© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Il Grasso Non E’ Più L’Obiettivo Delle Linee Guida Dietetiche

Il Grasso Non E’ Più L’Obiettivo Delle Linee Guida Dietetiche

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Gli esperti di nutrizione stanno accogliendo la decisione federale di abbandonare le restrizioni raccomandate sul consumo totale di grassi nelle prossime Dietary Guidelines for Americans del 2015.

Negli ultimi dieci anni, la ricerca ha dimostrato che una dieta ricca di grassi sani può essere migliore per le persone, in particolare se i grassi aiutano il consumo bilanciato di alimenti contenenti alti livelli di sale, zucchero e cereali raffinati, ha scritto il dottor Dariush Mozaffarian, decano della Tufts University’s Friedman School of Nutrition Science and Policy a Boston,in un articolo in cui esprime il suo punto di vista sulla decisione federale.

La relazione appare nel numero di giugno 23/30 del Journal of American Medical Association.

Tale ricerca ha spinto gli scienziati indipendenti ad abbandonare tranquillamente le attuali restrizioni consigliate sui grassi alimentari indicate dal Dietary Guidelines for Americans Committee del 2015, ha detto.

Per la prima volta dal 1980, la commissione non ha proposto la limitazione del consumo totale di grassi nella sua relazione tecnica, che è stata rilasciata all’inizio di quest’anno.

Le diete a basso contenuto di grassi hanno avuto conseguenze impreviste, portando le persone lontano da cibi sani ad alto contenuto di grassi e verso alimenti ricchi di zuccheri aggiunti, amidi e cereali raffinati. Questo ha contribuito ad alimentare l’epidemia di obesità e diabete in America, ha detto Mozaffarian.

“Abbiamo davvero bisogno di proclamare che il concetto di dieta povera di grassi è morto”, ha detto Mozaffarian. “Non ci sono benefici per la salute in esso.”

Le linee guida dietetiche attuali sostengono che solo il 35 per cento delle calorie giornaliere dovrebbe provenire dai grassi. La raccomandazione della commissione fa cadere l’intero concetto, ha osservato Mozaffarian.

” Quello che è veramente notevole non è il fatto che abbiano rilasciato una dichiarazione drammatica sul dover eliminare il limite di grassi totali, ma che in realtà hanno tranquillamente ignorato il tutto”, ha detto. “Non c’è il capitolo sul grasso. Non c’è alcuna dichiarazione sui grassi.”

Sulla base delle raccomandazioni del comitato, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani sono tenute ad emanare una lista aggiornata di linee guida dietetiche entro la fine dell’anno che omette alcun limite sul consumo totale di grassi, Mozaffarian detto.

Sotiria Everett, un dietista registrato presso il Katz Institute for Women’s Health  a Lake Success, New York, ha detto, “Questo sembra seguire la crescente evidenza scientifica che la riduzione totale di grassi non può portare alcun beneficio sui livelli di salute di cuore e colesterolo, soprattutto perché la risposta dei consumatori alle limitazioni iniziali sui grassi ha portato ad un aumento del consumo di carboidrati raffinati e zuccheri aggiunti. ”

L’eliminazione delle restrizioni sui grassi sani consentirà agli americani di adottare abitudini alimentari come la dieta mediterranea, che ha dimostrato di migliorare la salute del cuore, anche se comprende cibi ad alta percentuale di grassi, ha detto Everett.

“Molti modelli alimentari che supportano la salute del cuore, come ad esempio la dieta mediterranea, sono costituiti da un consumo di grassi che è sopra il 35 per cento, in gran parte a causa dell’importanza di cibi ad alto contenuto di grassi insaturi come l’olio di oliva, noci e pesce grasso”, ha disse.

La maggior parte dei grassi alimentari dovrebbero provenire da grassi insaturi di origine vegetale, che hanno dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo nel sangue e ridurre il rischio di malattie cardiache e diabete di tipo 2, ha proseguito Everett.

Ma anche limitate quantità di grassi saturi vanno bene, soprattutto se provengono da fonti vegetali come noci o di avocado, ha detto Mozaffarian.

Mozaffarian ha sostenuto che questi nuovi orientamenti dovrebbero offrire maggiore chiarezza, perché ora la gente può scegliere gli alimenti in base alla loro qualità complessiva piuttosto che ai singoli nutrienti in essi contenuti.

“Questo non significa che il burro fa bene, o che la pancetta fa bene. Significa che dobbiamo pensare realmente alla qualità complessiva del nostro cibo”, ha detto.

Per esempio, gli alimenti ricchi di grassi come oli vegetali, noci e latticini possono essere molto sani, mentre gli alimenti a basso contenuto di grassi, come panini, riso bianco, cracker e patatine a basso contenuto di grassi sono terribili, ha detto Mozaffarian.

Il Dott. Suzanne Steinbaum, direttore del Women’s Heart Health al Lenox Hill Hospital di New York City, ha detto: “Queste nuove linee guida hanno lo scopo di riportare la salute nella dieta americana, incoraggiando il consumo di frutta, verdura e grassi sani. Speriamo che questo aiuterà a ridurre l’epidemia di obesità “.

Mozaffarian spera che altri programmi federali ne seguiranno l’esempio. Ad esempio, l’etichetta nutrizionale per i prodotti alimentari attualmente utilizza un limite alimentare del 30 per cento per calcolare quella che dovrebbe essere l’assunzione di grassi quotidiana di una persona media, e il National School Lunch Program recentemente ha vietato latte intero, mantenendo il latte magro dolcificato con zucchero nei menu della caffetteria, ha detto.

“Penso che il pubblico ed i medici dovrebbero davvero spingere il governo a fare qualcosa per portare i suoi programmi al passo con la scienza moderna”, ha detto.

Sia Mozaffarian e il suo collega, il dottor David Ludwig, direttore della New Balance Foundation Obesity Prevention Center al Boston Children’s Hospital, sono stati sostenuti in parte da sovvenzioni dal National Institutes of Health.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

check-up

Check Up Salute, È Ora Di Una Revisione Completa Del Nostro Corpo?

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *