© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Sei A Rischio Diabete? Ecco Come Puoi Prevenirlo

Sei A Rischio Diabete? Ecco Come Puoi Prevenirlo

Prevenire è meglio che curare. E se si tratta di prevenire una malattia fastidiosa come il diabete, bisogna fare del proprio meglio.

Alcune persone, infatti, hanno una certa familiarità con la patologia (i propri parenti in linea diretta soffrono del problema); altre, invece, conducono uno stile di vita (mangiano cibi iperzuccherati) che aumentano le probabilità di ammalarsi.

Esistono, dunque, alcuni sistemi per prevenire il diabete?

NON SALTARE MAI LA COLAZIONE

Fare la colazione è sempre una sana e corretta abitudine. Secondo uno studio, infatti, le persone che mangiano al mattino, hanno il 35/50 % in meno probabilità di diventare in sovrappeso.
Perchè? Saltare la colazione aumenta i livelli di un ormone, chiamato grelina che stimola l’appetito e ci porterà, quindi, a desiderare cibo per tutto il giorno con il rischio di ingozzarci.

Per assicurarvi una colazione sana e nutriente, evitate di mangiare ciambelle (che contengono troppi carboidrati) o biscotti e merendine ricche di grassi idrogenati .
Preferite, piuttosto, una tazza di muesli o cereali ricchi di fibre con latte scremato, aggiungendovi, magari, delle bacche. Anche lo yogurt con frutti di bosco freschi è una buona soluzione alimentare.

COMBATTI LA DEPRESSIONE

Se sei depresso, tenderai a mangiare poco e male. Gli scienziati americani della Stanford University pensano che la depressione alteri i meccanismi e gli equilibri chimici del corpo, predisponendo quindi a diverse malattie. In base ad alcuni studi, è emerso che le donne depresse presentavano tassi di insulino-resistenza più alti del 23% rispetto a quelle non depresse, indipendentemente dal peso corporeo, dalla quantità di esercizio fisico svolto o dall’età delle pazienti.

PERDI QUALCHE CHILO

L’eccesso di peso è uno dei fattori di rischio più grandi per l’insorgenza del diabete di tipo 2.
In uno studio clinico condotto su 3.234 persone che manifestavano sintomi pre-diabetici, in un arco temporale di tre anni, è emerso che i soggetti che hanno perso solo il 7 % del loro peso corporeo hanno ridotto il rischio di sviluppare il diabete del 58%.

Per sbarazzarsi dei chili di troppo, è importante eseguire un breve allenamento cardio, dalle 3 alle 5 volte alla settimana, dicono i ricercatori americani della Syracuse University, “camminare a passo svelto per 30 minuti ogni giorno, ad esempio, può essere una valida soluzione“.

SETTE PORZIONI DI FRUTTA E VERDURA OGNI GIORNO

Sette. Come i peccati capitali. Sette come le porzioni giornaliere di frutta e verdura da assumere.
Una dieta basata su un basso indice glicemico, ricca di frutta, verdura fresca e cereali integrali e sulla riduzione di pane bianco, riso bianco e prodotti farinacei, aiuta a mantenere la glicemia bassa e costante.
In un recente studio condotto dalla Harvard School of Public Health su 486 donne, i ricercatori hanno riscontrato che coloro che mangiavano più frutta avevano il 34 % di probabilità in meno di sviluppare la sindrome metabolica. Le donne che hanno consumato un’enorme quantità di verdure hanno ridotto il rischio di soffrire di sindrome metabolica del 30 %.
Sulla falsariga dei ricercatori americani, alcuni studiosi tedeschi hanno condotto un’indagine su 25.067 donne ed uomini per sette anni, realizzando che coloro che hanno integrato più fibre dai cereali integrali hanno registrato il 27 % in meno di probabilità di sviluppare il diabete rispetto a coloro che ne hanno consumato in minima parte.

RIDUCI I SOFT DRINK

Impara a dissetarti con acqua, tè e caffè senza zucchero, infusi alle erbe, e latte (ricco di vitamina D) piuttosto che con bevande zuccherate, succhi di frutta e drink iperalcolici.
La vitamina D ed altri minerali contenuti negli alimenti lattiero-caseari (yogurt o formaggio magro) abbassano del 62% il rischio di sviluppare la sindrome metabolica.
Un solo soft drink al giorno riduce il rischio di sindrome metabolica del 44 %. E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla Boston University School of Medicine negli Stati Uniti.
Un altro elemento da cui mantenersi alla larga è lo sciroppo di mais che non è altro che zucchero in forma liquida.

SPEGNI LA TV

L’esercizio fisico, come già detto, ci scherma dal rischio del diabete. Uno studio di Harvard condotto su 40.000 donne ha scoperto che 30 minuti di camminata veloce al giorno (in sostituzione di 10 ore di TV a settimana), riducono il rischio di diabete del 43 %.

RIDUCI I CIBI DA FAST FOOD

Le abitudini alimentari fanno davvero la differenza.
I ricercatori statunitensi della University of Minnesota hanno monitorato le abitudini alimentari e la salute di 9.514 persone di età compresa tra 45 e anni per un massimo di 10 anni, scoprendo che coloro che hanno mangiato due porzioni di carne rossa nell’arco della settimana hanno avuto il 26 % di probabilità in più di soffrire di sindrome metabolica.

Alimenti come gli hamburger, ad esempio, sono ricchi di grassi saturi che oltre a sedimentarsi lungo le arterie, aumentano la resistenza all’insulina. Cibi come il pesce, frutta a guscio e l’olio d’oliva hanno, invece, l’ effetto esattamente opposto.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Sei A Rischio Diabete? Ecco Come Puoi Prevenirlo
5 (100%) 1 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Sei A Rischio Diabete? Ecco Come Puoi Prevenirlo
5 (100%) 1 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...