© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Soffri Di Insonnia? Ecco Tutto Quello Che C’è Da Sapere

Soffri Di Insonnia? Ecco Tutto Quello Che C’è Da Sapere

Se hai deciso di leggere questo articolo è perchè sei curioso o soffri d’insonnia.
Non preoccuparti, caro lettore, il popolo dei sonnambuli è così copioso e variegato che neppure lo immagini.
L’insonnia è un problema che affligge sempre più persone: l’Aims (Associazione italiana di medicina del sonno) ha condotto un’indagine su 3000 soggetti riscontrando che più del 60% di essi soffriva di insonnia.

CAUSE

Chi soffre di insonnia? Non esiste una categoria specifica di persone colpite dal problema. Secondo i dati diffusi dall’Aims sembra che le donne ne siano più soggette rispetto agli uomini, così come i pensionati ed i disoccupati risultano maggiormente colpiti rispetto ai lavoratori.

RIMEDI

Tra i rimedi suggeriti per far fronte all’insonnia, ci sono quelli alimentari.
Mangiare una fetta di pollo o di tacchino, o una banana prima di andare a letto, in realtà può favorire il riposo notturno visto che si tratta di alimenti contenenti il triptofano, un aminoacido che contribuisce ad agevolare il sonno.
Anche un bicchiere di latte caldo (che contiene il triptofano) con il miele ed un biscotto svolge la stessa funzione rilassante.

Bisogna, inoltre, evitare il consumo di pasti abbondanti la sera tarda così da non appesantirsi prima di andare a dormire (di solito abbiamo bisogno di tre o quattro ore per digerire un pasto abbondante); così come è preferibile stare lontani da alimenti particolarmente zuccherati, come il cioccolato o del caffè prima di andare a letto.

RIMEDI NATURALI

I rimedi naturali, come le tisane alle erbe, svolgono da sempre grandi funzioni rilassanti. E’ il caso, ad esempio, della valeriana che aiuta le persone ad addormentarsi più rapidamente, della camomilla (rinomata per le sue proprietà altamente benefiche), della melissa e della passiflora (che funziona come un sedativo naturale).
La lavanda, invece, svolge la funzione di un blando tranquillante e si può utilizzare spalmandone un pò sulle tempie e sulla fronte.

Mettere una goccia di olio essenziale di gelsomino sui polsi prima di andare a letto può rivelarsi una soluzione molto efficace. Nel corso di alcuni studi condotti presso la Wheeling Jesuit University nel West Virginia, i ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno fatto ricorso agli unguenti al gelsomino, prima di andare a dormire hanno riposato più serenamente rispetto alle altre.

Molti suggeriscono, quindi, un bagno aromatico rilassante prima di coricarsi, all’essenza di lavanda, ylang e gelsomino.

QUALCHE TRUCCHETTO SONNECCHIOSO

Aldilà dei rimedi, esiste una carrellata di trucchetti da mettere in pratica se si vuole ottenere un sano e buon riposo.
Ad esempio, è il caso di programmare la sveglia alla stessa ora ogni giorno, a prescindere da quanto ci sentiamo stanchi o dal fatto che siamo in pieno fine settimana e le nostre membra richiedono maggior riposo.
Ogni mattina, poi, potremmo andare a fare una passeggiata: la presenza della luce naturale ridesterà il nostro corpo regalandoci grandi benefici in termini di rilassamento.
Cercate di non schiacciare il pisolino pomeridiano visto che questo potrebbe inesorabilmente alterare il vostro orologio biologico.
Un altro buon metodo che riesce a conciliare il sonno, consiste nel leggere un libro o guardare un film in tv (rinunciando, ovviamente, ai film horror che possono incuterci paura e compromettere ancora di più il sonno).
Utilizzare i tappi per le orecchie ed assicurarsi che le imposte della stanza siano completamente serrate, è un’altra buona soluzione; così come è preferibile abbassare la temperatura dei caloriferi interni, per evitare di non riposare a causa del caldo asfissiante.

Se il vostro partner ha un sonno esageratamente concitato, allora pensate seriamente di dormire in letti separati.
Evitate di assumere antidolorifici prima di andare a dormire, dal momento che alcuni di essi possono contenere la caffeina.

LE COSE DA EVITARE PER DORMIRE MEGLIO

Evita di praticare l’esercizio fisico quattro ore prima di coricarti; optare invece per lo yoga può essere una buona soluzione.
Evita il consumo di bevande contenenti caffeina.
Evita di bere l’alcol a dismisura la sera in quanto esso può alterare la fase rem del sonno.
Riduci il fumo, prima di andare a dormire in quanto la nicotina stimola il sistema nervoso centrale, interferendo con la capacità di addormentarsi.

STRUMENTI DIAGNOSTICI PER L’INSONNIA

Lo strumento per eccellenza che ci aiuta a diagnosticare l’insonnia, è la polisonnografia notturna: si tratta di un esame che consiste nel sottoporre il paziente ad una strettissima osservazione, durante la notte, in camere di laboratorio.
L’andamento del sonno viene rilevato grazie a sensori distribuiti sulla testa, torace e gambe del paziente così da offrire un quadro completo della qualità del suo riposo.

CURIOSITÀ

Hai mai sentito parlare di risvegli confusionali, sonnambulismo o apnea notturna? Si tratta dei tipici atteggiamenti di insonnia.

Il sonnambulismo è la caratteristica più diffusa tra le persone che fanno fatica a dormire.
Esso si caratterizza per il fatto che il soggetto colpito, assume una serie di atteggiamenti come camminare o uscire di casa.
Spesso, invece, chi soffre di sonnambulismo, tende a svegliarsi nel cuore della notte in preda a tachicardia, affanno e non conserva memoria momentaneamente. Questo fenomeno si chiama risveglio confusionale.
L’apnea notturna è un atteggiamento pericoloso che si manifesta nei soggetti che soffrono d’insonnia e comporta sbalzi di umore ed astenia durante la giornata e, nella forma peggiore, problemi cardiaci come l’infarto o l’ictus.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *