© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Infezioni Virali e Infezioni Batteriche

Infezioni Virali e Infezioni Batteriche

Le infezioni batteriche e quelle virali sono entrambe causate da microbi (rispettivamente batteri e virus) e si possono diffondere nella popolazione tramite:

– Tosse
– Starnuti
– Contatto con persone infette – soprattutto tramite saliva e altri fluidi organici
– Contatto con oggetti , cibo o acqua contaminati
– Contatto con animali infetti

I microbi possono causare infezioni che possono essere:

– Infezioni acute – di breve durata
– Infezioni croniche – che possono durare mesi o anche tutta la vita
– Infezioni latenti – che possono essere inizialmente asintomatiche, ma attivarsi dopo mesi o anni

Entrambe le infezioni batteriche e virali possono causare malattie lievi, moderate o gravi.

Nel corso della storia umana, batteri come Yersinia pestis, il batterio della peste bubbonica e il virus del vaiolo, hanno causato milioni di morti. In tempi più recenti, l’influenza spagnola del 1918 ha causato dai 20 ai 40 milioni di morti, e il virus dell’AIDS ha ucciso più di un milione di persone solo nel 2013.

Le infezioni batteriche e virali causano sintomi simili, come febbre, tosse, raffreddore, vomito e diarrea. Tramite questi sintomi l’organismo cerca di espellere i microbi dal corpo.
Ma virus e batteri sono molto diversi tra loro , nella struttura e anche nel modo di reagire ai farmaci.

Differenze tra batteri e virus

Entrambi i tipi di microbi sono troppo piccoli per essere visibili all’occhio umano, tuttavia essi sono diversi tra loro come giraffe e pesci.

I batteri sono organismi unicellulari rivestiti dai una sottile membrana. Sono in grado di riprodursi da soli.
Scoperte fossili hanno determinato che i batteri esistono da almeno 3,5 miliardi di anni,possono sopravvivere in ambienti anche estremi, tra cui estremo caldo e freddo, ambienti radioattivi e nel corpo umano.

La maggior parte dei batteri è innocua, alcuni sono addirittura utili nel processo digestivo, nel combattere le cellule tumorali, e nella fornitura di nutrimenti essenziali all’organismo. Meno dell’1% dei batteri causa malattie.

Rispetto ai batteri, i virus sono più piccoli: il virus più grande resta comunque più piccolo di un batterio. Sono costituiti solo da un rivestimento proteico e da un nucleo di materiale genetico, RNA o DNA. Contrariamente ai batteri, i virus hanno bisogno di un ospite per riprodursi. La loro riproduzione avviene solo se si attaccano alle cellule dell’organismo ospite. Spesso essi possono riprogrammare le cellule in modo che creino nuovi virus fino ad esplodere. In altri casi, i virus trasformano le cellule sane in cellule maligne o cancerose.

Inoltre, la maggior parte dei virus provoca malattie ed attaccano le cellule in modo specifico. Per esempio, alcuni virus attaccano le cellule nel fegato, nei polmoni, o il sangue. Alcune volte i virus attaccano i batteri.

Infezioni batteriche e virali: diagnosi

E’ opportuno consultare il medico se si sospetta un’infezione batterica o virale, fatta eccezione per il raffreddore, che solitamente non costituisce pericolo per la vita.

Talvolta può essere complicato stabilire come ha avuto origine una infezione, perché molte malattie – tra cui la polmonite, la meningite e diarrea – possono essere provocate da batteri o virus. Il medico, indagando sulla storia medica e sui sintomi, sarà in grado di individuare la causa dell’infezione.

In caso vi sia necessità, il medico potrà prescrivere un esame del sangue o delle urine che possano confermare una diagnosi, o di un “test di coltura” su un campione di tessuto per identificare il tipo di batterio o virus. Può anche essere necessaria una biopsia per trovare l’origine dell’infezione.

Infezioni batteriche e virali: trattamento

Una delle scoperte più importanti nella medicina è stata la scoperta degli antibiotici. I batteri però sono organismi molto adattabili, e l’uso esagerato di antibiotici li ha resi molto resistenti. Ciò ha creato notevoli disagi, specialmente nel settore ospedaliero.

I virus sono immuni agli antibiotici, pertanto l’uso di antibiotici è consigliato solo in caso di evidente infezione batterica.

I vaccini sono comparsi all’inizio del 20 ° secolo, e hanno ridotto molto i casi di malattie virali come la poliomielite, il morbillo, e la varicella. Grazie ai vaccini si può inoltre prevenire molte infezioni come l’influenza, l’epatite A, l’epatite B, il papilloma virus umano (HPV), e altri.

Combattere i virus è comunque molto difficile, perché essi sono molto piccoli e si riproducono all’interno delle cellule. Al giorno d’oggi sono stati inventati farmaci antivirali per il virus herpes simplex, l’HIV / AIDS, e l’influenza, ma ciò ha portato anche allo sviluppo di ceppi virali resistenti ai farmaci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

2 Commenti

  1. Franca adorisio

    Sono medico 82 anni ho da un mese esatto oggi febbre mattina 37 pomeriggio 37,3 sera 37,8 notte una sudata e febbre giù La sera messa tachipirina Fatte analisi Positivo solo ProtCalfa 1-2beta1ves 49 non ccessivamente alta non linfocitosi non lon leucocitosi feritina 233 ( v n del metodo fino a 120 Il resto tutto nella norma e’ in corso Quantiferon TB Rx torace negativo eco radio no modificato da 2 anni fa compatibile con l’età’ Preso ciprolevofloxacina 12 giorni vecchia tetraciclina 10 giorni no cambiato il quadro Io e amici medici aspettiamo la fine del problema Pe 40 anni mai una febbre nel 2015 caso simile fine dopo 40 giorni grazie e cari saluti da vecchia collega

    • Buonasera Illustre dottoressa Franca e benvenuta,

      » la terza età, sovènte,  riserva delle complicazioni apparentemente atipiche.

      La leggera febbre che l’affligge durante il giorno dovrebbe essere il segno cardinale di un’infezione virale o batterica, ma, visti i suoi esami le volevo chiedere: ha preso in considerazione che il suo corpo stia rispondendo ad una condizione reumatologica?

      Un tempo era molto comune la diagnosi di FUO (febbre di origine sconosciuta).
      Ora in teoria beccare la causa dell’infezione dovrebbe essere più semplice. E spero che ne venga a capo.

      •► LINK 1;
      •► LINK 2;
      •► LINK- 3.

      Le riporto anche il caso di un paziente con febbre cronica – 3 mesi, link (cura: doxiciclina e idrossiclorochina).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *