© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Cucina: 14 Consigli Ecologici

Cucina: 14 Consigli Ecologici

Provate questi consigli degli esperti su come cuocere, preparare e conservare il cibo in modo ecologico e intelligente.

Consigli degli esperti

Aiutate l’ambiente e risparmiate denaro apportando alcuni cambiamenti nella vostra cucina. Abbiamo chiesto a due esperti di condividere i loro consigli, dalla preparazione e conservazione dei cibi fino all’acquisto di elettrodomestici.

1. Usate il fuoco in modo intelligente

Utilizzate il fornello delle giuste dimensioni: quando si mette una piccola pentola su un grande fornello, si spreca calore, spiega Lindsay Coulter, responsabile del blog per il sito web del David Suzuki Foundation. Con i bruciatori a gas, assicuratevi che la fiamma sia completamente sotto la pentola, altrimenti il ​​calore e l’energia si disperdono.

2. Fate bollire l’acqua più velocemente

Per ottenere l’acqua bollente, un bollitore elettrico è fino a due volte più efficiente di una pentola sul fornello, spiega Kate Heyhoe, autrice di “Cucinare Verde”: vi aiuta anche a ridurre le emissioni di carbonio in cucina. “Oltre che per fare il tè, utilizzate un bollitore elettrico per far bollire l’acqua per la pasta, riso o per cuocere le verdure a vapore“, suggerisce l’esperta.

P U B B L I C I T A'

3. Cucinate con il calore residuo

Per ridurre drasticamente il consumo di energia quando arrostite le verdure o dopo la cottura di una infornata di biscotti, spegnete il forno qualche minuto prima di quanto la ricetta indica. “Il forno rimane caldo abbastanza per finire la cottura“, spiega Kate Heyhoe. Se avete infornato casseruole e arrosti, è possibile spegnerlo almeno 15 minuti prima del tempo. Utilizzate sempre un termometro da carne per garantire la giusta cottura.

4. Evitate il preriscaldamento, quando è possibile

Una buona regola è che qualsiasi cibo con un tempo di cottura di oltre 45 minuti (come fagioli, lasagne, zucca, patate al forno e sformati) può essere avviato in un forno freddo, riducendo in tal modo il dispendio energetico in quanto parte della cottura avviene appena il forno si riscalda. Tuttavia, la maggior parte dei prodotti da forno come biscotti e pane richiedono un forno preriscaldato per ottenere i migliori risultati. “E ricordate di tenere lo sportello chiuso: ogni volta che lo aprite, la temperatura può perdere dai 3°C ai 10°C, che estende il tempo di cottura e aumenta il consumo di energia“, spiega Kate Heyhoe. Il nostro suggerimento: tenete il più possibile il vetro pulito, in modo da potervi guardare attraverso senza aprire il forno.

5. Non sprecate la carta

I panni in viscosa lavabile, compresi quelli a base di bambù sostenibile, sono in grado di assorbire molte volte il loro peso in fatto di liquidi, che li rende molto più assorbenti degli asciugamani di carta. Provate anche tovaglioli di stoffa riutilizzabili al posto di quelli di carta, o scegliete tovaglioli di carta realizzati con materiali riciclati.

6. Misurate la temperatura

L’intervallo di temperatura ottimale per il vostro frigorifero per ridurre il deterioramento e lo spreco di energia è di 2°C – 3°C, il freezer dovrebbe essere invece a -18°C. Se il frigorifero non dispone di un termometro, è necessario acquistarne uno e controllare regolarmente.

7. Elettrodomestici ecologici – scegliete il fornetto tostapane

Con il fornetto si utilizza solo una frazione dell’energia di un forno normale e richiede meno tempo per arrivare alla temperatura desiderata“, spiega Kate Heyhoe. Il nostro consiglio: usatelo anche quando state cucinando piccoli quantitativi di petti di pollo, filetti di pesce o patate al forno.

8. Usate la pentola a pressione

Una pentola a pressione può risparmiare fino al 70% dell’energia che il piano cottura permette, perché certi alimenti, come i fagioli secchi, i cereali integrali e gli stufati cuociono molto rapidamente“, spiega l’esperta. Cucinare con la pentola a pressione mantiene il fresco nell’ambiente e aiuta a conservare le sostanze nutrienti, inoltre il vapore riscaldato intensifica i sapori, così si possono utilizzare meno sale e grassi.

9. Lasciate raffreddare gli avanzi prima di congelarli

Lasciate riposare i cibi a temperatura ambiente per circa 30 minuti prima di metterli in frigo o nel congelatore. “Quando gli alimenti caldi sono riposti in frigorifero o nel congelatore, si aumenterà l’utilizzo di energia in quanto aumenta la temperatura degli altri elementi, così il frigorifero deve lavorare per raffreddare il tutto di nuovo“, conferma Kate Heyhoe. Ma non lasciate gli alimenti deperibili fuori frigo per più di due ore, per evitare che si rovinino.

10. Utilizzate il forno a microonde

Le microonde possono richiedere fino all’80% di energia in meno rispetto ai forni convenzionali, che li rende un modo ecologico per riscaldare gli avanzi e cuocere le verdure a vapore. Il nostro suggerimento: per cuocere i cibi nel microonde ancora più velocemente, posizionateli sui bordi esterni del vassoio rotante, anziché al centro.

11. Usate la lavastoviglie con intelligenza

Fate la lavastoviglie solo quando è piena, utilizzando il ciclo più leggero e non usate prodotti tossici, ma solo saponi biodegradabili, ci consiglia Lindsay Coulter. La maggior parte delle lavastoviglie più recenti fa un buon lavoro, ma si può saltare il pre-lavaggio sciacquando le stoviglie nel lavandino, risparmiando di litri d’acqua: è sufficiente una veloce pulizia manuale prima di caricare. E ricordatevi di lasciare che i piatti si asciughino all’aria invece di usare l’opzione dell’elettrodomestico.

12. Scegliete con cura il frigorifero

Il frigorifero consuma più energia rispetto a qualsiasi altro elettrodomestico. Evitate quindi di sceglierli con l’opzione del ghiaccio automatico o dei distributori di acqua, che aumentano il consumo energetico della vostra unità di circa il 10%, raccomanda Kate Heyhoe. Se avete un frigorifero vecchio con le bobine sul retro, pulitele almeno due volte l’anno. “Sono calamite per la polvere, e più polvere c’è meno efficiente è il frigorifero“, aggiunge l’esperta. Il nostro consiglio: lasciate alcuni centimetri tra la parte posteriore del frigorifero e il muro, altrimenti costringerete le bobine a lavorare di più.

13. Il logo Energy Star è fondamentale

Se state acquistando un nuovo frigorifero, lavastoviglie o altri elettrodomestici, cercate il logo Energy Star, che si trova sui prodotti che possono utilizzare fino al 50% in meno di energia o di acqua senza compromettere le prestazioni.

14. Usate l’acqua in modo intelligente

L’acqua che avete usato per la cottura a vapore può essere utilizzata come parte del liquido di cottura per i cereali o la pasta. Durante la pulizia di verdura e frutta, metteteli in una ciotola di acqua per pulirli, anziché fare scorrere continuamente l’acqua. Inoltre, considerate la possibilità di installare aeratori/riduttori di flusso, che limitano la quantità di acqua proveniente dal rubinetto senza diminuire la pressione del getto. “Un solo riduttore di flusso in un rubinetto può farvi risparmiare fino a 10 litri di acqua al minuto“, conferma Lindsay Coulter.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l’Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo.
Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *