© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » ESTATE: TUTTI I RISCHI ED I CONSIGLI PER AFFRONTARLA

ESTATE: TUTTI I RISCHI ED I CONSIGLI PER AFFRONTARLA

Sandra Ianculescu – Il caldo estivo porta con sé punture d’insetti, irritazioni della pelle e scottature solari. Ecco alcuni suggerimenti per affrontare i fastidi dell’estate:

L’esaurimento da calore e il colpo di sole/calore

Il caldo può causare vertigini, nausea, sudorazione, e persino il colpo di calore (quando la temperatura corporea raggiunge i 40 gradi Celsius o più).

Come evitare i rischi
Cerca di svolgere le tue attività la mattina o di sera e di stare lontano durante il giorno, se possibile, dall’esposizione al sole. Devi bere molta acqua o bevande che contengono zucchero ed elettroliti (calcio, magnesio), soprattutto se hai molte cose da fare durante il giorno.

Come si tratta
L’aria condizionata e una bevanda fredda ti aiutano quando hai le vertigini, il mal di testa o di stomaco.

Le irritazioni

Se per caso tocchi un’edera velenosa, una quercia velenosa o un sommacco, si presenta il rischio di una reazione allergica chiamata dermatite da contatto (causa l’infiammazione della pelle). L’olio vegetale tossico contenuto nelle foglie può diffondersi facilmente sul corpo attraverso le mani, determinando l’apparizione di un’irritazione, anche se è già trascorso qualche giorno dal contatto con l’olio, provocando prurito.

Come evitare i rischi
Se hai intenzione di fare delle escursioni attraverso i boschi, cerca di indossare pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe per evitare il contatto con l’olio tossico. Nel caso che la tua pelle sia stata già esposta all’olio, i dermatologi raccomandano di lavare la zona con sapone e acqua calda nei primi dieci minuti dal contatto.

Come si tratta
Con lozione alla calamina (contiene ossido di zinco, glicerolo) o una lozione ricca d’idrocortisone per alleviare il prurito. A volte, i medici ti possono consigliare di prendere steroidi per via orale.

Punture d’insetti

Le zanzare, le api, le vespe sono perlopiù presenti d’estate. Le loro punture possono essere molto pericolose, ma per fortuna sono facilmente curabili.

Come evitare i rischi
Le zanzare emergono soprattutto nel pomeriggio e dove c’è acqua stagnante. Per allontanare gli insetti, utilizza prodotti che contengono almeno il 30% DEET (N, N-diethyl-m-toluamide).

Come si tratta
Con ghiaccio, impacchi freddi e ibuprofene, che aiuta a sbarazzarti dall’infiammazione causata dalle punture di api e vespe. Una crema con idrocortisone renderà le punture di zanzare più sopportabili, mentre una dose di Benadryl impedisce il peggioramento dell’infiammazione causata dalle punture di api o vespe. Il gonfiore del viso, della lingua e difficoltà nella respirazione sono i segni di una reazione allergica alle punture e ci si deve rivolgere immediatamente a un medico.

Sole e scottature

Se ti piace stare al sole per ottenere l’abbronzatura desiderata, ti devi proteggere. I raggi del sole sono molto potenti fra le 10 e le 16, e l’azione della radiazione ultravioletta durante questo periodo del giorno non solo può causare ustioni, ma anche disidratazione, vertigini o fatica.

Come evitare i rischi
Le creme o spray con fattore di protezione UV ti proteggeranno la pelle dalle ustioni. Il fattore di protezione varia secondo la pelle dallo SPF 15 al 70 (per pelli molto sensibili), quindi scegli la protezione solare giusta per la tua pelle.

Come si tratta
Per alleviare il dolore causato dalle ustioni, prendi un’aspirina o ibuprofene (farmaco anti-infiammatorio, analgesico). Inoltre, le Vitamine C ed E accelerano la guarigione delle ustioni. Le creme con idrocortisone aiutano anche loro a curare le zone bruciate. Si consiglia di applicare questo tipo di creme con idrocortisone sulle zone colpite, più volte al giorno per diminuire il dolore ed il prurito.

Il bagno in piscina

La piscina può essere una soluzione adatta per sfuggire al calore per un paio d’ore, specialmente se non hai tempo per andare al mare. Tuttavia, andare in piscina può essere pericoloso se questa non è decontaminata, perché il tuo corpo è esposto a una moltitudine di germi. L’odore di cloro indica che non ci sono abbastanza detergenti nell’acqua della piscina.

Come evitare i rischi
Non ingerire l’acqua e fai una doccia subito dopo che sei uscita dalla piscina.

Come si tratta
Nuotare in una piscina contaminata può causare varie infezioni che richiedono attenzione medica (ad esempio, infezioni urinarie).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *