Benvenuti su SEB – “La salute prima di tutto”

Salute e Benessere è una rivista elettronica che pubblica giornalmente notizie, articoli e approfondimenti su: alimentazione, benessere, cancro

e tumori, cura della pelle, diabete, diete, obesità, oli essenziali, rimedi naturali, salute e tanto altro.


Ti pulisci ogni sera, applichi lozione tonica e creme, utilizzi prodotti speciali per la pelle acneica e sei molto attenta a tutti i cosmetici che applichi sul viso. Segui scrupolosamente i rituali di pulizia e ti prendi grande cura della tua pelle.


Tuttavia, l’acne ti dà ancora problemi: hai pensato che forse è la tua dieta che scatena gli inestetici brufoli?
Negli ultimi anni, è stato osservato che sempre più persone, indipendentemente dall’età e dal sesso, sono affette dall’acne e anche se alcuni dermatologi dicono che non c’è alcun legame con la dieta, ci sono casi in cui diverse persone hanno notato un peggioramento dell’acne dopo aver mangiato alcuni alimenti.
Quindi, se anche tu sei fra coloro che non sanno più come sbarazzarsi dell’acne, anche se rispetti le regole di cura, forse è il momento di riflettere sulla tua nutrizione.

Prodotti di farina bianca

Sulla lista nera sono la pizza e la pasta, alimenti con un alto indice glicemico, che possono favorire o aggravare l’acne quando esiste già. La stessa categoria comprende anche le patatine fritte, popcorn e bevande gassate.
La spiegazione è semplice: un alto indice glicemico costringe il pancreas a secernere una maggiore quantità d’insulina. Ciò comporta la modifica dell’equilibrio ormonale nel corpo e, da qui, si giunge alla moltiplicazione delle cellule della pelle all’interno dei pori (seguita dalla loro ostruzione) e all’aumento di secrezione di sebo. Così compare l’acne.

La carne rossa e la margarina

La quantità di sebo secreta dalla pelle può essere influenzata anche dalla quantità di grassi nella dieta, perciò i dermatologi raccomandano di ridurre l’assunzione di cibi ricchi di grassi. Si ritiene che i più dannosi per le persone con la pelle acneica siano i grassi saturi (che si trovano in grandi quantità nella carne rossa) e idrogenati (o trans, che si trovano nella margarina e tutti i prodotti a base di questa sostanza).

Latte e prodotti lattiero-caseari

I prodotti lattiero-caseari sono sulla lista nera perché hanno nella loro composizione un ormone della crescita (chiamato “fattore di crescita insulino simile”) e un alto livello di questo ormone, comporta un aumento della secrezione di sebo, peggiorando così l’acne. Inoltre, i prodotti lattiero-caseari contengono anche ormoni maschili che portano all’aumento della secrezione di sebo.

Cioccolato e caffè

Se sei un amante del caffè e del cioccolato e hai problemi con l’acne, è il momento di ridurne il consumo. I prodotti contenenti caffeina possono aggravare l’acne se consumati in eccesso: aumentano gli ormoni dello stress che stimolano, a loro volta, le ghiandole sebacee a secernere una maggiore quantità di sebo.
Quindi, se finora hai seguito tutte le regole di cura ma la tua pelle è lontana dall’essere perfetta e nella tua alimentazione sono presenti i prodotti sopra citati, è il momento di fare un cambiamento.
Prova a vedere quali cibi predominano nella tua dieta ed elimina o riduci quelli che possono aggravare i problemi della pelle. Solo così capirai se il problema è all’interno o all’esterno.

Autore | Sandra Ianculescu

© RIPRODUZIONE RISERVATA



loading...
Quanto letto merita di essere premiato o condiviso?

Nessun Commento Al Momento.

Lascia un Commento

Messaggio

..o Commenta con Facebook!

    Articoli Correlati:

Libera La Tua Voglia Di Comunicare

Benvenuta su SALUTE E BENESSERE. Unisciti anche tu alla nostra Community. Scopri i tanti articoli, leggi i commenti lasciati dalle tue amiche e aggiungine uno tuo. Partecipa alla conversazione! Lascia un segno. Esprimi un giudizio.
Votaci sui social e facci conoscere alle tue amiche.

Viola Dante | Direttore creativo e Responsabile
2014 Salute e Benessere è un progetto di Viola Dante | Privacy Policy | Termini d'uso | Copyright Ufficiale | Seguici su Google+