© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » COME AVERE UNA GRAZIOSA POSTURA DA BALLERINA

COME AVERE UNA GRAZIOSA POSTURA DA BALLERINA

Sandra Ianculescu – Hai mai visto una ballerina con le spalle ”cadenti” o con la pancia gonfia? I seguenti esercizi di rafforzamento e raddrizzamento della schiena ti aiuteranno a ottenere la stessa postura elegante di una ballerina. Piroette escluse!

Raddrizza la schiena

Se non sei abituata a stare dritta, è probabile che con il passare del tempo ti sveglierai con una “gobba” splendida.
Come evitarla: tieni una fascia resistente o un manico di scopa sopra la testa e porta le braccia all’indietro, poi distanziale il più possibile.
Si tratta di un semplice esercizio di stretching e un ottimo modo di muovere le articolazioni e sollevare le spalle.

5 motivi per non stare con la schiena curva

○ Quando inclini in avanti le spalle, la cassa toracica preme sugli organi importanti e questo significa che avranno meno spazio per lavorare correttamente.
○ La pancia risalterà creando quell’effetto sgradevole di rotoli di grasso.
○ Una colonna vertebrale curva è più fragile e può causarti mal di schiena.
○ Puoi sviluppare forti dolori ai muscoli del collo o altri gruppi muscolari.
○ La postura scorretta porta a mal di testa, anche emicrania.

Ascolta il tuo corpo

Dimentica i consigli della nonna. Se li segui ad litteram, avrai le spalle tirate all’indietro in un modo doloroso e il torace rigido davanti – questa era la “posizione perfetta” di una volta. Invece ascolta il tuo corpo: la postura corretta dovrebbe venire in un modo naturale e senza sforzo. Fai solo piccoli aggiustamenti per aiutarti a capire come ti trovi bene.

Non esagerare con i tacchi

Hai una collezione di scarpe impressionante? Purtroppo, le tue scarpe molto amate con i tacchi alti sollecitano la tua colonna nel modo più crudele, se le indossi troppo spesso.
Quando siamo sui tacchi, tendiamo a piegarci in avanti in modo che la parte inferiore della colonna cambi la sua direzione, modificando inevitabilmente la forma naturale di “S” dell’intera colonna, provocando mal di schiena terribili.

Se stai in piedi tutto il giorno

Le persone costrette a stare in piedi durante le ore di lavoro tendono a spostarsi da un piede all’altro, lasciando il generalmente il peso più su uno di essi. Questo mette pressione sui muscoli e sulla colonna vertebrale, causando mal di schiena. Piuttosto cerca di tenere le gambe distanziate l’una dall’altra in una maniera naturale, bilanciando il peso su entrambe. Siediti quando hai la possibilità e indossa delle scarpe comode con la suola piatta, in nessun caso con tacchi.

Se rimani seduta tutto il giorno

Molti dipendenti trascorrono la giornata seduti su una sedia in ufficio, di fronte al monitor. Cosa fare: regola l’altezza del monitor con quella della sedia per avere una vista confortevole sullo schermo, senza dover allungare il collo. Tieni la schiena dritta, appoggiata sul sedile posteriore, e tirati vicino alla scrivania, in modo che le tue mani formano un angolo retto durante la digitazione.
I piedi dovrebbero stare piegati a 90 gradi o leggermente rilassati, con le ginocchia un po’ più basse dei fianchi. Non incrociare le gambe al livello delle ginocchia, piuttosto incrocia le caviglie e ricordati ogni tanto di fare una breve passeggiata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *