© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Naso Chiuso e Raffreddato: 5 Rimedi Naturali Efficaci

Naso Chiuso e Raffreddato: 5 Rimedi Naturali Efficaci

Sandra Ianculescu – Respiri con difficoltà, ti manca l’appetito, sei di cattivo umore e non riesci a dormire? Prova i seguenti rimedi naturali per aiutare il tuo sistema respiratorio a tempo di record!
La cavità nasale e i seni sono rivestiti con una mucosa che secerne sempre un liquido denso. Quando il raffreddore comincia a svilupparsi, la mucosa s’irrita, s’infiamma e secerne più fluido che, nel tempo, porta al naso chiuso. Se le gocce nasali non sono produttive e i risultati lasciano a desiderare, prova i rimedi naturali! Sono facili da preparare, economici e vantaggiosi a lungo.

Inalazioni con olio essenziale di menta

Questa procedura libera il naso dalle secrezioni abbondanti mentre rinfresca le tue vie nasali. Fai bollire due litri di acqua e, dopo l’ebollizione, mescolala con sei gocce di olio di menta piperita. Resta sopra il recipiente per quindici minuti e respira profondamente, coprendoti la testa con un asciugamano.
Anche se sudi abbondantemente, cerca di resistere il più possibile e tieni gli occhi chiusi, perché l’olio di menta piperita può essere irritante. E’ preferibile fare le inalazioni alla sera, prima di andare a letto. I vapori di acqua calda insieme all’odore di menta liberano i seni e sarai in grado di dormire respirando normalmente.

Attenzione: l’olio essenziale di menta piperita non è raccomandato per i bambini sotto i 6 anni.

Gocce con sale marino

I seni sono ostruiti e desideri fluidizzare le secrezioni nasali? Puoi provare un rimedio molto efficace! Fai bollire una tazza di acqua e lasciala raffreddare fino a quando è tiepida, e mescolala con mezzo cucchiaino di sale marino e un pizzico di bicarbonato di sodio. Metti 1-2 gocce di questa soluzione in ogni narice tre volte al giorno.

Attenzione: utilizza questo rimedio ogni giorno, altrimenti perderà le sue proprietà.

Rimedi con aglio e rafano

Le qualità terapeutiche dell’aglio sono tra le più popolari a causa dell’allicina, una sostanza con proprietà antibatteriche. Metti uno spicchio d’aglio schiacciato e un cucchiaio di aceto in un litro di acqua calda e inala il vapore per 10 minuti; poi vai a letto, ben avvolta. Puoi provare di “riparare” l’olfatto con un impacco di rafano. Metti tre cucchiai di rafano grattugiato su un pezzo di garza e tienila sulla fronte non più di quindici minuti.

Attenzione: prova a schiacciare l’aglio con un utensile di legno.

Gocce bio di succo di limone

Altrettanto buono per la liberazione delle vie nasali è il limone. Tutto quello che devi fare per respirare di nuovo bene è spremere qualche goccia di succo di un limone e, con una pipetta, mettere le gocce due in ciascuna narice. Puoi anche mangiare un pezzetto di zenzero e, secondo la tua resistenza al suo gusto, lo puoi combinare con miele, oppure metterne su un fazzoletto o garza qualche goccia di aceto inspirando fino a quando senti l’odore.

Attenzione: non diluire il succo di limone perché non sarà altrettanto efficace.

Impacco di semi di senape

Sono utilizzati con successo in cucina perché danno un gusto particolare ai piatti, ma hanno effetti benefici anche nei casi di raffreddore e influenza, liberando il naso. I semi di senape assottigliano il muco e rimuovono le secrezioni in eccesso. Macinali con un macinino da caffè finché ottieni una polvere fine, poi mescola mezza tazza di semi di senape, una tazza di farina e acqua, finché ottieni una pasta densa, infine inserisci la composizione tra due telo di cotone da lasciar agire sul petto.

Attenzione: l’impacco non dovrebbe rimanere più di un quarto d’ora sulla pelle, perché può irritare la zona.

Autore | Sandra Ianculescu

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *