© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Arachidi: Perché Consumarle?

Arachidi: Perché Consumarle?

Le arachidi (o noccioline americane) vengono rapidamente coltivate ed esportate da varie regioni dell’Asia meridionale. Molto apprezzate in tutto il mondo, sono una fonte salutare di grassi monoinsaturi, indispensabili per la salute del cuore.

Molti nutrizionisti promuovono l’aggiunta di arachidi all’alimentazione quotidiana, specialmente per coloro che soffrono di disturbi cardiovascolari. Gli studi dimostrano che il rischio di malattie di questo tipo si riduce fino al 21% in un soggetto che consuma arachidi su base giornaliera o regolare e confermano che si tratta della miglior fonte di proteine di provenienza vegetale, nonché di una ricca fonte di energia. Le arachidi contengono molti nutrienti essenziali necessari al corpo umano per un miglior rendimento.

Le noccioline americane vengono impiegate in vari modi. L’olio può essere aggiunto a diversi piatti oppure può essere applicato sul corpo, in caso di gonfiore; mentre la farina può essere utilizzata per la preparazione di diversi tipi di pane e chapatti (tipico pane indiano). Possono inoltre essere lessate, tostate, salate e tostate con miele. Le arachidi tostate sono riscontrabili quasi in tutto il mondo. Vengono usate in cucina in molti Paesi, soprattutto in casi di malnutrizione, data la varietà di sostanze nutritive che le compongono.

Di seguito, riportiamo una lista con i benefici per la salute delle arachidi:

Aumento della fertilità: le arachidi contengono una buona dose di folato o acido folico, una sostanza che aumenta la fertilità. Gli studi e una ricerca intensiva hanno dimostrato che il consumo giornaliero di 400 microgrammi di acido folico aumenta la fertilità e fornisce al neonato un buon sistema immunitario. Le probabilità di aborto diminuiscono notevolmente; lo stesso succede con il rischio di anomalie e con il rischio di disturbi neurali o fisiologici. Di conseguenza, una donna dovrebbe mangiare arachidi se vuole rimanere incinta e anche durante la gravidanza;

Proprietà anti – depressive: si tratta di un’ altra importante caratteristica di questi “semi”. Le arachidi contengono infatti triptofano, ossia un amminoacido usato nella produzione di serotonina. Quest’ormone serve come anti – depressivo ed è essenziale per il cervello. La mancanza di serotonina nelle cellule cerebrali può infatti provocare sbalzi di umore, dato che si tratta di una sostanza che regola l’umore. In conclusione, la serotonina è indispensabile per la vivacità di una persona e un abbassamento del livello di tale ormone può avere effetti negativi sulla personalità.

Ricche di vitamine di vari tipi: per questo motivo, le arachidi sono definite come il “cibo del cervello”. È importante parlare innanzitutto della vitamina B3, indispensabile per l’esecuzione di molte funzioni del corpo e, principalmente, per alimentare il cervello per il suo normale funzionamento e per aumentare l’energia delle cellule cerebrali. Inoltre, siccome le arachidi contengono vitamine B3 e B2 (o niacina), è da dedurre che fanno sì che le abilità cognitive rimangano intatte. Il 70% delle persone prese in esame ha dimostrato che l’assunzione di arachidi fa diminuire per loro il rischio di schizofrenia e di morbo di Alzheimer. Per soddisfare le esigenze del nostro cervello è necessario un pugno di arachidi al giorno;

Prevenzione di calcoli biliari: è un problema che si presenta maggiormente nelle donne che si può trattare in vari modi, ma si può anche prevenire. La precauzione più “appetitosa” sembra proprio quella di mangiare noccioline americane. Secondo un sondaggio effettuato su 80.000 donne, coloro che consumano ogni giorno arachidi, burro di arachidi o altri alimenti a base di arachidi sembrano avere quasi il 25% in meno di probabilità di avere calcoli biliari. Si tratta di un risultato sorprendente, se si considera il fatto che per prevenire malattie alla colecisti (o cistifellea) sono necessari solo circa 30 grammi di arachidi al giorno.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *