© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Carenza di Potassio? Ecco Cosa Mangiare Per Tornare In Salute

Carenza di Potassio? Ecco Cosa Mangiare Per Tornare In Salute

Ti senti spesso stanco, spossato o ansioso senza motivo? Soffri di stitichezza, diabete, disturbi renali o cattiva digestione? E se si trattasse di una carenza di Potassio? Un semplice test ematico può aiutarti a controllare i livelli di Potassio nel tuo organismo.

Vediamo perché è essenziale garantire all’organismo il giusto apporto di Potassio e a cosa serve questo minerale tanto prezioso.

A cosa serve il Potassio e perché è importante per la salute?

Il Potassio è una sostanza fondamentale per l’organismo umano. Una carenza di tale minerale può comportare l’insorgenza di patologie a carico del cuore e del sistema vascolare, nonché sintomatologie come spossatezza cronica, forti crampi, stress, ansia, insonnia e altri disturbi del sonno. In gravidanza è particolarmente importante perché, se carente, può comportare disturbi della crescita e dello sviluppo nel feto.

In aggiunta a ciò il Potassio contribuisce al corretto funzionamento della digestione e dei movimenti intestinali. In caso di carenza, le conseguenze più immediate sono stitichezza e cattiva digestione, oltre a stanchezza cronica, astenia, disturbi del battito cardiaco, ritenzione idrica, malattie renali e molto altro.

Quali sono i cibi più ricchi di Potassio?

Prima di fare ricorso a medicinali o ad integratori è meglio provare ad assumere il Potassio attraverso l’ alimentazione. I cibi ricchi di Potassio sono tanti. Quali sono? Vediamolo insieme.

Ti ricordi quando la mamma, non appena avevi un crampo o un problema muscolare, ti diceva di mangiare una banana? Ebbene, questo rimedio naturale ha un fondamento scientifico, perché le banane sono ricchissime di Potassio.

Lo stesso vale per altri frutti come l’uva, l’avocado, le albicocche, il kiwi, il cocomero ed il cocco. Per non parlare poi della frutta secca, un vero e proprio “integratore naturale” (tra l’altro molto gustoso) di Potassio: in particolare noci, castagne, mandorle, pistacchi e nocciole.

Tra i vegetali, quelli con il più elevato contenuto di Potassio sono le patate, la zucca e i pomodori secchi. A questi si aggiungo, poi, gli spinaci, i cavoli ed i cavoletti di Bruxelles. Anche i legumi (come le lenticchie e fagioli) e i funghi contengono alte percentuali di Potassio, così come alcuni tipi di carne (pollo, tacchino, maiale e vitello) e di pesce (sgombro, merluzzo, nasello e trota).

Una menzione speciale la meritano i ceci, che oltre ad essere ricchi di Potassio, contengono tanti Omega 3, elevate percentuali di Magnesio e le importantissime Vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6).

Autore | Lucia D’Addezio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *