei vasi sanguigni. La maggior parte dei medici non dovrebbero prescrivere triptani senza un accurato screening per il rischio di patologie al cuore, negli uomini oltre 40 anni o nelle donne over 55: il motivo principale è che i triptani possono restringere le arterie e sono stati collegati a rari casi di attacchi di cuore, pericolo di vita a causa di disturbi del ritmo cardiaco, ictus.

Quasi tutti hanno un mal di testa di tanto in tanto. Le cefalee di tipo tensivo sono i tipi più comuni e sono generalmente lievi, transitorie e facilmente trattabili con farmaci antidolorifici da banco. Tipi meno comuni di mal di testa includono quello a grappolo e l’emicrania. Possono verificarsi ripetutamente e in genere comportano dolore più grave. Alcune persone sono rese incapaci a svolgere qualsiasi attività da una emicrania; non possono lavorare o compiere altre funzioni quotidiane e devono sdraiarsi in un luogo buio e tranquillo fino a quando il dolore scompare. Ci sono diversi modi per distinguere un mal di testa che compare ogni giorno (spesso chiamato “di tipo tensivo” dai medici) da altri tipi di mal di testa ed emicranie. I sintomi dell’emicrania possono variare da persona a persona e possono anche cambiare da attacco ad attacco.

Persone che non dovrebbero assumere i triptani

Se si soffre o si ha avuto:

1. Una malattia coronarica (con o senza angina).
2. Un attacco di cuore precedente.
3. Un precedente ictus o attacco ischemico transitorio.
4. Una malattia vascolare periferica.
5. Una incontrollata alta pressione sanguigna.
6. Una emicrania emiplegica, come quelle con debolezza temporanea di un braccio o attacchi di emicrania con sintomi neurologici (tipo di emicrania basilare).

Da assumere con cautela se si è:

1. Più vecchi di 40 anni, per gli uomini.
2. Più vecchi di 55 anni, per le donne.
3. Se si stanno attualmente prendendo alcuni antidepressivi (parlare con il medico).
4. Si ha il diabete.
5. Si ha una storia familiare di malattia cardiaca precoce o ictus.
6. Si ha il colesterolo alto.
7. Si è in menopausa.
8. Si è obesi.
9. Si è in stato di gravidanza.
10. Si è fumatori.

Alcune persone sono soggette a disturbi visivi, spesso indicati come ‘”aura”, che possono includere visioni di luci lampeggianti, linee a zig-zag, punti ciechi, o visione offuscata, che possono variare a seconda della frequenza con cui si manifestano le emicranie, la gravità del dolore e la velocità con cui il dolore aumenta. Vi consigliamo di consultare un medico se pensate di soffrire di emicranie: anche se la ricerca sta sperimentando farmaci senza ricetta medica che possano essere utili, vale la pena ottenere una corretta diagnosi grazie ad un medico che guidi la vostra cura. Inoltre, non è raro avere bisogno di una prescrizione e si può scegliere di andare da un neurologo o in una clinica specializzata in mal di testa o dolore; molti medici di famiglia hanno sufficiente esperienza per trattare le persone che soffrono di emicrania non complicata. Come abbiamo già notato, difatti, alcuni tipi di emicrania emiplegica e basilare non sono generalmente trattate con i triptani e solo un medico sarà in grado di determinare se si soffre di uno di quei rari tipi di emicrania. Come regola generale, chiunque abbia un mal di testa, anche per la prima volta, associabile ad altri sintomi, come debolezza o paralisi in un braccio o una gamba, vertigini, ronzio alle orecchie o difficoltà di parola, dovrebbe essere valutato da un medico.

Che tipo di mal di testa avete?

1. Ordinario, periodico di tipo tensivo
2. Cefalea cronica quotidiana, emicrania cronica
3. Cefalea a grappolo
4. Emicrania, emicrania episodica

1. Ordinario, periodico di tipo tensivo

– Dolore da lieve a moderata intensità
– Può durare da 30 minuti a diverse ore
– Dà una sensazione di tensione, pressione sulla fronte o ai lati e dietro la testa
– No nausea né vomito
– Nessun disturbo visivo o aura
– Sensibilità lieve alla luce o rumore, ma non è comune

2. Cefalea cronica quotidiana, emicrania cronica

– Si verifica almeno 15 giorni al mese per tre mesi, per almeno quattro ore al giorno
– Dolore costante su uno o entrambi i lati della testa
– Nessun disturbo visivo o aura
– Può essere aggravata o anche causato da un uso cronico di FANS e paracetamolo

3. Cefalea a grappolo

– Il dolore è di solito grave e centrato su un lato dietro l’occhio o tempia
– Il dolore è forte, lancinante
– Può durare da 30 minuti fino a tre ore
– Può capitare più di un attacco al giorno
– Attacchi quotidiani o quasi quotidiani per settimane o mesi (poi può scomparire per mesi o addirittura anni)
– Può essere associato con naso che cola, lacrimazione degli occhi e sensazione di palpebra cadente (spesso tutti su un lato solo)

4. Emicrania, emicrania episodica

– Il dolore è da moderato a grave
– Il dolore può verificarsi in uno o entrambi i lati della testa
– Il dolore è spesso pulsante o palpitante
– Si verificano attacchi periodici (per alcuni un anno, per molti un mese) che durano da quattro a 72 ore se non trattati
– Nausea con o senza vomito abbastanza comune
– Sensibilità al movimento, luce e / o rumore
– Può essere associata ad aure o disturbi visivi
– Se si hanno sintomi di entrambe (cefalea tensiva ed emicranie), si può soffrire di una patologia chiamata emicrania e cefalea di tipo tensivo “coesistenti”

Fonte: Consumer Reports

Che cosa sono le aure?

Le aure spesso sono disturbi visivi, ma si possono anche sentire come intorpidimento o debolezza su un lato del corpo. Ad esempio, è possibile visualizzare punti o forme, o luci tremolanti. Questi possono oscurare la visione e di solito precedono un attacco di emicrania. Durano da cinque minuti a 60 minuti e sono seguite nel giro di un’ora dal dolore dell’emicrania.

Il trattamento dell’emicrania può includere l’uso di diversi tipi di farmaci, tra cui FANS, triptani, e ergotaminici. Una volta che la diagnosi è stata scoperta, i medici e le organizzazioni mediche generalmente sono d’accordo su come procedere con le opzioni di trattamento e prevenzione. Le prescrizioni per il trattamento dipenderanno dalla gravità e dalla frequenza del dolore emicranico, ma in generale, se si soffre di attacchi poco frequenti, non debilitanti e lievi, si dovrebbe prima provare l’aspirina, un FANS, o prodotti combinati contenenti paracetamolo, aspirina e caffeina, per alleviare il dolore. Tutti i farmaci disponibili senza prescrizione medica o generici sono ampiamente efficaci per molte persone che soffrono di emicranie lievi, soprattutto se gli attacchi non sono frequenti.

Cautela con i farmaci FANS

Aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin IB e generici) e naproxene (Aleve e generici): fate attenzione a non abusare di questi farmaci. Ciò potrebbe causare gravi problemi gastrointestinali, tra cui emorragie, ulcere, e perforazioni potenzialmente mortali dello stomaco, intestino tenue, intestino crasso. Per ridurre la possibilità di questi effetti collaterali, utilizzate la dose minima che fornisce sollievo nel più breve tempo possibile. Assumere i farmaci con il cibo può aiutare. Inoltre, l’abuso di FANS (con triptani e altri antidolorifici) può a volte scatenare mal di testa, emicrania convertire sporadici episodi in cefalea cronica quotidiana. Dovete informare il medico se questo accade: si dovrà interrompere l’assunzione del farmaco per un periodo di tempo e passare alle alternative.

Efficacia dei triptani orali

Le probabilità di efficacia:

a. Nome Generico e Dose
b. Marca
c.Dose massima in 24 ore
d. Periodo a 2 ore
e. La libertà completa dal dolore a 2 ore
f. Risposta sostenuta, nessun evento avverso
g. Ricorrenza

immagine due

Se il vostro mal di testa è grave, il medico può prescrivere uno dei farmaci a basso costo, prima. Alcune persone che soffrono di moderata (a forte) emicrania hanno risposto bene. La maggior parte delle persone che soffrono di emicrania da moderata a forte avranno probabilmente bisogno dei triptani (se non hanno una delle patologie che impediscono di assumerli). Ciò è particolarmente indicato se la vostra emicrania può disturbare la vita normale.

Per il trattamento simultaneo di molteplici cause possibili di emicrania, il medico può raccomandare l’assunzione di triptani con FANS. Il Treximet, che contiene sumatriptan e naprossene, è l’unica pillola combinata disponibile: gli studi indicano che può essere più efficace del sumatriptan da solo, ma non c’è alcuna prova che abbia un vantaggio rispetto all’acquisto delle due pillole individuali (sumatriptan e naproxene generico come Aleve e altri) assunte insieme.

Altri farmaci sono disponibili, ma i triptani sono considerati superiori: antidolorifici a base di oppiacei, come ad esempio idrocodone e ossicodone, che si combinano con aspirina o con paracetamolo (Percocet, Percodan, Vicodin e generici) sono talvolta usati, ma raramente funzionano bene contro l’emicrania. E, come abbiamo già notato, questi farmaci possono anche portare a problemi da “uso eccessivo di farmaci” come il mal di testa, possono dare assuefazione e possono peggiorare le emicranie in molti modi.

Un altro farmaco che a volte usato per trattare le emicranie è uno spray nasale chiamato diidroergotamina (Migranal): è molto efficace, aiuta il 60 % circa di chi lo assume, dicono gli studi, ma può avere effetti collaterali particolarmente severi in quanto provoca restrizione dei vasi sanguigni in tutto il corpo. Può anche causare sensazione di naso chiuso. La diidroergotamina è disponibile sotto forma di iniezione, che può essere autosomministrata o somministrata da un medico.

La scelta dei triptani

Per scegliere i triptani, voi e il vostro medico dovreste considerare il costo e quante dosi servono al mese, gli elementi di prova dell’efficacia e degli effetti collaterali, la velocità, e per quanto a lungo funzionano, per capire la soluzione più adatta alle vostre esigenze. Tutti i triptani sono disponibili come pillole. Due (sumatriptan e zolmitriptan) sono anche disponibili come spray nasali, uno (sumatriptan) è disponibile come patch, e altri due (rizatriptan e zolmitriptan) sono disponibili sotto forma di compresse che si sciolgono in bocca. Le compresse solubili possono essere una opzione per le persone che hanno difficoltà a deglutire le pillole, ma un problema delle compresse solubili è che contengono aspartame, che può essere un fattore scatenante dell’emicrania per alcune persone. Quindi, se siete sensibili a questo dolcificante artificiale, si consiglia di evitare le compresse. Iniezione, spray nasale e patch possono essere buone opzioni per chi soffre di emicranie e che soffre anche di nausea e vomito. Il sumatriptan è l’unico triptano disponibile in forma iniettabile. Il patch (Zecuity) aiuta a somministrare il sumatriptan attraverso la pelle, ma non è disponibile come generico, il che significa che è costoso. L’iniezione fornisce sollievo veloce rispetto a pillole o spray nasale ma ha la più alta incidenza di effetti collaterali: molte persone non riescono ad iniettarselo da sole ma potrebbero essere una buona soluzione per chi soffre di emicrania cronica la cui insorgenza del dolore tende ad essere veloce e grave, in coloro che si risvegliano con un attacco già in fase avanzata, o quelli che vomitano durante un attacco e non possono assumere farmaci orali. La versione iniettabile è disponibile in tre forme: una siringa, una penna usa e getta, una bomboletta di gas per iniettare il sumatriptan sotto la pelle senza ago.

I triptani differiscono dagli altri farmaci in quanto agiscono velocemente, ma si “comportano” in vari modi. Alcune pillole a base di triptani sono in grado di alleviare il dolore dell’emicrania rapidamente mentre gli altri lavorano più lentamente, ma hanno effetti più duraturi.

Tutti i triptani possono causare effetti indesiderati. Ci sono diversi fattori da considerare nella scelta di un medicinale di questo tipo. Negli studi svolti su persone che soffrivano di emicrania da moderata a forte, i triptani in generale hanno alleviato il dolore nel giro di due ore nel 49-69 % delle persone. La completa libertà dal dolore era meno comune, solo circa dal 18 al 39 % delle persone entro due ore dall’assunzione. L’emicrania recidiva era comune e solo dall’11 a 21 % delle persone aveva ottenuto sollievo dai sintomi.

Il sumatriptan è il maggiormente testato: è particolarmente importante per gli effetti collaterali in quanto è il punto di riferimento per l’efficacia con cui vengono confrontati gli altri triptani. Gli studi suggeriscono che la maggior parte dei nuovi triptani, tranne il frovatriptan, possono fornire sollievo dal dolore in modo almeno equivalente al sumatriptan. Tuttavia, il rizatriptan può fornire una migliore analgesia rispetto a molti degli altri triptani. E, anche se un numero inferiore di studi è stato svolto utilizzando il rizatriptan in forma solubile, finora, più persone hanno riscontrato completa libertà dal dolore e ritorno alla normale funzione entro due ore, molto meno rispetto alla compressa da 50 mg di sumatriptan, con una media di 24 ore.

Ci sono alcune avvertenze di cui si dovrebbe essere a conoscenza di quando si tratta del confronto rizatriptan contro sumatriptan. Innanzitutto, la versione solubile contiene aspartame dolcificante artificiale, che può scatenare una emicrania nelle persone sensibili; inoltre, il rizatriptan è disponibile solo in forma di compressa, mentre il sumatriptan esiste iniettabile, come spray nasale, come patch, che può essere un grande vantaggio. I medici sconsigliano la miscelazione, quindi se siete state assumendo un diverso tipo di triptano, ma avete bisogno di un rimedio più veloce, affidabile, per un’emicrania insolitamente grave o persistente, le opzioni sono limitate.
Se state assumendo il sumatripan come pillola, patch o in versione a spruzzo, potreste provarlo come iniezione.

Frequenza degli effetti collaterali nei triptani orali

a. Nome Generico e Dose (Marca) *
b. Eventi avversi *
c. Dolore toracico
d. Vertigini
e. Intorpidimento / formicolio
f.Sonnolenza
g. Stanchezza

immagine due

I medici di solito consigliano di iniziare a prendere i triptani all’inizio dell’insorgenza dell’emicrania. Delle prove controllate con placebo ritengono che 41-68 % delle persone siano in grado di raggiungere la completa libertà dal dolore a due ore durante l’assunzione di questi triptani: eletriptan orale 40 mg, ri-za triptani 10 mg, sumatriptan 100 mg, zolmitriptan 5 mg e la pillola combinata sumatriptan / naprossene 85 mg / 500 mg. Tuttavia, non si può dire con certezza che il trattamento precoce sia migliore, perché nessuno studio ha confrontato direttamente queste due strategie di trattamento per vedere se una sia superiore all’altra. Oltre al dolore, i triptani possono anche alleviare altri sintomi dell’emicrania, tra cui nausea, vomito e la sensibilità alla luce e al rumore. Ancora pochi studi hanno esaminato quanto e quali possano alleviare questi sintomi, ma la maggior parte suggeriscono che non differiscono notevolmente in questo senso. Gli studi hanno anche scoperto che il 23-68 % delle persone che assumono i triptani possono tornare alla vita normale nel giro di due ore. Tuttavia i triptani possono causare effetti collaterali spiacevoli: tra il 23 e il 40 % delle persone che li prendono ne hanno avuto esperienza e alcuni di loro hanno dovuto interrompere la terapia. Ma per la maggior parte delle persone, gli effetti collaterali sono lievi e di solito diventano gestibili nel tempo. I più comuni sono vertigini, intorpidimento, formicolio, vampate di calore, sonnolenza e stanchezza. Ma per molte persone, l’effetto collaterale più preoccupante è il senso di oppressione toracica, pesantezza, dolore, o problemi di pressione. Quel disagio, può verificarsi diffusamente fino alla zona della mascella e del collo: fino al 7 % delle persone che assumono triptani, riferiscono di questo effetto collaterale. Se si soffre di dolore toracico o senso di oppressione, è necessario contattare immediatamente il medico. I triptani sono stati associati a rari casi di attacchi di cuore, pericolo di vita e disturbi del ritmo cardiaco, nonché ictus e morte. Questi problemi possono essere dovuti alla costrizione dei vasi sanguigni che causano; le persone che soffrono di malattie cardiache o sono soggette a fattori di rischio per le malattie cardiache possono avere un pericolo maggiore, ma si sono verificati anche in persone senza trascorsi di malattia cardiaca. Altri effetti indesiderati includono segnalazioni molto rare di cecità transitoria e permanente, nonché perdita parziale della vista.

Nel complesso, i dati disponibili non mostrano chiaramente se alcuni triptani hanno un profilo di sicurezza superiore o un tasso più basso di effetti collaterali rispetto agli altri. Prove (insufficienti) suggeriscono che il naratriptan possa avere un tasso più basso di effetti collaterali rispetto ai vari sumatriptan, rizatriptan, zolmitriptan ma, allo stesso tempo, il naratriptan sembra essere meno efficace ad alleviare il dolore dell’emicrania.

Si deve informare il medico se si prendono alcuni farmaci antidepressivi, tra cui citalopram, duloxetina, escitalopram, fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina o venlafaxina. Quando i triptani vengono assunti in combinazione con questi farmaci, vi è il rischio di una patologia potenzialmente pericolosa per la vita, chiamata “sindrome serotoninergica”: è necessario quindi non prendere questi farmaci insieme a meno che non sia sotto il controllo di un medico.

I triptani, inoltre non dovrebbero essere adottati entro due settimane dall’assunzione di inibitori MAO-A, una classe di farmaci antidepressivi che include isocarboxazid (Marplan), fenelzina (Nardil), e tranilcipromina (Parnate). I farmaci possono interagire negativamente e aumentare il rischio di convulsioni, nausea, vomito, sudorazione, vampate di calore e vertigini.

Se il medico consiglia di assumere triptani assieme ad un FANS, è possibile acquistare separatamente le pillole. La pillola combinata, il Treximet, è una opzione se si desidera la comodità di due farmaci in un’unica compressa: contiene 85 mg di sumatriptan e 500 mg di naproxene. L’idea alla base del Treximet è che il trattamento degli obiettivi molteplici sui meccanismi dell’emicrania e potrebbe offrire una maggiore riduzione del dolore rispetto al trattamento con i soli triptani. In due studi randomizzati, controllati con un placebo, più persone, grazie al Treximet, erano completamente libere dal dolore entro due ore dall’assunzione rispetto al lasso di tempo tra due e 24 ore dopo la somministrazione di chi aveva assunto il sumatriptan (85 mg) da solo. Inoltre, anche se c’è sempre la preoccupazione circa la possibilità di effetti collaterali quando si assumono più farmaci, alcuni studi hanno rivelato che i tassi di effetti avversi complessivi erano più probabili con il Treximet che con sumatriptan da solo. Inoltre, i tassi di dolore al petto, capogiri, sonnolenza, intorpidimento e formicolio erano uguali tra i due trattamenti. Quindi, è ragionevole pensare che la pillola combinata sumatriptan / naprossene può avere un profilo di sicurezza simile, pur essendo più efficace del sumatriptan, solo per alcune persone. Ma, come abbiamo già notato, i FANS, tra cui il naprossene, possono portare un rischio di gravi effetti indesiderati gastrointestinali: per ridurre al minimo le probabilità, è bene utilizzare una dose minore possibile per il più breve periodo.

Negli Stati Uniti, il costo della pillola è di 31$ ciascuna (circa 25 Euro): il Treximet è più costoso rispetto all’acquisto dei singoli sumatriptan e naprossene (come pillole generiche) e, poiché non vi è alcuna prova che prendendoli in combinazione a dose fissa funzioni meglio che prenderli singolarmente, si può risparmiare comprando le versioni generiche di entrambi e assumendoli insieme come pillole separate. Il sumatriptan è disponibile solo in compresse da 25 mg, 50 mg o 100 mg, quindi non è possibile preparare la dose di 85 mg contenuta nel Treximet. Il vostro medico può aiutarvi a decidere quale dose di sumatriptan sia più giusta: a prescindere dai triptani che state assumendo, assicuratevi di parlare con il medico prima di aggiungere il naprossene o qualsiasi altro farmaco.

I triptani, come dicevamo, possono essere costosi. Una singola dose varia in termini di costi da 10 a 100 Euro, se i farmaci che vengono iniettati sono inclusi. Tre triptani (naratriptan, rizatriptan e sumatriptan) sono ora disponibili come farmaci generici. In forma di pillola, possono offrire un risparmio di più della metà rispetto ai farmaci di marca. Per le persone che soffrono di frequenti emicranie, il costo delle dosi multiple dei triptani può anche rappresentare un ostacolo al trattamento. Per quelli con emicranie meno frequenti, il costo può essere invece poco problematico: come spiegato in precedenza, i triptani si assumono solo quando si soffre di un attacco di emicrania. Quindi, se si soffre di uno o due attacchi al mese, o meno, il costo è generalmente gestibile, ma se avete tre o più attacchi al mese, il trattamento a base di triptani può diventare molto costoso.

Somministrazione delle dosi di triptani

Parlate con il vostro medico riguardo a:

1. Il numero di volte che si può ripetere tranquillamente una dose entro un periodo di 24 ore.
2. La quantità raccomandata di tempo di attesa prima di assumere una dose.
3. Le restrizioni sulla dose massima giornaliera dei triptani che vi sono stati prescritti.
4. Se un’altra categoria di triptani potrebbe funzionare meglio.

Attenzione a non assumere più di una marca di triptani nello stesso periodo di 24 ore a meno che il medico prescriva espressamente il tipo di trattamento combinato.

L’acquisto di una pillola con dosaggio maggiore o una soluzione spray, se avete bisogno di alleviare il dolore da emicrania, è un’altra strategia per ridurre i costi. Se avete bisogno di una dose piuttosto elevata per alleviare i sintomi, non dovreste richiedere una prescrizione di un basso dosaggio per risparmiare denaro, perché finirà per costare molto di più. Le pillole con dosi più elevate o gli spray nasali costano circa la stessa dose delle pillole a basso dosaggio e quindi, se avete bisogno di prendere più pillole o dosi importanti per ottenere sollievo, parlate con il medico per passare a una prescrizione di una dose maggiore, che potrebbe farvi risparmiare denaro.

I sette triptani in forma di pillola costano 9 a 45 Euro ciascuno. Gli spray nasali sono più costosi, anche le forme iniettabili. Nella tabella sotto riportata è stato calcolato il costo del trattamento per una persona ipotetica che soffre di due emicrania al mese e prende una pillola per ogni attacco, o assume fino alla dose massima consentita per ogni attacco; viene anche indicato il prezzo per dose in tabella, quindi è facile calcolare quanto si possa spendere in base al numero di attacchi di emicrania. I prezzi indicati sono i costi medi di vendita al dettaglio sulla base di una banca dati nazionale americana: probabilmente troverete prezzi più bassi online.

Data la prova per l’efficacia, la sicurezza e gli effetti collaterali, così come i costi e la scelta del tipo di farmaco, il sumatripan risulta essere la scelta migliore nella sua versione generico, in compresse, spray nasale e iniettabile, per persone con dolore da moderato a forte.

Il sumatriptan è disponibile come generico economico. Ma ha anche molti altri vantaggi, tra cui l’offerta della più ampia scelta per la modalità di assunzione: se si risponde a questo farmaco, si hanno quattro modi per prenderlo. Compresse, spray nasale, iniezione, o patch (come già notato, la versione patch di Zecuity non è disponibile come generico per cui è probabile che sia costoso) possono completarsi e integrarsi tra loro. Questo è un grande vantaggio rispetto agli altri triptani.

La forma iniettabile di sumatriptan (che è disponibile come siringa, penna usa e getta, o iniezione senza ago) è altamente efficace nel ridurre i sintomi dell’emicrania rapidamente, più rapidamente di qualsiasi altro. Si deve sapere, però, che se il dolore non risponde alla prima iniezione, gli studi spiegano che non vi è utilità in una seconda iniezione durante un attacco. Lo spray nasale a volte produce sollievo più veloce delle pillole, ma se pillole sono la vostra preferenza (come lo sono per la maggior parte delle persone), le compresse di sumatriptan sono disponibili in tre dosaggi, uno in più di molti degli altri triptani. Questo vi dà una maggiore flessibilità nella scelta del dosaggio che funziona meglio per voi. Se avete bisogno di una dose più forte, parlate con il medico circa la possibilità di assumere 50 mg o 100 mg in pillola; vi farà risparmiare denaro. Ma attenzione a non usare questi farmaci più del necessario. Come abbiamo già notato, l’abuso di triptani può provocare mal di testa da abuso di farmaci, che può costringere a interrompere l’assunzione del farmaco.

È molto importante per voi sapere che le persone rispondono in modo diverso ai vari triptani. È possibile ottenere poco o nessun risultato da uno e rispondere meglio a un altro, quindi, se la scelta non funziona, discutete con il vostro medico per provare uno degli altri; i medici spesso modificano il tipo di medicinale se il primo che prescrivono non è efficace. Se il sumatriptan non funziona per voi, si consiglia di provare il rizatriptan, che è disponibile in compresse regolari (Maxalt e generici) e in compresse solubili (Maxalt MLT e generici). Gli studi indicano che il rizatriptan può essere più efficace rispetto ad alcuni altri triptani: una dose da 10 mg, può riuscire ad alleviare il dolore nel giro di un’ora, liberare dal dolore completamente in due ore, fornire sollievo dal dolore prolungato per 24 ore rispetto alla maggior parte delle altre pillole. Come abbiamo già notato, le compresse solubili contengono aspartame, che può essere un fattore scatenante dell’emicrania per alcune persone. Quindi, se siete sensibili a questo dolcificante artificiale, vi consigliamo di evitare queste compresse. Se non vi è possibile tollerare il sumatriptan o altri triptani a causa dei loro effetti collaterali, vi consigliamo di provare una dose inferiore. Gli studi dimostrano che le dosi più basse hanno meno probabilità di causare effetti collaterali. Quindi, se una dose più piccola offre ancora con abbastanza sollievo dal dolore dell’emicrania rispetto a una dose maggiore, questo può aiutare a evitare gli effetti collaterali indesiderati. Alcune persone non sono aiutate dai triptani, o non li tollerano bene. In quel caso, voi e il vostro medico dovrete pensare ad altri trattamenti.

Le prove dell’efficacia

La relazione di cui parla questo articolo si basa su un’analisi delle prove scientifiche svolte sui triptani. Sono stati identificati più di 1.600 studi pubblicati nella letteratura medica e relative revisioni tra il 1988 e il 2008. Da questi, l’analisi si è concentrata su 98 studi che hanno direttamente confrontato un tipo di triptani con un altro, o con altri farmaci contro l’emicrania o un placebo.

1. Efficacia

I triptani variano in efficacia. Per coloro che vogliono prendere le pillole o le capsule, tutti i triptani sono più efficaci del placebo. Due di essi, il frovatriptan (Frova) e il naratriptan (Amerge) hanno meno probabilità di altri di alleviare il dolore nel giro di due ore (contro gli altri 5 che alleviano il dolore entro due ore nel 61 69 % dei casi). Il prodotto in combinazione a dose fissa contenente sumatriptan e naprossene (Treximet), allevia il dolore nel giro di due ore nel 57-65 % delle persone.

Gli studi indicano che il rizatriptan può essere più efficace di molti altri triptani in diverse misure. Con la dose di 10 mg, è più probabile alleviare il dolore entro due ore rispetto ad una dose di almotriptan 12,5 mg, 2,5 mg naratriptan, sumatriptan 100 mg e zolmitriptan 2,5 mg. Tuttavia, quando si tratta di compresse solubili di rizatriptan, ci sono meno studi disponibili su come confrontarlo con altri triptani. Finora, gli studi dimostrano che sempre più persone si liberano dal dolore due ore dopo l’assunzione delle compresse solubili da 10 mg di rizatriptan, rispetto alle tavolette di sumatriptan da 50 mg. E sempre più persone nel gruppo di test del rizatriptan erano ancora senza dolore dopo 24 ore. Tuttavia, un numero simile di persone nel gruppo di test del rizatriptan e nel gruppo del sumatriptan hanno constatato un ritorno della loro emicrania entro 24 ore. Nessuno studio, però, ha ancora confrontato direttamente la tavoletta solubile rizatriptan con la compressa di sumatriptan da 100 mg.

Dosi più basse di alcune compresse sono in grado di alleviare le emicranie delle dosi più elevate quando vengono somministrate subito dopo in un attacco. Sumatriptan 50 mg, rizatriptan 5 mg e zolmitriptan 2,5 mg, per esempio, possono essere altrettanto efficaci quanto dosi doppie: gli altri triptani possono funzionare anche a dosi più basse, ma gli studi non l’hanno ancora provato. La dose è importante perché dosi inferiori rappresentano meno rischio di effetti collaterali ma dosi più elevate tendono a lavorare meglio e presto in un attacco, aumentando la possibilità di sollievo completo sollievo dal dolore. Tuttavia possono anche aumentare il rischio di effetti collaterali. La cosa importante è trovare la dose che funziona meglio per voi.

L’efficacia dei triptani è stata ampiamente giudicata da valutazioni del dolore a una e due ore; questo è in effetti una misura standard perché le indagini hanno scoperto che le persone che soffrono di emicrania si preoccupano di più di alleviare il loro dolore in fretta. Purtroppo, come riportato in precedenza, meno della metà di tutti i pazienti possono aspettarsi di provare completa libertà dal dolore entro le prime due ore dopo l’assunzione dei triptani. Un numero inferiore di studi hanno esaminato il sollievo dal dolore per 24 ore e il sollievo da altri sintomi, come la sensibilità al rumore o alla luce. Un numero inferiore di studi hanno altresì esaminato la cefalea recidiva dopo gli effetti dei triptani: questo nonostante il fatto che il dolore recidivo è un disturbo comune dei pazienti che soffrono di emicrania. Alcune persone devono prendere la seconda e la terza dose di triptani e / o di altri tipi di farmaci contro l’emicrania per “salvare” sé stessi dal mal di testa che ricompare entro 24 ore dalla sollievo iniziale.

2. Il trattamento precoce in un attacco di emicrania

Rispetto a studi più approfonditi ma più datati, in cui chi soffre di emicrania ha aspettato un po’ prima di prendere il farmaco, gli studi più recenti si sono concentrati sull’assunzione prima in un attacco, al primo segno di dolore lieve. Questo è considerato un “uso nel mondo reale” e finora, i risultati dimostrano che il 41-68 % dei pazienti si dichiarano senza dolore entro due ore dall’assunzione per via orale dell’eletriptan 40 mg, rizatriptan 10 mg, sumatriptan 100 mg, zolmitriptan 5 mg e per il prodotto in combinazione contenente sumatriptan / naprossene (Treximet) 85 mg / 500 mg. Altri studi sul trattamento precoce hanno misurato i livelli di dolore a 24 ore e hanno scoperto che l’assunzione anticipata è migliore di un placebo nel caso di almotriptan 12,5 mg, eletriptan 40 mg, 10 mg rizatriptan, sumatriptan 100 mg e per la combinazione a dose fissa del prodotto contenente sumatriptan e naprossene (Treximet). Tuttavia, non si può dire con certezza che il trattamento precoce sia un migliore trattamento, perché nessuno studio ha confrontato direttamente queste due strategie per vedere se una è superiore all’altra.

3. Sicurezza

I triptani sono generalmente farmaci sicuri quando utilizzati in modo appropriato e prescritto per i pazienti giusti, ma non dovrebbero essere presi da persone con determinate patologie e fattori di rischio per le malattie cardiache e l’ictus. Gli studi che hanno messo direttamente a confronto diversi triptani suggeriscono che esistono profili di sicurezza simili, perché non vi era alcuna differenza nei tassi di effetti collaterali, tra cui dolore toracico / oppressione e vertigini. I triptani sono stati associati a rari casi di attacchi di cuore, disturbi del ritmo cardiaco, ictus e morte. Questi problemi possono essere dovuti alla costrizione dei vasi sanguigni che i triptani causano. Le persone che soffrono di malattie cardiache o fattori di rischio per le malattie cardiache possono avere un rischio maggiore, ma si sono verificati anche in persone senza storia di malattia cardiaca. Altri effetti indesiderati includono segnalazioni molto rare di cecità transitoria e permanente, nonché perdita della vista parziale.

Prima di assumere i triptani, è necessario assicurarsi di non soffrire di tutti i fattori che aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus, che potrebbero proibire l’assunzione di uno di questi farmaci. Il medico dovrebbe anche chiedere o fare eseguire uno screening per questi fattori di rischio. I principali fattori di rischio per malattie cardiache e ictus sono: pressione alta, diabete, colesterolo LDL, fumo di sigarette. Milioni di individui hanno la pressione alta o diabete e non lo sanno. Non si dovrebbero assumere triptani se la pressione arteriosa e la glicemia non sono state controllate. Inoltre, non si dovrebbero assumere se si è a rischio di un attacco di cuore o ictus, o se si è già in trattamento per questi disturbi.

Se si soffre di dolore e oppressione al petto durante l’assunzione dei triptani, è necessario contattare immediatamente il medico. Fino al 7 % delle persone che prendono i triptani riferiscono di esperienza di dolore al torace e / o di oppressione. Questo effetto collaterale non è stato collegato a malattie cardiache, ma poiché le persone che assumono i triptani hanno avuto attacchi di cuore in rare occasioni, è meglio prevenire che curare.

4. Interazioni con altri farmaci

Tutti i triptani interagiscono negativamente con ergotamina e diidroergotamina (Migranal spray nasale), e non dovrebbero essere presi entro 24 ore dalla loro assunzione. Un farmaco triptani-eletriptani (Relpax) non dovrebbe essere assunto entro 72 ore dall’ assunzione di farmaci che inibiscono un enzima del fegato specifico (CYP3A4). Trattasi dei seguenti: Ketoconazolo (Nizoral) e itraconazolo (Sporanox), che sono antimicotici, Nefazodone (Serzone) per la depressione, Claritromicina (Biaxin) per le infezioni batteriche, Trileandomycin (Tao) per la polmonite, Ritonavir (Norvir) e Nelfinavir (Lexiva) per l’HIV / AIDS, Verapamil per la pressione alta.

Gli effetti fisici del rizatriptan possono essere maggiorati se assunto con il propranololo (medicina per pressione sanguigna, Inderal). Rizatriptan, sumatriptan, zolmitriptan possono interagire con antidepressivi chiamati inibitori della monoamino-ossidasi (MAO), come fenelzina (Nardil), tranilcipromina (Parnate) e isocarboxazid (Marplan). Parlate con il medico su come regolare la dose di triptani o eventuali alternative in questi casi. È necessario il medico se si prendono alcuni farmaci antidepressivi, tra cui fluoxetina, paroxetina, sertralina, fluvoxamina, citalopram, escitalopram, venlafaxina e duloxetina. Quando i triptani vengono assunti con questi farmaci, vi è il rischio di una condizione potenzialmente pericolosa per la vita chiamata sindrome serotoninergica. Quindi non assumete questi farmaci insieme, a meno che non sia sotto il controllo di un medico.

5. Differenze di età, razza e genere

Non ci sono prove che i triptani siano più o meno efficaci o sicuri per qualsiasi gruppo particolare sulla base di età, sesso o razza / etnia. In generale, gli studi sui triptani hanno coinvolto soprattutto le donne bianche intorno ai 40 anni di età in buona salute. Alcuni test hanno generalmente escluso le persone con malattie cardiovascolari, ipertensione non controllata, malattie del fegato e diverse altre patologie, per i motivi di cui sopra.

Parlate con il medico

È importante che sia chiaro che le informazioni reperibili in rete non sono destinate a sostituire il giudizio di un medico. Anche noi speriamo di essere utili con questo articolo, ma quando il vostro medico arriva a una decisione sui triptani e sulla relativa dose, è senz’altro il massimo per la vostra specifica esigenza. Molte persone sono riluttanti nel discutere il costo dei farmaci con il proprio medico, e anche alcuni studi hanno rivelato che i medici che non tengono abitualmente in considerazione i prezzi in caso di prescrizione di farmaci non mutuabili: fate sempre richiesta, il medico può supporre che il costo non sia un fattore determinante, per voi.

Chiedete farmaci meno recenti

Molte persone (compresi i medici) pensano che i farmaci più recenti siano anche i migliori. Questo è un presupposto naturale, ma non è sempre vero. Alcuni studi hanno scoperto che molti farmaci meno recenti sono buoni quanto (in alcuni casi addirittura migliori) i nuovi farmaci. Pensate che, in particolare quando si tratta di sicurezza, i farmaci più recenti non hanno ancora incontrato la prova del tempo e vari problemi imprevisti possono accadere anche se si trovano già sul mercato. Naturalmente, alcuni farmaci da prescrizione più recenti sono infatti più efficaci e più sicuri: parlatene con il vostro medico, senza dimenticare la possibilità di assumere farmaci generici.

Chiedete farmaci generici

I medicinali soggetti a prescrizione sono definiti “generici” quando i brevetti di una società sono scaduti, di solito dopo circa 12 / 15 anni. A quel punto, le altre aziende possono produrre e vendere i farmaci. I generici sono molto meno costosi dei farmaci di marca, ma non sono di qualità inferiore. In effetti, la maggior parte dei farmaci generici rimangono utili anche molti anni dopo la prima commercializzazione. È per questo che oltre il 75 % di tutte le prescrizioni sono proprio per questo tipo di farmaco.

Tenete un registro dei farmaci

Un altro aspetto importante è mantenere un registro dei farmaci che si prendono. Ci sono diverse ragioni per farlo:

in primo luogo, se si consultano diversi medici, ognuno può non essere a conoscenza dei medicinali prescritti dagli altri.
In secondo luogo, dal momento che le persone differiscono nella loro risposta ai farmaci, è comune per i medici di oggi di prescrivere alcuni farmaci prima di trovare quello che funziona meglio.
In terzo luogo, molte persone prendono diversi farmaci da prescrizione, farmaci senza ricetta medica, e integratori alimentari allo stesso tempo. Tutti questi possono interagire in modo da ridurre il beneficio che si ottiene dalla farmaco, o addirittura essere pericolosi.
In quarto luogo, i nomi dei farmaci da prescrizione (sia generici che di marca), sono spesso difficili da pronunciare e ricordare.

Per tutte queste ragioni, è importante mantenere una lista scritta di tutti i farmaci e integratori assunti e periodicamente rivederli con l’aiuto dei medici.

Controllate sempre le dosi

Infine, sempre essere sicuri di assumere la dose del farmaco prescritta, è bene controllare la corrispondenza fra ricetta e medicinale per verificare che la dose e il numero di pillole al giorno corrispondano a quanto indicato dal medico.

Comparazione dei farmaci per l’emicrania

La valutazione del test oggetto di questo articolo si è basata principalmente su un esame scientifico indipendente di prove sull’efficacia, la sicurezza, e sugli effetti negativi dei triptani. Un team di medici e ricercatori della Oregon Health & Science University ha condotto l’analisi per valutare l’efficacia comparativa e la sicurezza di centinaia di farmaci da prescrizione: una sintesi delle loro analisi sui triptani costituisce la base della relazione di cui vi parliamo. Il consiglio generale sulla diagnosi e il trattamento dell’ emicrania si basa sui recenti rapporti pubblicati e fonti online affidabili. Il rapporto originale, oggetto di questo articolo, è protetto da copyright e può essere scaricato gratuitamente e interamente al link: www.ConsumerReports.org/health.

I costi dei farmaci citati sono stati ottenuti da una società di informazioni che segue la vendita di farmaci da prescrizione: i prezzi di un farmaco possono variare notevolmente, anche all’interno di una singola città o paese. Tutti i prezzi indicati sono medie nazionali basate sulle vendite di farmaci da prescrizione nei punti vendita o farmacie nel mese di dicembre 2012.

I farmaci sono stati selezionati utilizzando i seguenti criteri.
Il farmaco (e relativa dose) doveva:

1. essere approvato dalla Food and Drug Administration per il trattamento dell’emicrania;
2. essere il più efficace o più efficace di altri triptani;
3. avere un livello di sicurezza pari o migliore di altri triptani.

Consumer Reports è un’organizzazione indipendente e senza scopo di lucro la cui missione dal 1936 è stata quello di fornire ai consumatori informazioni imparziali sui beni e servizi, per creare un mercato equo. Una spiegazione più dettagliata del progetto è disponibile a www.CRBestBuyFarmacos.org.

Tutte le informazioni contenute non devono essere viste come sostituzione alla consultazione di un medico, ma vengono fornite per migliorare la comunicazione con gli specialisti.

[Riferimenti]

^ Cefalea a grappolo: Che cosa è una cefalea a grappolo? (2013). Johns Hopkins Medicine. Estratto 18 marzo 2013, http://www.hopkinsmedicine.org/neurology_neurosurgery/specialty_areas/headache/conditions/cluster_headache.html
^ Mal di testa. (2011, 7 aprile). Mayo Clinic. Estratto 13 MARZO 2013, http://www.mayoclinic.com/health/headache/MY00407
^ Emicrania. (2011, 4 giugno). Mayo Clinic. Estratto 13 MARZO 2013, http://www.mayoclinic.com/health/migraine-headache/DS00120
^ Scheda emicrania. (2008, 1 maggio). Dipartimento di Salute e Servizi Umani. Estratto 13 MARZO 2013, http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/migraine.cfm
^ Emicrania e mal di testa: cosa è un attacco di emicrania? (2013). Johns Hopkins Medicine. Estratto 18 marzo 2013, http://www.hopkinsmedicine.org/neurology_neurosurgery/specialty_areas/headache/conditions/migraine_headache.html
^ Mal di testa primari e secondari. (2013). Johns Hopkins Medicine. Estratto 18 marzo 2013, http://www.hopkinsmedicine.org/neurology_neurosurgery/specialty_areas/headache/conditions/primary_vs_secondary_headaches.html
^ Cefalea tensiva: che cosa è? (2013). Johns Hopkins Medicine. Estratto 18 marzo 2013, http://www.hopkinsmedicine.org/neurology_neurosurgery/specialty_areas/headache/conditions/tension_type_headache.html
^ http://www.healthline.com/health/migraine
^ http://www.healthline.com/health/migraine/migraine-vs-headache
^ http://www.healthline.com/migraine/anatomy-animations#1/types-of-headaches
^ http://www.healthline.com/health/migraine-causes
^ http://www.healthline.com/health-slideshow/foods-that-trigger-migraines

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Emicrania: Guida Completa
5 (100%) 8 voto/i
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Emicrania: Guida Completa
5 (100%) 8 voto/i

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Prince, Il Dolore Cronico e La Contraffazione Dei Farmaci

Prince, Il Dolore Cronico e La Contraffazione Dei Farmaci

Farmaci falsi: credevo di averle sentite tutte, ma più passano gli anni e più resto …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...