© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » I Broncodilatatori Aumentano Il Rischio Di Infarti

I Broncodilatatori Aumentano Il Rischio Di Infarti

Un gruppo di scienziati canadesi ha scoperto che i pazienti anziani che assumono broncodilatatori e farmaci anticolinergici, rischiano maggiormente attacchi di cuore e patologie cardiache importanti.

I risultati della ricerca, pubblicata oggi su JAMA Internal Medicine, hanno riscontrato il 28 % di possibilità in più di rischio di infarto acuto del miocardio (attacco cardiaco), insufficienza cardiaca, ictus e aritmie cardiache tra i pazienti con età 66 anni cui sono stati prescritti broncodilatatori a lunga durata.

Andrea Gershon, dell’Istituto di Scienze Cliniche Valutativa in Ontario ha condotto lo studio sull’azione svolta dai beta-agonisti e dagli anticolinergici per via inalatoria a lunga durata, utilizzati nei trattamenti di BPCO, una malattia polmonare progressiva causata dall’esposizione a lungo termine al fumo di sigaretta, all’inquinamento atmosferico, ai vapori chimici, alla polvere ed altri gas tossici. Questa patologia è la terza causa di morte negli Stati Uniti, secondo l’American Lung Association. Altri farmaci usati per trattare i sintomi della BPCO comprendono espettoranti e mycolytics per allentare il fastidioso senso di muco nelle vie aeree, gli antibiotici per curare le infezioni bronchiali acute e polmonite, ed i chinoloni per eliminare alcuni tipi di batteri dai polmoni. Per ora, solo il broncodilatatore è stato in grado di migliorare la funzione polmonare e la qualità della vita di coloro che soffrono, da tempo, di BPCO.

Lo studio in questione ha analizzato circa 191.000 anziani dell’Ontario, sottoposti a trattamento con broncodilatatori tra il settembre 2003 e marzo 2009.

I broncodilatatori sono farmaci in grado di rilassare ed aprire le vie aeree del paziente, rendendo più facile la respirazione.

Secondo una relazione approfondita sui trattamenti BPCO presso l’Università del Maryland Medical Center, anche studi precedenti hanno dimostrato che questi farmaci aumentano il rischio di sviluppare serie patologie di natura cardiovascolare. Tuttavia, questi studi sono considerati da alcuni esperti di fama, inconcludenti.

GLI STUDI

Uno studio ha dimostrato che l’utilizzo di un farmaco anticolinergico per via inalatoria per più di un mese ha aumentato del 60 per cento il rischio di attacco di cuore, ictus o morte nei pazienti. Un altro studio ha trovato che la breve durata d’azione dell’anticolinergico ipratropio ha aumentato il rischio di morte per cause cardiovascolari del 30 per cento, in particolare negli uomini.

Allo stesso tempo, esistono anche grandi studi clinici che suggeriscono, invece, che non vi è alcun aumento significativo di sviluppare patologie cardiovascolari, assumendo questo tipo di farmaci.

28 maggio 2013, ore 21:56

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
I Broncodilatatori Aumentano Il Rischio Di Infarti
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
I Broncodilatatori Aumentano Il Rischio Di Infarti
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

piercing

Piercing Che Fa Male? Infezioni, Rischi Ed Altri Problemi

Un commento

  1. Salve,
    ho 63 anni e soffro di BPCO e da qualche anno anche io assumo broncodilatatori a lunga durata come scrivete nel vostro articolo.
    Qualche giorno fa il mio medico curante mi ha proposto di utilizzare un apparecchio per il monitoraggio della mia malattia. Si chiama Doctorplus. Volevo chiedere se sapete qualcosa sul funzionamento e sull’efficacia. Pare ci siano dei medici che chiamano al telefono se notano valori non normali.
    Grazie.
    Michele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *