© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » CUCINARE AL FORNO A MICROONDE E’ SBAGLIATO?

CUCINARE AL FORNO A MICROONDE E’ SBAGLIATO?

Sandra Ianculescu – Il forno a microonde è diventato qualcosa di molto comune nelle nostre cucine. Scegliamo di utilizzarlo fondamentalmente per due ragioni: cuoce rapidamente e riscalda il cibo facilmente. Tuttavia, molte persone si chiedono se sia sano esporre gli alimenti alle microonde e sospettano fortemente sugli effetti che tale azione avrebbe sul cibo.

I forni a microonde sono il modo più veloce per riscaldare la minestra, per fare il popcorn, per bollire il riso e anche per preparare una bistecca. Tuttavia una domanda sorge spontanea: non è che questo genere di “cottura” distrugge i nutrienti e le vitamine degli alimenti?

La verità è da qualche parte lì nel mezzo. Infatti alcuni studi hanno dimostrato più volte che i nutrienti non vengono distrutti dalle microonde in una misura maggiore rispetto a un forno normale.

Come funziona il forno a microonde?

I forni a microonde utilizzano l’energia elettromagnetica per cuocere il cibo. Le microonde sono una forma di radiazione elettromagnetica, generata dal forno attraverso un dispositivo chiamato magnetron. Le microonde interagiscono con le molecole del cibo, facendo vibrare e muovere le molecole d’acqua del preparato sempre più velocemente. Ciò genera calore. Ed è questo calore che alla fine porta a un riscaldamento o alla cottura dei cibi. Sembra una lezione di fisica, ma è un processo molto semplice che rende il forno a microonde uno strumento prezioso in cucina.

Più veloce = più nutrienti

Almeno questo viene sostenuto dalla “La guida alla salute della famiglia”, pubblicata dalla Facoltà di Medicina dell’Università di Harvard. L’energia generata dalle microonde penetra più velocemente il cibo rispetto ai metodi tradizionali di cottura, attraverso i quali il calore raggiunge più difficilmente tutte le parti di un alimento. Purtroppo alcuni nutrienti come le vitamine sono solubili in acqua e, influenzate dal calore, tendono a perdersi durante la cottura. Gli scienziati di Harvard sostengono che la cottura a microonde offre più sostanze nutritive, perché il tempo di cottura è più corto.

Meno acqua = più vitamine

In genere, quando bolliamo i cibi, gran parte delle vitamine contenute vengono distrutte o perse dopo la bollitura. Nel caso del forno a microonde, non c’è bisogno di troppa acqua, e alcune verdure possono essere cotte al vapore senza una sola goccia d’acqua, così i nutrienti e le vitamine non vengono persi.
Ci sono, però, alcuni detrattori che dicono che l’effetto è esattamente l’opposto. Secondo uno studio pubblicato nel 2003 sulla rivista Science Food and Agriculture, dei broccoli cucinati al forno a microonde con poca acqua perdono antiossidanti, rispetto a dei tradizionali broccoli bolliti in acqua. Inoltre, alcuni esperti dicono che attraverso la cottura al forno a microonde, ci esponiamo alle radiazioni che possono causare depressioni e mal di testa.

Forno a microonde vs forno classico

Una cosa è certa: qualsiasi modo tu scelga per cucinare, alcune vitamine e nutrienti andranno persi comunque.

Secondo gli esperti le vitamine sono “sensibili al calore”, in particolare quelle contenute dagli ortaggi. Più un alimento è esposto al calore, più vitamine vengono distrutte. Tuttavia, uno studio pubblicato nel 2007 sullo Journal of Food Quality negli Stati Uniti mostra che le microonde distruggono meno nutrienti del forno classico perché offrono una cottura più rapida.

Conclusioni

Se hai un forno a microonde e non sai quanto sicuro sia usarlo per preparare cibo, puoi seguire alcuni passi per assicurarti di non rinunciare a tutti i nutrienti dell’alimento. Se vuoi far bollire delle verdure, non mettere troppa acqua, come fai quando le cuoci nella pentola sul fuoco, e assicurati di seguire il tempo di cottura. Ricorda che puoi settare un minor numero di minuti se tagli le verdure a piccoli pezzi. E per essere sicura di ottenere la dose di vitamine e minerali necessari tutti i giorni, assicurati di inserire nella dieta anche porzioni di frutta e verdura cruda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Un commento

  1. ma, secondo lei, il forno a microonde, così come è costruito_utilizzato, per le sue onde elettromagnetiche prodotte_emesse, è più pericoloso di una piastra elettrica o di un ascigacapelli ? o viceversa ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *