© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Vivere Con Il Diabete Di Tipo 2

Vivere Con Il Diabete Di Tipo 2

Com’è vivere con il diabete di tipo 2? In realtà, basta qualche modifica alla vostra routine quotidiana: può fare una grande differenza per la vostra salute generale.

Tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue

Se non state prendendo l’insulina, dovreste fare il test del glucosio nel sangue durante la giornata. Il paziente non deve utilizzare i risultati per regolare una dose di insulina o il menu della cena, ma è importante essere consapevoli dei loro livelli. “In assenza di prove, i vostri zuccheri potrebbero variare improvvisamente“, sostiene la Dr.ssa Tabitha Palmer, educatrice diabetologa e dietista presso la Capital Research ad Halifax. “Ci si può sentire bene anche con la glicemia alta, ma può essere causa di problemi di ogni genere“. Certamente non c’è bisogno di fare il test tutte i momenti, ma può essere una buona idea controllare una o due volte al giorno il livello di glucosio nel sangue.

Assumere i farmaci

Non tutti i malati di diabete di tipo 2 prendono farmaci, ma se è il vostro caso, parte della vostra giornata consiste nel prendere pillole o somministrarvi iniezioni. Il farmaco può essere prescritto per lo zucchero nel sangue, per aiutare il corpo a produrre insulina o per fornire l’insulina che il corpo non può produrre.
Circa un quarto delle persone che soffrono di diabete di tipo 2 alla fine dovranno ricorrere alle iniezioni di insulina. “Non è qualcosa da considerare come un fallimento o una colpa, è solo una progressione naturale della malattia“, spiega la Dr.ssa Palmer. In questi tempi, le persone a cui viene diagnosticato il diabete di tipo 2 hanno un’età molto giovane, il che significa che potrebbero vivere con la malattia per decenni.

Controllare la dieta e l’alimentazione

Se si soffre di diabete di tipo 2, la routine quotidiana deve sempre includere tre pasti sani: è importante fare un po’ di pianificazione per quanto riguarda l’alimentazione perché si è ad alto rischio di problemi cardiovascolari, come malattie cardiache e ictus. Il vostro obiettivo dovrebbe essere basso contenuto di grassi, ma non solo: una dieta a basso contenuto di grassi vi aiuterà anche a perdere qualche chilo e dimagrire può anche ridurre la necessità di assumere farmaci.

Rimanere attivi

L’esercizio fisico, come il mangiare sano, vi aiuterà a ridurre il rischio cardiovascolare e a gestire i livelli di zucchero nel sangue (e il vostro peso). Un giorno tipico nella vita di una persona che soffre di diabete di tipo 2 dovrebbe includere attività fisica come esercizio aerobico o stretching. Anche solo fare le scale, o camminare fino all’ufficio del collega di lavoro invece di inviare una email farà la differenza. A seconda del farmaco che si prende, si possono verificare bassi livelli di zucchero nel sangue durante l’esercizio fisico, quindi portatevi sempre compresse di zucchero o caramelle per ogni evenienza. Bevete acqua prima e durante l’attività, può contribuire a stabilizzare i livelli di zucchero.

Comportamenti in viaggio

Molte persone che soffrono di diabete di tipo 2 sono in movimento: viaggi di lavoro o di piacere. Se nell’agenda di oggi avete un volo, ad esempio, siate sicuri di portare con voi le forniture di cui avrete bisogno mentre siete lontano, come ad esempio farmaci o le strisce reattive. “Di solito consiglio di prendere il doppio di quanto necessario“, spiega la Palmer. “Mettetelo nel vostro bagaglio a mano, così se il vostro bagaglio viene smarrito avrete ancora il farmaco e il necessario per i test. “Un sacchetto di ghiaccio o un piccolo dispositivo di raffreddamento aiutano a mantenere l’insulina fredda”. È una buona idea di portare prescrizioni supplementari nel caso in cui il farmaco abbia bisogno di sostituzione o integrazione: alcune persone che soffrono di diabete portano un certificato medico per giustificare eventuali problemi di chi viaggia portando alcune siringhe.

Affrontare le malattie di stagione

Nessuno prevede di stare sempre bene, ci può essere un giorno in cui un virus del raffreddore o l’influenza bussa alla nostra porta. Ci si può sentire male, ma non si deve ridurre il farmaco. Il livello di glucosio nel sangue è probabilmente già alto se state male e saltare le pillole lo spingerà ancora più in alto. Inoltre, anche se l’appetito non c’è, si dovrebbe comunque cercare di mangiare: bastano un paio di cracker o un dessert, e ovviamente bere molta acqua.

Una questione di scelte

Quando si convive con il diabete di tipo 2, si sa che esso influisce su molte delle decisioni quotidiane, ma con le scelte giuste la malattia rimane sotto controllo. “Mangiare sano e fare esercizio fisico sono i cardini”, spiega la Dr.ssa Palmer. “Queste strategie vi aiuteranno a stabilizzare la glicemia, a mantenere il peso ideale, a ridurre il rischio di complicanze e ad andare avanti con la vostra vita”.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Vivere Con Il Diabete Di Tipo 2
4.5 (90%) 2 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Vivere Con Il Diabete Di Tipo 2
4.5 (90%) 2 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...