© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Pelle Artificiale: Novità Tutte Italiane

Pelle Artificiale: Novità Tutte Italiane

Chi ha avuto in passato problemi di ustioni o altri incidenti sa quanto sia importante la ricerca sulla pelle artificiale.

Bene, a tutte queste persone possiamo pre-annunciare che a breve arriveranno i risultati di alcuni studi intrapresi sulla pelle artificiale e le sue possibili applicazioni avveniristiche.
E le ricerche sono tutte italiane. É stato infatti l’Istituto italiano di tecnologia a lanciarsi nell’impresa, sfruttando le potenzialità di iClub.

Cosa è iClub?

Si tratta di un piccolo androide, un robot piccino ma che può vantare già 4 anni.

Quale è stato lo scopo principe dello studio?

Lo scopo principale è stato quello di replicare una pelle quanto più simile all’umana.
La nostra pelle infatti ci mette in relazione con il mondo. Non è solo uno scudo o un contenitore. Attraverso la pelle noi percepiamo il caldo o il freddo, capiamo le caratteristiche di superfici e materiali, insomma analizziamo il mondo e in seguito usiamo questi dati per comportarci di conseguenza.

Replicare la sensibilità della pelle, almeno in alcune delle sue peculiarità, è un passaggio fondamentale per qualunque percorso scientifico che si occupi di intelligenza artificiale”, rivela il direttore dell’Iit Roberto Cingolani.

A cosa stanno lavorando i ricercatori?

Gli scienziati hanno e stanno ancora lavorando a tre diverse tecnologie in grado di rispondere alle esigenze dello studio. Lo fanno dividendosi in tre gruppi di lavoro.
Pelle Artificiale su iClub
Il primo è coordinato da Giorgio Motta, specialista in ingegneria robotica. Nei loro laboratori stanno cercando di impiantare sul robot iClub dei sensori capacitivi (dello stesso tipo dei più famosi tablet e smartphone, per intenderci) che permettano alla macchina di sviluppare una primitiva sensibilità tattile. Probabilmente prima dell’estate avremo i risultati dello studio.
Da alcune indiscrezioni sappiamo che sono stati applicati, su diverse parti del corpo del robot, 2000 dei 4200 sensori previsti.

Il secondo gruppo, invece, è coordinato dal prof. Massimo De Vittorio del Centro per le nanotecnologie biomolecolari.
Questo altro team sta realizzando dei sensori tridimensionali che siano flessibili e piezoelettrici, ossia che son capaci di rispondere in maniera diversa a seconda della forma di contatto che li ingaggia: riescono a differenziare tra una pressione e una torsione, ad esempio.

Il terzo gruppo di ricerca, in fine, è coordinato dal prof. Paolo Netti.
Questa volta si è partiti da una coltura cellulare per ricreare un campione di pelle umana della misura di 10 centimetri quadrati e nei prossimi mesi si cercherà di arrivare a dimensioni più ambiziose come quelle di un foglio di quaderno.

Come potete ben capire tutti questi studi potranno essere di grandissimo aiuto ai medici che in un prossimo futuro potranno sopperire più facilmente ai problemi tecnici di un attuale trapianto di pelle.

Ma non è tutto perchè finalmente si potrebbe usare la pelle di laboratorio per testare medicinali e cosmetici, eliminando una volta per tutte il problema etico sulle cavie animali.

Autore | Viola Dante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...