© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » LA PELLE CON COUPEROSE: COME SI CURA?

LA PELLE CON COUPEROSE: COME SI CURA?

Sandra Ianculescu – La couperose si manifesta con l’arrossamento delle guance o di altre porzioni del viso. Si tratta di chiare ed evidenti lesioni della pelle che colpiscono prevalentemente proprio il volto. Tuttavia, sebbene la diagnosi della couperose possa sembrare semplice, è necessario operare dei distinguo: non tutte le persone con le guance rosse soffrono di couperose. Solo un dermatologo è in grado di dirti se si tratta di couperose o meno. Ed è sempre lui che saprà cosa prescriverti per trattare la malattia.

La couperose si localizza più comunemente sul naso, sulle guance e sul mento. E’ la seconda fase evolutiva della rosacea, una malattia infiammatoria della pelle. Si manifesta con la dilatazione irreversibile dei vasi sanguigni. L’arrossamento del viso è permanente e viene, di solito, accompagnato da edema o gonfiore della pelle.

Compare principalmente sulle pelli secche o seborroiche e colpisce soprattutto le donne di mezza età (30 -50 anni), prima o dopo la menopausa. Sono particolarmente predisposte alla couperose le persone con la pelle molto chiara.

Perché compare la couperose?

Essa compare principalmente su base genetica. Se in famiglia si sono presentati casi di pareti vascolari fragili e di ipertensione, il rischio di poter soffrire di couperose aumenta. Tuttavia anche l’esposizione a temperature alte (forni) o il consumo eccessivo di alcol, possono influenzare direttamente il manifestarsi di tale patologia.
L’apparizione della couperose, inoltre, può avere alla base della sua presenza anche degli squilibri del sistema endocrino (disturbi ormonali) e digestivo (gastrite, diarrea – stitichezza, colon irritabile).

Altri fattori:

○ lo stress;
○ il sole;
○ lo sforzo intenso svolto in condizioni di calore esterno;
○ gli improvvisi cambiamenti di temperatura;
○ la dieta sbagliata;
○ le spezie;
○ il cibo e le bevande calde;
○ la cura impropria della pelle;
○ il tabacco;
○ l’inquinamento;
○ l’inattività.

Oltre ai rischi intrinsechi esaminati in precedenza, la couperose si palesa molto spesso a causa della presenza di un agente patogeno: l’Helicobacter pylori, il batterio che provoca le ulcere e che accompagna questa malattia in circa l’80% dei casi. Pertanto, il trattamento della pelle afflitta da couperose solitamente prevede un trattamento specifico per debellare tale infezione.

I metodi di trattamento

Una terapia seguita subito dopo il presentarsi dei primi sintomi della couperose può fermare e prevenire una eventuale ricaduta. Ma il trattamento corretto deve essere suggerito dal tuo dermatologo di fiducia che valuterà il da farsi. Molte cure possono rivelarsi solo palliative e l’unico trattamento efficace che fa sparire la rete dilatativa è la scleroterapia chimica o laser dei vasi dilatati. Esistono anche delle sostanze chimiche che, se utilizzate nelle creme applicate ogni giorno, tonificano la parete vascolare.

Uno stile di vita sano aiuta. Si consiglia di evitare:

• alcol e tabacco;
• le creme, saponi, cosmetici scadute o inadeguati al tipo di pelle;
• l’esposizione al sole;
• i cibi piccanti;
• i cambiamenti rapidi dal caldo al freddo e viceversa;
• un intenso esercizio fisico;
• lo stress.

Inoltre, è necessario bere almeno due litri di acqua al giorno, mangiare prevalentemente frutta e verdura e utilizzare i prodotti giusti per la tua pelle – puoi chiedere dei consigli al dermatologo.

La pelle con couperose e i rimedi naturali

I trattamenti naturali non trattano la couperose, questi rimedi non hanno effetti vasotonici. Tuttavia, sono forse un po’ antisettici, emollienti e idratanti. In questo senso, potrebbero essere utili (anche se non risolutivi):

gli impacchi di camomilla: lascia in infusione per 15 minuti 4 cucchiai di fiori di camomilla in un litro d’acqua bollente. Poi tampona le zone colpite con tale infuso;
le compresse di rosmarino: si lasciano in infusione 5 cucchiai di rosmarino in un litro di acqua bollente e si tampona con il liquido ottenuto;
gli impacchi di succo di cipolla e olio d’oliva: si mescolano in parti uguali il succo di cipolla e l’olio d’oliva e si applicano sulle zone colpite, tre volte al giorno;
la maschera con banana, miele e olio d’oliva: mescola un cucchiaino di olio d’oliva, un cucchiaino di miele e mezza banana e applica sul viso. Lascia così per 20 minuti, poi risciacqua con acqua tiepida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

7 Commenti

  1. Ho 17 anni e couperose con capillari visibili 😖 . Sto facendo una vita di …. , ho perso amici, pessimo reddito scolatico, vita sociale defunta e autostima sotto i piedi. La cosa più debilitante sono i capillari, ORRENDI, che mi rendono difficile relazionarmi. Ho bisogno di aiuto, il piu presto possibile, voglio tornare a vivere!!!

    • Buonasera Marco e benvenuto,

      » mi spiace veramente molto.

      Inoltre la parte peggiore è che più soffri e ti stressi e più la situazione potrebbe peggiorare.

      Sei già stato dal tuo medico?
      Ti ha suggerito qualcosa?

      Purtroppo molte soluzioni topiche possono rivelarsi non definitive o, addirittura, inefficaci.
      Cmq ci sarebbe la scleroterapia chimica o il laser dei vasi dilatati.

      Quindi non ti mortificare e deprimere più del dovuto.
      Con un pò di intelligenza e di pazienza ne verrai fuori.

      LINK 01

  2. Buongiorno prima di tutto grazie del vostro tempo…..il mio problema é la couperous…lavoro in un ambiente freddo e la sera a casa arrossisco subito proprio x la differenza di ambiente….sono attenta a tutto x la prevenzione…mi consigluate un prodotto anche naturale x prevenire questo rossore?perche credo che siano questi sbalzi di temperatura ad aumentare la mia couperose…

    • Buonasera Cinzia e benvenuta,

      » sì, gli sbalzi di temperatura ed il freddo possono peggiorare la couperose.

      In teoria bisognerebbe eliminare tutti i fattori scatenanti: limitare l’esposizione diretta al sole; bere meno caffè; non fumare; evitare di usare prodotti cosmetici a base di alcol o sodio laurilsolfato (lo trova in shampoo e altri prodotti per l’igiene); attenzione anche ad alcuni oli essenziali (chiodi di garofano, eucalipto, menta piperita).

      Per quanto riguarda i prodotti topici mi spiace doverle dire che nessuno interverrà mai efficacemente (e definitivamente) per riparare la fragilità capillare tipica della couperosa. Si può cercare di stimolare la microcircolazione, ma niente di più.

      Vengono spesso raccomandati:

      • calendula
      • camomilla
      • centella asiatica
      Chrysanthellum indicum (gli dia una chance! Ecco uno studio che fa ben sperare.)
      • ippocastano
      • liquirizia (in particolare l’acido glicirretico)
      • malva
      • mirtillo
      • rusco

      Farmaci. Provi a chiedere al suo medico se il Mirvaso 3 mg/g gel possa aiutarla. E’ a base di brimonidina tartrato. Le lascio un link, qui.

  3. Noi abbiamo provato un nuovissimo prodotto naturale che ossigena la pelle sino al secondo strato e poi un secondo prodotto con 15 estratti botanici..qualcosa di fantastico!!!

    • caro alessandro potresti dirmi quali sono i prodotti che usate, perchè ne ho davvero bisogno. grazie

    • Buonasera Venera e benvenuta,

      » per favore non si lasci travolgere dalla foga di provare la qualsiasi pur di guarire.

      Non si conoscono le cause della couperose e sarebbe del tutto un salto nel vuoto provare questo o quel rimedio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *