© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Diabete: La Carne Rossa è Un Pericolo?

Diabete: La Carne Rossa è Un Pericolo?

Quando si pensa al diabete e alla dieta, in genere si pensa allo zucchero, ma lo sapevate che l’assunzione di carne rossa può essere un problema? Scoprite alcune strategie per consumarla in modo intelligente e senza rischi per la salute.

Mangiare troppa carne può fare ammalare di diabete?

Il vostro stile di vita può avere un effetto importante sul vostro rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e, se soffrite già della patologia, sul modo di gestirla. Il consumo di carne rossa è un fattore dietetico da considerare.

Cosa si può fare per non aumentare il rischio?

Consumare abbondanti portate di bistecche e altre carni rosse può essere un vero problema per le persone che soffrono di diabete di tipo 2 perché la carne rossa contiene grassi saturi e un recente studio ha rivelato che le donne malate di diabete di tipo 2 che mangiano più carne rossa hanno anche una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiache rispetto alle donne malate di diabete che però ne fanno un consumo limitato. Altre ricerche hanno dimostrato che le donne che mangiano più carne rossa e per lunghi periodi di tempo (il test era basato su un lasso di tempo superiore ai nove anni), hanno anche più probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Inoltre i grassi saturi aumentano i livelli di LDL, cioè del colesterolo “cattivo, che ostruisce i vasi sanguigni e può portare a infarti e ictus anche le persone sane. Tali rischi sono ovviamente amplificati nelle persone che soffrono di diabete. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che i grassi saturi possono anche aumentare la resistenza all’insulina del corpo e quindi rendere il controllo dello zucchero nel sangue più difficile.

P U B B L I C I T A'

Dite no alle carni lavorate

La carne rossa non è l’unico colpevole, però. È vero, aumenta il rischio di sviluppare il diabete, ma anche le carni lavorate come la pancetta e il wurstel per l’hot dog sembrano rappresentare un notevole rischio per lo sviluppo della malattia. Può sembrare difficile sostituire questi elementi comunemente consumati, ma esistono alternative: invece di preparare bistecche o carne rossa per cena, optate per una deliziosa scelta come la braciola di maiale, il lombo di maiale magro, oppure pollo, tacchino o pesce. Si può mangiare carne rossa in modo occasionale e senza danneggiare la salute: quando siete a una festa, per esempio, scegliete tagli magri ed eliminate qualsiasi grasso in più. I tagli magri includono il filetto, la bistecca e altre zone tipicamente magre, come la lombata.

Anche le porzioni sono importanti

Oltre a scegliere il giusto tipo di carne, il controllo delle porzioni va altrettanto rispettato. Ricordate che una porzione di carne è non più di 85 grammi da cotta (o 115 grammi da cruda).

La conoscenza è forse l’arma più importante per difendere il corpo dal diabete. Ora che sapete gli effetti potenzialmente nocivi delle carni rosse e di quelle lavorate, fate uno sforzo per selezionare le alternative più salutari disponibili presso il vostro supermercato.

Il vostro organismo ve ne sarà molto grato!

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *