© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Obesità e Temperatura Corporea

Obesità e Temperatura Corporea

Alcuni ricercatori medici hanno effettuato un nuovo studio in cui si evince che, in vari casi, una incapacità biologica di creare e mantenere la giusta temperatura corporea potrebbe contribuire a
all’aumento di peso, fino addirittura all’obesità.
La ricerca è stata pubblicata sull’importante rivista medica Cronobiologia International, punto di riferimento per tutti gli studiosi di cronobiologia.
Lo studio in questione ha evidenziato in particolare modo che l’obesità potrebbe essere associata con una significativa riduzione della temperatura corporea durante le ore diurne. Il direttore della rivista, Francesco Portaluppi, spiega che la ridotta capacità delle persone obese di trasformare l’energia corporea in calore, rispetto agli individui magri, potrebbe provocare a lungo termine un aumento di peso fino a 2 kg all’anno, a seconda dello stile di vita.
Originariamente si pensava che si trattasse di uno squilibrio tra “l’assunzione” delle energie e quelle spese, ma il collegamento con l’obesità è risultato confrontando le temperature corporee di soggetti obesi con quelle di soggetti sani.
Lo studio ha concluso che la temperatura corporea (notevolmente) ridotta è molto più diffusa nei soggetti obesi, per cui i ricercatori ritengono che questo deficit biologico può predisporre i soggetti in questione a diventare obesi.
“Dal momento che la temperatura corporea rappresenta un indicatore della spesa energetica”, dichiara il co-autore dell’articolo su Cronobiologia International, il Dott. Pietro Cortelli “i risultati di questo studio suggeriscono che un handicap termogenico diurno può svolgere un ruolo cruciale nel favorire l’aumento di peso nei soggetti obesi”.
Il Dott. Cortelli sottolinea l’importanza di questo studio, che sostiene fortemente la possibilità di un nuovo obiettivo terapeutico per il trattamento dell’obesità.
Anche se occorreranno approfondimenti e ricerche più specifiche, Francesco Portaluppi conclude dichiarando che questo studio può aprire la porta a modi più innovativi per trattare l’obesità.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *