© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Raffreddori, Influenze e Infezioni: Rimedi Naturali Per Curarsi

Raffreddori, Influenze e Infezioni: Rimedi Naturali Per Curarsi

Raffreddori e influenze non sono solo fastidiosi e scomodi, ma possono anche essere estremamente pericolosi, soprattutto per i più giovani e gli anziani. Purtroppo, la medicina moderna ha poco da offrire nel trattamento di raffreddori e influenza, ma fortunatamente non c’è bisogno di soffrirne per giorni o settimane alla volta. Quello di cui vogliamo parlare è come batteri e virus, come l’influenza aviaria, sviluppano resistenza agli antibiotici e ai farmaci antivirali. E ancora più importante, che cosa si può fare a riguardo.

Infezioni resistenti agli antibiotici

La penicillina è stata scoperta (in realtà riscoperta) dal Dr. Alexander Fleming nel 1928. Ma, appena quattro anni dopo che le aziende farmaceutiche hanno iniziato la produzione di massa, nel 1943, hanno anche cominciato a comparire i microbi che riescono a resisterle. Da allora, abbiamo visto ceppi resistenti alla penicillina nella polmonite, gonorrea, infezioni nosocomiali intestinali e non è solo la penicillina: batteri resistenti alla maggior parte degli altri antibiotici sono sempre apparsi e hanno proliferato in maniera regolare.

La resistenza agli antibiotici è quasi impossibile da fermare in quanto è il risultato di alcune semplici regole di evoluzione. Qualsiasi popolazione di microrganismi, batteri, comprende naturalmente varianti con caratteristiche insolite (in questo caso, la capacità di resistere ad un attacco di un particolare antibiotico) e, quando detto antibiotico è utilizzato e uccide i batteri indifesi, si lascia dietro alcuni batteri che possono resistere. Queste varianti poi si moltiplicano, aumentando il loro numero un milione di volte in un solo giorno, diventando immediatamente la variante dominante. In altre parole, il fatto di usare un antibiotico crea l’opportunità per i ceppi resistenti di prosperare.

Come funzionano gli antibiotici?

È importante capire che gli antibiotici variano nel modo di uccidere i microbi. La penicillina, per esempio, uccide i batteri legandosi alle loro pareti cellulari e poi rompendo quelle pareti. L’eritromicina, la tetraciclina, la streptomicina, invece, uccidono i batteri attaccando le strutture all’interno (ribosomi). Purtroppo, poiché ogni antibiotico è un singolo composto unidimensionale nel suo approccio, non è così difficile per i microbi “evolvere” attorno a tali attacchi. Ad esempio, i microbi resistenti alla penicillina hanno sviluppato pareti cellulari differenti dalla norma e che impediscono alla penicillina di legarsi. Allo stesso modo, altre varianti impediscono agli antibiotici di legarsi ai ribosomi, quindi ne neutralizzano di fatto l’effetto.

Ciò che fa veramente paura, però, è che quando i batteri sono all’opera, cambiano come i politici cambiano bandiera, il che ci porta alla scoperta della Vancomicina, l’antibiotico di ultima generazione. Dove tutti gli altri antibiotici non riuscivano, i medici sapevano che potevano contare su di lei, ma poi la resistenza alla vancomicina è stata scoperta in un microbo ospedaliero comune, l’enterococco. Nel 1991, 38 ospedali negli Stati Uniti hanno riferito della variante e, appena un anno dopo, batteri stafilococco resistenti alla vancomicina sono stati osservati con lo stesso gene. Ciò significa che non solo sono i batteri sono programmati per “evolvere” le difese contro gli antibiotici, ma anche che, una volta prodotta tale difesa, sono programmati anche per condividere rapidamente la “conoscenza” con altri batteri con la massima rapidità di diffusione.

I virus

Mentre i batteri sono organismi unicellulari, i virus sono molto più semplici, più primitivi anche. Essenzialmente, i virus sono costituiti da un tipo di biochimica (un acido nucleico, come il DNA o RNA) avvolta in un’altra (proteine). I virus sono così primitivi, infatti, che la maggior parte dei biologi non li considerano esseri viventi ma, invece, delle semplici particelle infettive. Dal momento che gli antibiotici specificamente attaccano i batteri, sono inutili contro i virus. Per i virus, i medici si basano su un gruppo molto meno efficace di farmaci chiamati antivirali. Il Tamiflu, di cui i governi stanno attualmente facendo scorta come assicurazione contro l’influenza aviaria, sono uno di questi antivirali. A causa della loro struttura primitiva, i virus mutano ancor più facilmente dei batteri. Mentre gli antibiotici possono rimanere efficaci per 2-5 anni prima che i ceppi resistenti siano in grado di renderli inefficaci, i ceppi resistenti agli antivirali possono comparire nel giro di pochi mesi, o addirittura settimane. E in effetti, si è visto che con Tamiflu: anche se i governi li usano come una rete di sicurezza per l’influenza aviaria, essa è arrivata sulla scena più o meno già resistente al Tamiflu e agli altri antivirali. E anche quelle influenze che il Tamiflu una volta era in grado di curare, stanno sviluppando ceppi resistenti proprio in questo mese.

Cosa può fare la scienza?

Per breve tempo si è pensato che, alternando gli antibiotici più comunemente usati, si può fermare la diffusione della resistenza agli antibiotici. Ma un nuovo modello mostra che la pratica dell’alternanza tra due o più classi di antibiotici ogni pochi mesi, probabilmente non funzionerà. L’ultima teoria è che la miscelazione in cocktail di antibiotici potrebbe aiutare. E, in realtà, questo è quanto di più vicino al modo in cui le sostanze naturali evitano il problema della resistenza.

Come fanno le sostanze naturali ad evitare il problema?

Quando si pensa alla velocità con cui gli agenti patogeni “prendono in giro” i farmaci antibiotici e antivirali, è più che sorprendente che siano stati in grado di farlo contro la maggior parte degli antipatogeni naturali come l’aglio, la foglia di olivo e l’olio di origano, che si usano da decine di migliaia di anni. Come avviene? Qual è il loro segreto? In realtà, è abbastanza semplice -o, più precisamente, abbastanza complesso- perché le medicine sono essenzialmente unidimensionali, il che permette ai microbi una via facile per evolversi intorno a loro. Gli antipatogeni naturali, d’altra parte, sono tutt’altro che unidimensionali: spesso contengono dozzine di sostanze biochimiche. Non tutte sono “attive”, naturalmente, ma molte delle cosiddette sostanze biochimiche non attive lavorano per potenziare quelle attive e offrono migliaia di combinazioni, che presentano una complessità che rende praticamente impossibile per i microbi da aggirare.

Prendete per esempio l’aglio

Per molto tempo, molte persone pensavano che ci fosse un solo componente attivo dell’aglio, l’allicina (infatti, molte aziende ancora promuovono questo concetto). Si credeva che l’aglio crudo avesse pochissima attività biologica, ma quando si usano spicchi d’aglio – da affettare, cucinare, o masticare – l’enzima alliinase converte immediatamente la parte non attiva nel principio attivo, l’allicina. È già stato pensato una volta che l’allicina fosse il principale ingrediente attivo dell’aglio. Tuttavia, i ricercatori ora sanno che l’allicina si ossida rapidamente e, nel processo di ossidazione, si scompone in più di 100 composti contenenti zolfo biologicamente attivi. Mentre l’allicina può ancora servire come indicatore generale della potenza dell’aglio, la ricerca punta sempre più sulla S-allylcysteine ​​e altri composti, come ingredienti più terapeuticamente attivi dell’aglio.

Come sono possibili tante combinazioni di difesa, che si possono ottenere da 100 composti biologicamente attivi dell’aglio?
La formula per trovare il numero di combinazioni di oggetti k si può scegliere da un insieme di n oggetti è:

n!
n_C_k = ———-
k (n – k)!

Con 100 oggetti/composti da lavorare e combinazioni possibili che vanno da qualsiasi due di loro a 99, la complessità è molto, molto, troppo alta per permettere ai patogeni semplici di evolvere. E questo è il segreto. Ma è ancora meglio. Quando si combinano diverse sostanze naturali in una formula, le combinazioni di composti sono al di là del conteggio. Molto semplicemente, i microbi non possono evolvere intorno a loro.

Nuova formula anti-virale

Ecco 10 dei più potenti antipatogeni che si trovano in natura.

Zenzero
Cipolla
Aglio (da circa 30 spicchi per ogni testa)
Foglia d’oliva
Rafano
Habanero
Zinco
Estratto di semi di pompelmo
Olio di origano selvatico di montagna
Aceto di mele

Individualmente, la loro efficacia è sorprendente.

Aglio

L’aglio è uno dei migliori anti-infezione disponibili sia per le infezioni batteriche che virali. È un antibiotico naturale che non sembra creare ceppi di batteri resistenti. Inoltre, l’estratto di aglio fresco ha dimostrato di essere virucida per molti virus. L’aglio possiede la capacità di stimolare il sistema immunitario ed è in grado di stimolare l’attività dei macrofagi (globuli bianchi), che inghiottono organismi estranei quali: virus, batteri e lieviti. L’aglio, inoltre, aumenta l’attività delle cellule T-helper (cellule immunitarie cruciali per l’attività del sistema immunitario intero) e può essere particolarmente efficace nel trattamento delle infezioni virali delle alte vie respiratorie, grazie alle sue proprietà immuno-migliorative e la sua capacità di eliminare il muco dai polmoni. Distrugge e/o inibisce vari batteri e funghi, con un’azione antibatterica pari all’1% della penicillina. L’aglio è efficace contro streptococchi, stafilococchi e anche contro i batteri dell’antrace.

Cipolla

Tutto ciò che è stato detto sull’aglio può essere detto a proposito della cipolla. Cipolle e aglio condividono molte delle stesse componenti: solforati che funzionano in modo efficace come agenti anti-virali e anti-batterici.

Zenzero

Lo zenzero è stato tradizionalmente usato per curare raffreddori e influenza. Studi cinesi hanno dimostrato che lo zenzero aiuta a uccidere i virus influenzali (influenza aviaria, anche), e una relazione indiana dimostra che la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni aumenta in sua presenza.

Estratto di foglie di oliva

Ha una lunga storia di utilizzo contro le malattie in cui i microrganismi svolgono un ruolo importante. In anni più recenti, una compagnia farmaceutica ha scoperto che in vitro (cioè in provetta), un estratto di foglie di olivo (elenolate calcio) è stato efficace per eliminare una gamma molto ampia di organismi, compresi batteri, virus, parassiti e lieviti/muffe/funghi.

Habanero e rafano

Sono stimolanti che accelerano le funzioni del corpo, aiutandolo ad energizzarsi e a sviluppare le sue difese contro l’invasione dei virus. Inoltre, contribuiscono a portare il sangue a tutte le parti del corpo. Sono anche diaforetici e pertanto contribuiscono ad innalzare la temperatura del corpo, che aumenta l’attività del sistema immunitario. Il rafano, in particolare, contiene oli volatili che sono simili a quelli trovati nella senape. Questi includono glucosinolati (glicosidi di senape), gluconasturtiin e sinigrina, che cede isotiocianato di allile quando viene ripartito nello stomaco. In provetta, gli oli volatili del rafano hanno dimostrato proprietà antibiotiche, il che può spiegare la sua efficacia nel trattamento di infezioni delle vie respiratorie e della gola superiore. A livelli confutabili nelle urine umane dopo aver preso l’olio volatile di rafano, ha dimostrato di uccidere i batteri che possono causare infezioni del tratto urinario e una prova iniziale ha rilevato che l’estratto di rafano può essere un trattamento utile per le persone che soffrono di infezioni del tratto urinario.

Zinco

Come l’argento colloidale, lo zinco liquido è sia anti-batterico che anti-virale, ma senza i potenziali problemi di tossicità trovati nell’argento. Lo zinco si trova in tutti i fluidi del corpo, tra cui il tasso di umidità negli occhi, polmoni, naso, urina e saliva. Adeguati livelli di zinco offrono una difesa contro l’ingresso di agenti patogeni. Nel 1800, i chirurghi hanno usato lo zinco come chirurgia antisettica/antibiotica dopo che hanno notato le sue incredibili proprietà curative. Le ferite riescono a guarire, a volte, più rapidamente (24 ore dopo un’operazione), senza gonfiore e cicatrici , che si notavano appena dopo un breve periodo di tempo.

Olio di origano selvatico di montagna

Numerosi studi hanno dimostrato che l’olio di origano selvatico di montagna (da non confondere con l’origano della vostra cucina) può essere un potente antimicrobico. È utile come agente antivirale, antibatterico, antimicotico ed è alla stregua persino di antibiotici farmaceutici come streptomicina, penicillina, vacnomycin, nistatina e amfotericina nella sua capacità di eliminare microbi. Sorprendentemente si realizza senza promuovere lo sviluppo di ceppi resistenti ai farmaci e altri problemi spesso attribuiti all’uso di antibiotici standard. Oltre a questa già impressionante lista di potenzialità, l’olio di origano selvatico di montagna è anche un potente propulsore parassitario.

Estratto di semi di pompelmo

L’estratto di semi di pompelmo è stato originariamente sviluppato come antiparassitario, ma gli studi presto hanno dimostrato che aveva anche la capacità di inibire la crescita non solo dei parassiti, ma di funghi, virus e batteri. I principi attivi dell’estratto di semi di pompelmo non sono tossici e vengono sintetizzati dal seme e la polpa di pompelmo certificati da agricoltura biologica. Il processo converte i bioflavonoidi del pompelmo (polifenoli) in un composto estremamente potente che viene utilizzato per uccidere streptococco, stafilococco, salmonella, E. Coli, candida, herpes, influenza, parassiti, funghi e molto di più.

Aceto di sidro di mele

Conosciuto anche con il suo acronimo ACV serve per diverse funzioni: è una tintura, al contrario dell’alcool (che è un tonico immunitario). L’aceto di sidro di mele è un anatema per tutti i tipi di germi che attaccano la gola. In effetti, agisce come una spugna e tira fuori germi dalla gola e tossine dal tessuto circostante. Inoltre, l’aceto di sidro di mele stimola una condizione chiamata acetolisi, in cui i rifiuti tossici che sono nocivi per l’organismo sono ripartiti e resi inoffensivi.

Una nota sulle proprietà delle erbe

Non tutte le erbe sono uguali. Quando si mette insieme una formula di questo tipo, che è principalmente a base di erbe, è essenziale che si utilizzino componenti della giusta qualità, ossia erbe che funzionino davvero. Il 99% delle erbe usate dalle aziende provengono dall’Europa dell’Est e da molti paesi del terzo mondo come l’India e la Cina. Purtroppo, la maggior parte (ma non tutti i produttori) in questi paesi utilizzano grandi quantità di insetticidi e pesticidi nella coltivazione delle loro erbe. Il DDT, per esempio, è ancora comunemente usato in Asia, mentre gli insetticidi organofosfati basati sui nervo-gas sono comunemente utilizzati in tutta l’Europa orientale. È anche interessante notare che la maggior parte delle aree in cui queste erbe vengono coltivate in questi paesi, sono fortemente inquinate. Le erbe sono inondate dalla pioggia inquinata e irrigate da fiumi inquinati. In Europa orientale, ad esempio, non vi è stata nessuna legge ambientali per decenni, i fiumi sono stati utilizzati come fogne aperte. Tutto, dai rifiuti tossici chimici ai rifiuti radioattivi (non è uno scherzo), è stato scaricato in questi fiumi e ci vorranno molti anni prima che siano completamente ripuliti. La ragione per cui le aziende utilizzano queste fonti, a prescindere dai problemi appena citati, è che sono a buon mercato e costano pochi centesimi al chilo. Erbe biologiche di buona qualità e trattate a mano, possono costare fino a 20 volte di più. Prima di utilizzare formulazioni a base di erbe di ogni azienda, si dovrebbe capire da dove le erbe vengono.

Nota: a volte certe erbe (come quelle usati nella medicina cinese o ayurvedica) sono coltivate solo in questi paesi. In questo caso, quando si usano, è essenziale lavorare solo con i fornitori di ingredienti che aderiscono a standard più elevati di regolamentazione che i loro governi richiedono.

Conclusione

Individualmente, l’efficacia di questi ingredienti è sorprendente. Ma, nel complesso, se si considera il numero di combinazioni possibili biochimicamente attive, questi 10 ingredienti e le loro centinaia di composti biochimici lasciano che i batteri e i virus impieghino molto più tempo di quanto la terra li possa lasciare in vita per evolvere. Queste formule rappresentano la migliore opzione antipatogena naturale nel mondo di oggi.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Raffreddori, Influenze e Infezioni: Rimedi Naturali Per Curarsi
5 (100%) 3 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Raffreddori, Influenze e Infezioni: Rimedi Naturali Per Curarsi
5 (100%) 3 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

2 Commenti

  1. Leggo che l’argento citrato complessato non presenta i problemi dell’argento colloidale: http://www.omeostatica.eu/articoli/argento-colloidale.html

    Siccome anche un’azienda farmaceutica ne parla credo sia argomento di discussione serio: http://www.shedirpharma.com/argento-citrato-complessato/

  2. Io prendo l’estratto di foglie di olivo, già pronto, da ormai diversi mesi e mi trovo benissimo. Non ho più raffreddore da diverso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *