© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Gotta: Guida Completa

Gotta: Guida Completa

La gotta spesso causa dolore improvviso e arrossamento nelle giunture, soprattutto all’articolazione alla base dell’alluce.
La gotta è una forma complessa di artrite, e può colpire chiunque. Gli uomini sono più a rischio di soffrire di gotta, mentre le donne ne sono più affette in menopausa.

Un attacco di gotta può avvenire all’improvviso, con la sensazione di avere l’alluce in fiamme. L’articolazione che viene colpita da gotta è calda, gonfia e arrossata.
Ad ogni modo, la gotta è curabile e si possono prendere alcune precauzioni per evitare che si ripresenti.

Sintomi

I sintomi della gotta si manifestano all’improvviso – spesso di notte. Essi sono:

➤Intenso dolore all’articolazione. Solitamente colpisce l’attaccatura dell’alluce, ma può verificarsi in piedi, ginocchia, caviglie, mani e polsi. Il dolore spesso è più intenso nelle prime 12 ore.
➤Sensazione di disagio. Una volta che il dolore più acuto è passato, si può avvertire un senso di disagio che può durare da alcuni giorni a qualche settimana. In caso di attacchi successivi spesso vengono coinvolte più articolazioni.
➤Infiammazione e arrossamento. Le giunture colpite da gotta diventano rosse, gonfie e doloranti.
➤Limitazione nei movimenti. La gotta provoca una diminuzione della motilità articolare.

Quando consultare il medico

Consultare il medico se si ha un dolore improvviso e intenso ad una articolazione. La gotta se non trattata adeguatamente può causare danni all’articolazione e dolore persistente.
Chiamare immediatamente il medico in caso di arrossamento e gonfiore dell’articolazione uniti a febbre, che può essere sintomo di infezione.

Cause

La gotta è causata da un accumulo di cristalli di urato nelle articolazioni, causando infiammazione e dolore intenso. I cristalli di urato si formano quando si ha un alto livello di acido urico nel sangue.
L’acido urico è prodotto dall’organismo quando scompone le purine – sostanze che si trovano in cibi come carne, organi animali e frutti di mare. Anche le bevande alcoliche, come la birra, e bevande con fruttosio, aumentano l’acido urico nel sangue.

Di norma, l’acido urico si scioglie nel sangue e viene espulso dai reni attraverso l’urina. A volte però l’organismo produce troppo acido urico oppure il corpo non riesce ad espellerlo. In questi casi, l’acido urico si aggrega in cristalli di urato che causano dolore e infiammazione.

Fattori di rischio

Si ha un alto rischio di essere colpiti da gotta se si hanno alti livelli di acido urico nel sangue. I fattori che aumentano l’acido urico sono:

✓ Dieta. Un’alimentazione ricca di frutti di mare, carne e bevande zuccherate stimola la produzione di acido urico, e il rischio di gotta. L’alcool, soprattutto la birra, aumenta la produzione di acido urico.
✓ Obesità. Quando si è obesi l’organismo produce più acido urico e i reni impiegano più tempo per smaltirlo, ciò aumenta il rischio di gotta.
✓ Particolari condizioni mediche. Alcune malattie rendono più vulnerabili alla gotta. Queste comprendono l’ipertensione, e malattie croniche come diabete, malattie cardiache e renali.
✓ Alcuni medicinali. L’assunzione di diuretici tiazidici – usati per curare l’ipertensione – e farmaci come l’aspirina, possono aumentare il livello di acido urico. Anche i farmaci anti-rigetto, assunti dopo un trapianto, possono innalzare i valori di acido urico.
✓ Precedenti casi di gotta in famiglia. Se in famiglia altri membri hanno sofferto di gotta, si ha più predisposizione ad esserne soggetti.
✓ Età e sesso. La gotta è più frequente negli uomini, in quanto le donne solitamente hanno livelli di acido urico più bassi. Ad ogni modo dopo la menopausa, anche nelle donne il livello di acido urico nel sangue aumenta. Gli uomini hanno anche più probabilità di soffrire di gotta prima delle donne – di solito tra i 30 e i 50 anni – , mentre le donne ne soffrono dopo la menopausa.
✓ Interventi chirurgici recenti. Dopo un’operazione si ha più rischio di sviluppare la gotta.

Complicazioni

Chi soffre di gotta può sviluppare condizioni più gravi, ovvero:

○ Gotta ricorrente. Alcune persone non sviluppano più gotta nè sintomi dopo la prima volta. Ma altre possono avere la gotta anche più volte l’anno. Esistono farmaci per prevenire i sintomi della gotta per chi ne soffre frequentemente. Se non curata, la gotta può danneggiare l’articolazione colpita.
○ Gotta avanzata. La gotta non curata può causare depositi di cristalli di urato che formano noduli sottopelle. Questi noduli si possono sviluppare su mani, piedi, caviglie, gomiti. Non sono dolorosi, ma possono diventare gonfi e morbidi durante un attacco di gotta.
○ Nelle persone affette da gotta i cristalli di urato possono accumularsi nel tratto urinario formando calcoli renali. Esistono farmaci per contrastare questo fenomeno.

Prepararsi alla visita medica

Se si hanno i sintomi della gotta, prenotare una visita medica. Dopo una visita generale, il medico potrà proporre uno specialista nel trattamento dell’artrite e condizioni simili (reumatologo).

Di seguito alcuni consigli per prepararsi al meglio alla visita.

Cosa fare

• Scrivere tutti i sintomi che si avvertono, e la loro frequenza
• annotare tutte le informazioni personali importanti, inclusi eventi stressanti o particolari
• Elencare tutte le eventuali altre condizioni mediche e farmaci, vitamine o integratori che si stanno assumendo. Il medico potrebbe inoltre chiedere se in famiglia si hanno casi di gotta
• Portare un familiare o un amico. Farsi accompagnare per poter ricordare meglio tutte le informazioni che il medico fornirà
• Fare una lista di domande da porre al medico. Questo aiuterà ad ottimizzare al massimo il tempo della visita medica.

Le domande da porre al medico potrebbero essere:

• Qual’è la causa dei miei sintomi?
• Che esami devo fare?
• Posso fare qualcosa per alleviare i miei sintomi?
• Devo consultare uno specialista?

Le domande da fare al reumatologo sono:

• Quali sono gli effetti collaterali dei farmaci che mi ha prescritto?
• Quando inizieranno a migliorare i miei sintomi?
• Per quanto tempo devo prendere i farmaci?
• Ho anche altre condizioni di salute. Come posso gestire tutto nel migliore dei modi?
• Devo fare cambiamenti alla mia dieta?
• Posso bere alcool?
• Esistono siti web o opuscoli che potrei consultare per informarmi?

Se ne sentite la necessità, non esitate a porre ulteriori domande al medico.

Cosa aspettarsi dal medico

Il medico probabilmente porrà alcune domande. Prepararsi a rispondere in modo da ottimizzare il tempo della visita. Ecco cosa potrebbe chiedere il medico:

• Che tipo di sintomi ha?
• Quando si verificano i sintomi?
• I sintomi sono costanti o vanno e vengono?
• Vi sono fattori che sembrano scatenare i sintomi, ad esempio stress o alcuni cibi?
• Si sta curando per altri motivi di salute?
• Quali farmaci assume, compresi farmaci da banco, vitamine e integratori?
• Qualche Suo parente stretto ha mai avuto la gotta?
• Cosa mangia solitamente?
• Beve alcolici? Quanto spesso e in che quantità?

Esami e diagnosi

Gli esami che possono stabilire se si è affetti da gotta sono:

✓ Test sulle articolazioni. Il dottore può drenare del liquido con una siringa dall’articolazione interessata. Una volta esaminato, se è presente gotta il liquido conterrà cristalli di urato
✓ Esame del sangue. Attraverso l’analisi del sangue si possono misurare i livelli di creatinina e acido urico. I risultati dell’esame del sangue possono però essere fuorvianti. Alcune persone possono avere elevati livelli di acido urico senza sperimentare mai la gotta, mentre altri possono averla, pur con basso livello di acido urico nel sangue.
✓ Radiografie. I raggi possono essere utili per esaminare le articolazioni.
✓ Ultrasuoni. Un’ecografia è in grado di rilevare se sono presenti cristalli di urato nelle articolazioni. Questa è la pratica più diffusa in Europa e Stati Uniti.
✓ TAC. Grazie alle immagini della TAC si possono esaminare i cristalli di urato nelle giunture,anche se non sono infiammati. Questa procedura è comunque usata raramente a causa dei costi elevati.

Farmaci e trattamenti

Esistono farmaci per curare la gotta. I farmaci usati saranno scelti da medico in base alle vostre condizioni.

I farmaci per la gotta possono essere usati per alleviarne i sintomi, prevenire attacchi futuri e complicazioni come depositi di cristalli di urato.

Farmaci per gli attacchi di gotta

I medicinali per trattare gli attacchi di gotta e prevenirli sono:

Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS). I FANS farmaci da banco come l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) e naprossene sodico (Aleve, altri), così come i FANS più potenti che richiedono ricetta medica come l’indometacina (Indocin) o celecoxib (Celebrex).
Può venire prescritto un dosaggio elevato per curare un attacco acuto, e dosi minori per futuri attacchi.
Questo tipo di farmaci comportano possibili effetti collaterali come mal di stomaco, ulcere e emorragie.

Colchicina. La colchicina (Colcrys, Mitigare), è un antidolorifico che allevia efficacemente i sintomi della gotta. Vi sono tuttavia effetti collaterali come nausea, vomito e diarrea.
Dopo un attacco acuto, può venire prescritto un dosaggio giornaliero per prevenire attacchi futuri.

Corticosteroidi. I farmaci corticosteroidi, come il prednisone, riducono il dolore e l’infiammazione causati dalla gotta. Esistono in pillole o in formula iniettabile direttamente nella giuntura.
I corticosteroidi vengono prescritti di solito a chi non può assumere anti infiammatori o colchicina. Come effetti collaterali si può avere aumento della pressione, aumento di zuccheri nel sangue e cambiamenti d’umore .

Farmaci per evitare le complicazioni della gotta

Se si soffre di attacchi di gotta frequenti, o se gli attacchi sono particolarmente dolorosi, possono essere prescritti farmaci per prevenire le complicazioni della gotta.
Essi comprendono:

Farmaci che riducono la produzione di acido urico, ovvero allopurinolo (Aloprim, Lopurin, Zyloprim) e febuxostat (Uloric), che limitano la produzione di acido urico del corpo.
Gli effetti collaterali dell’allopurinolo sono rash cutaneo e bassa conta ematica.
Gli effetti collaterali del febuxostat sono rash cutaneo, nausea e ridotta funzionalità epatica.

Medicinali che migliorano lo smaltimento dell’acido urico. Per eliminare più facilmente l’acido urico dall’organismo esistono farmaci come Probenecid (Probalan), che diminuisce il livello di acido urico nel corpo, ma aumenta quello nelle urine. Tra gli effetti collaterali vi sono nausea, rash, e calcoli renali.

Stile di vita e abitudini

Il metodo più efficace per curare la gotta è l’utilizzo dei farmaci appositi.
Possono anche essere utili alcune modifiche nello stile di vita, ad esempio:

➤ Evitare bevande alcoliche e zuccherate/con fruttosio
➤ Bere molti liquidi non alcolici, soprattutto acqua
➤ Limitare il consumo di alimenti ricchi di purine, come carne rossa, frutti di mare
➤ Fare regolare attività fisica e mantenere un peso sano.

Medicina alternativa

Se le cure per la gotta non danno i risultati sperati, si possono provare rimedi alternativi.
Consultare il medico prima di provare qualsiasi approccio diverso dai farmaci prescritti, per essere sicuri che non interferiscano con i trattamenti.
Dal momento che non esistono molte ricerche sulle terapie alternative per curare la gotta, in alcuni casi i rischi non sono noti.

Vi sono studi su alcuni alimenti che potenzialmente potrebbero abbassare il livello di acido urico, tra cui:

– Caffè. È stata trovata una correlazione tra consumo di caffè -sia normale che decaffeinato – e un basso livello di acido urico, ma non si sa né come né perché.
Non vi sono quindi prove sufficienti per promuovere il consumo di caffè per trattare la gotta.

– Vitamina C. La vitamina C può ridurre il livello di acido urico nel sangue, ma non esistono prove che possa essere efficace contro la gotta.
Consultare il medico per discutere un’eventuale assunzione di vitamina C, ricordando che è possibile assumerla quotidianamente da cibi come frutta e verdura .

– Ciliegie. Secondo alcuni studi le ciliegie riducono i livelli di acido urico; mangiare più ciliegie può essere un buon metodo per contrastare l’insorgere della gotta, tuttavia è opportuno prima consultare il medico.

Vi sono trattamenti che possono essere utili per alleviare il dolore causato dalla gotta, tra cui tecniche di meditazione ed esercizi di meditazione.

Prevenzione

Durante i periodi in cui non vi sono sintomi, si possono seguire alcuni suggerimenti per una dieta equilibrata che eviti il rischio di gotta:

○ Mantenere il corpo ben idratato. Consumare molti liquidi, soprattutto acqua. Evitare le bevande zuccherate, soprattutto quelle contenenti fruttosio.
○ Evitare l’alcool. Consultare il medico riguardo l’assunzione di alcool. La birra in particolar modo sembra aumentare il rischio di gotta, specie negli uomini
○ Consumare latticini a basso contenuto di grassi. I latticini magri possono essere efficaci per combattere la gotta, e sono una migliore fonte di proteine.
○ Ridurre il consumo di carne e pesce. Limitarsi ad assumere piccole porzioni, facendo attenzione a quali tipi e quali quantità sono dannosi per voi.
○ Mantenere un peso sano. Perdere peso può ridurre gli acidi urici nel vostro corpo. Ma evitare digiuni o dimagrimenti drastici, che possono temporaneamente innalzare i livelli di acido urico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Gotta: Guida Completa
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Gotta: Guida Completa
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *