© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Integratori Naturali Per Un Intestino Sano

Integratori Naturali Per Un Intestino Sano

1. Probiotici:

contengono organismi viventi, come batteri e un tipo di fermenti, che assomigliano ai batteri buoni presenti nell’intestino e che facilitano la digestione. Gli integratori sono utilizzati per trattare alcuni problemi gastrointestinali e per la salute dell’apparato digerente in generale. Alcuni tipi di probiotici possono ridurre la diarrea e alleviare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (SII). Prova ad aggiungerli allo yogurt o al latte al malto.

2. Liquirizia (DGL):

è stata a lungo usata per trattare i sintomi di indigestione, come bruciore di stomaco e reflusso acido, anche se questi usi non sono supportati da prove scientifiche. Se non è pura, la liquirizia può provocare effetti collaterali, come aumento della pressione sanguigna. Il DGL è uno specifico estratto di liquirizia (cioè deglicirizzato) a cui sono state rimosse alcune sostanze chimiche, quindi non ha effetti collaterali. Nonostante ciò, le donne in gravidanza non devono assumere liquirizia DGL – o qualsiasi altro integratore – senza aver prima consultato il medico.

3. Olio alla menta piperita:

secondo diversi studi, questo olio riduce il dolore e il gonfiore addominale provocato dalla sindrome dell’intestino irritabile. Le capsule gastroresistenti non vengono assorbite dallo stomaco, ma passano attraverso l’intestino tenue e crasso e rilasciano l’olio in esse contenuto. Se assunto in piccole dosi, l’olio alla menta piperita sembra essere sicuro.

4. Camomilla:

è utilizzata per tantissimi disturbi. I naturalisti hanno provato a trattare con la camomilla problemi digestivi, come mal di stomaco, coliche e nausea, ma anche problemi di altra natura, come l’ansia e l’insonnia. Le persone allergiche ad alcune piante, come l’ambrosia, potrebbero avere una reazione allergica anche alla camomilla. È sempre opportuno parlare con un medico, prima di cominciare ad assumere qualsiasi tipo di integratore.

5. Zenzero:

viene usato nella medicina asiatica per curare il mal di stomaco. In Occidente, lo zenzero viene utilizzato per alleviare la nausea e il vomito durante la gravidanza. Questa radice è disponibile in polvere, in capsule o compresse oppure semplicemente come radice fresca appena tagliata. Generalmente è considerata sicura, se assunta in piccole dosi (1 – 3 grammi al giorno).

6. L – Glutammina:

la glutammina si trova naturalmente nel corpo ed è importante per la salute dell’intestino e di altri organi. L’integratore alla L – glutammina può aiutare a ridurre la diarrea provocata da un intervento chirurgico, stress o infezioni. È inoltre molto utile per un miglior assorbimento delle sostanze nutritive, per coloro che hanno troppi batteri nocivi nel loro apparato digerente, per le persone che assumono farmaci contro il cancro o alle quali è stata rimossa una parte dell’intestino.

7. Psillio:

è usato come ingrediente nei lassativi in vendita sfusi. A causa del suo elevato contenuto di fibre, è capace di assorbire l’acqua nell’intestino. In questo modo le feci diventano più consistenti e facili da espellere. Nel trattamento della stitichezza è importante bere molti liquidi per evitare la disidratazione o un peggioramento del disagio. Le persone allergiche al polline di piantaggine inglese, erba polline o al melone potrebbero avere una reazione allergica grave durante l’assunzione di psillio.

8. Carciofo:

l’estratto di foglie di carciofo può alleviare i sintomi di indigestione. Se utilizzato ogni giorno, tale estratto sembra inoltre diminuire nausea, vomito, gas intestinale e dolore addominale. In più potrebbe essere utile per trattare la sindrome dell’intestino irritabile (SII), poiché riduce crampi e dolore addominale. Non si sa che interazioni può avere l’estratto di foglie di carciofo con i farmaci, ma si sa che può causare reazioni in persone allergiche al polline di ambrosia o simili.

Prima di assumere qualsiasi tipo di integratore, consulta il tuo medico.

Gli integratori alimentari non sono strettamente regolati dalla Food and Drug Administration (FDA). Ciò vuol dire che non vi è alcuna garanzia della loro qualità, efficacia e sicurezza. È importante leggere sempre le etichette e consultare un medico. Maggiore attenzione bisogna prestare in caso di gravidanza, patologia, o se si stanno assumendo già altri farmaci, integratori o erbe.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *