© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Perdita Di Memoria Legata All’Età: Proteina Del Cervello La Responsabile

Perdita Di Memoria Legata All’Età: Proteina Del Cervello La Responsabile

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Una proteina del cervello chiamata RbAp48 potrebbe essere la responsabile della perdita di memoria che si verifica normalmente negli individui anziani, lo ha rivelato uno studio americano. Sembra che i risultati offrano “prove schiaccianti” che la perdita di memoria legata all’età sia una condizione differente da quella del Morbo di Alzheimer, sostengono i ricercatori della Columbia University Medical Center, come pubblicato online sulla rivista Science Translational Medicine Journal lo scorso mercoledì.

Secondo i ricercatori, infatti, lo studio suggerisce che questa forma di perdita di memoria può essere reversibile e che le terapie volte a promuovere la proteina potrebbero avvantaggiare alcuni individui più anziani. A tal proposito, i ricercatori hanno esaminato otto cervelli sani, un mix di giovani e meno giovani, e hanno scoperto 17 geni che non funzionavano correttamente nei cervelli più anziani rispetto ai cervelli giovani in una parte dell’ippocampo, una regione del cervello che svolge un ruolo fondamentale nella memoria.

Di questi 17 geni, quello che è stato maggiormente colpito è stato il cosiddetto “RbAp48”. La sua espressione, così come la sua quantità, è stata ridotto di quasi il 50% negli anziani, hanno riferito gli scienziati. Per determinare se il gene RbAp48 svolge un ruolo attivo nella perdita di memoria correlata all’età, i ricercatori hanno rivolto i propri studi ad alcuni soggetti cavia da laboratorio e hanno scoperto che “spegnere” la proteina nei soggetti più giovani li rendeva smemorati, mentre aumentarla negli anziani restituiva loro la memoria.

I ricercatori hanno descritto nei risultati che la perdita di memoria legata all’età delle cavie in laboratorio può essere reversibile, un risultato definito quindi molto incoraggiante. “Certo, è possibile che altri cambiamenti contribuiscano a questa forma di perdita di memoria, ma per lo meno lo studio dimostra che questa proteina è un fattore importante e si parla del fatto che la perdita di memoria correlata all’età è dovuta ad un cambiamento funzionale in neuroni di qualche genere“, ha dichiarato il premio Nobel Dott. Eric Kandel, che ha guidato il team della Columbia University. “E, a differenza del Morbo di Alzheimer, non vi è alcuna perdita significativa di neuroni“, ha aggiunto Kandel.

Ulteriori ricerche saranno necessarie per scoprire esattamente come l’invecchiamento riduca la quantità di RbAp48 nel cervello e per determinare se la proteina può essere gestita in modo “mirato” nel cervello umano, hanno chiarito i ricercatori.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Perdita Di Memoria Legata All’Età: Proteina Del Cervello La Responsabile
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Perdita Di Memoria Legata All’Età: Proteina Del Cervello La Responsabile
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Un commento

  1. Per prevenire il declino cognitivo e la conseguenza perdita di memoria migliorando le facoltà intellettive ho sentito che esiste Illumina, un integratore alimentare di Cristalfarma contro l’invecchiamento cerebrale. Qualcuno ha avuto modo di somministrarlo a qualche persona anziana?
    è questo qui http://www.cristalfarma.it/it/prodotti/illumina.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *