© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Malessere In Gravidanza: Quali Possono Essere Le Cause

Malessere In Gravidanza: Quali Possono Essere Le Cause

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Durante la gravidanza potresti trovarti ad affrontare vari tipi di disturbi. Alcuni molto fugaci, altri più persistenti. Alcuni possono comparire già nelle prime settimane, altri poco prima del parto. Alcuni però appaiono e scompaiono per poi riapparire più tardi.

Cambiamenti al seno

La maggior parte delle donne nota cambiamenti al seno durante il periodo di attesa. Può aumentare di dimensioni perché diventano più grandi le ghiandole mammarie e il tessuto adiposo. Possono comparire delle vene bluastre, dato l’aumentato bisogno di sangue e i capezzoli possono diventare più scuri e perdere un liquido, chiamato colostro. Tutti questi sono cambiamenti considerati normali.

Consigli:

• Indossa un reggiseno che ti garantisce un supporto stabile;

• scegli reggiseni di cotone o quelli fatti di fibre naturali;

• procurati reggiseni più grandi, dato che il seno ti aumenterà di dimensioni. Ricorda però che si deve adattare bene alle tue forme e non deve irritare i capezzoli. Esistono reggiseni che si usano specificamente durante la gravidanza o l’allattamento che forniscono un sostegno maggiore;

• usa il reggiseno durante la notte;

• metti in ogni coppa un fazzoletto di cotone o una garza per assorbire il liquido che potrebbe fuoriuscire dai capezzoli;

• lava il seno con sapone neutro e acqua tiepida per non seccare la pelle.

Sensazione di stanchezza

La sensazione di stanchezza è in genere dovuta al fatto che il feto cresce e quindi hai bisogno di energia extra. Alcune volte però può essere indice di anemia (comune durante la gravidanza).

Consigli:

• Assicurati un riposo sufficiente andando a letto presto e facendo un riposino durante il giorno;

• alterna il riposo con un moderato esercizio quotidiano che aumenta i livelli di energia;

• chiedi al medico di prescriverti un prelievo di sangue per sapere se soffri di anemia.

Nausea e vomito

È molto comune avere lo stomaco in subbuglio durante la gravidanza, a causa dei cambiamenti ormonali. Succede di solito all’inizio della gravidanza, perché il corpo si sta adeguando ai nuovi livelli ormonali. La buona notizia è che la sensazione di nausea in genere sparisce dopo il quarto mese, ma in alcuni casi dura per tutto il periodo di gravidanza.

Consigli:

• Se la nausea si presenta di mattina, mangia cereali, pane, crackers, carne magra o formaggi prima di andare a letto;

• se hai fame ma hai paura di avere nausea, prova la dieta BRAT a base di banane, riso e tè;

• lo zenzero combatte la nausea;

• fai piccoli spuntini ogni 2 – 3 ore. Evita i pasti abbondanti, magia lentamente e mastica completamente il cibo prima di deglutire;

• bevi in piccole quantità durante tutta la giornata;

• evita cibi piccanti, fritti e troppo grassi;

• se ti danno fastidio gli odori forti, mangia cibi freddi o a temperatura ambiente per minimizzare o eliminare completamente tali odori;

• parla con il medico. Potrebbe prescriverti farmaci per far fronte a questo disagio. Vomito e nausea costante possono causare disidratazione e vanno trattati immediatamente.

Bisogno frequente di urinare

L’utero e il feto schiacciano la vescica, procurandoti un bisogno maggiore di visitare il bagno nel primo trimestre. Questo accadrà di nuovo durante il terzo trimestre, quando la testa del bambino comincia a scivolare verso il basso prima della nascita.

Consigli:

• Non indossare biancheria intima aderente. Lo stesso vale per pantaloni e collant;

• se avverti bruciore durante la minzione, potrebbe essere segno di un’infezione delle vie urinarie. Parla subito con il medico per curarla.

Mal di testa

Il mal di testa può comparire in qualsiasi momento durante l’attesa.

Consigli:

• Per riposare, scegli una stanza con scarsa luminosità;

• consulta un medico prima di prendere farmaci.

Gengive gonfie e sanguinanti

Sembra assurdo, eppure la gravidanza può avere ripercussioni anche sulla salute della bocca. I livelli ormonali e la circolazione possono rendere le gengive più delicate e gonfie, quindi facilmente sanguinanti. Anche il naso può sanguinare.

Consigli:

• Vai da un dentista nei primi tempi della gravidanza per accertarti di avere denti e bocca in generale in buona salute;

• Lava i denti e usa il filo interdentale regolarmente.

Stipsi

Potresti soffrire di stitichezza durante l’attesa per vari motivi. Questo problema può essere dovuto ai livelli ormonali e all’uso di integratori vitaminici o a base di ferro.

Consigli:

• Aggiungi più fibre alla tua dieta (mangia più cereali integrali, frutta fresca e verdure);

• bevi abbondantemente durante la giornata (almeno 6 – 8 bicchieri di acqua e 1 – 2 bicchieri di succo di frutta);

• bevi liquidi caldi, soprattutto al mattino;

• fai esercizio fisico quotidianamente;

• prima di far uso di lassativi, parla con un medico.

Vertigini

Puoi soffrire di vertigini in qualsiasi momento durante la metà e la fine della gravidanza. Succede perché:

• il progesterone dilata i vasi sanguigni e, di conseguenza, il sangue tende ad “accumularsi” nelle gambe;

• il tuo utero cresce e quindi ha bisogno di più sangue. Ciò può causare un calo di pressione, dunque vertigini. Se hai bassi livelli di zucchero nel sangue, potresti sentirti debole, quasi al punto di svenire.

Consigli:

• cerca di muoverti, quando ti ritrovi a dover stare in piedi per un lungo periodo di tempo;

• sdraiati sul lato sinistro al momento di riposare per favorire la circolazione in tutto il corpo;

• evita movimenti improvvisi; alzati lentamente;

• consuma piccoli pasti durante la giornata per evitare un calo di zuccheri;

• bevi molta acqua.

Difficoltà a dormire

Man mano che passano i mesi può diventare sempre più difficile riuscire a trovare una comoda posizione per dormire.

Consigli:

• Non prendere farmaci per dormire;

• bevi latte caldo prima di andare a letto;

• fai una doccia o un bagno caldo prima di coricarti;

• utilizza vari cuscini. Per esempio sdraiati su un fianco e metti un cuscino sotto la testa e l’altro dietro la schiena e tra le ginocchia per evitare di stare tesa e quindi riuscire a prendere sonno;

• è probabile che riuscirai a dormire meglio stando sdraiata sul lato sinistro, perché questa posizione favorisce la circolazione sanguigna in tutto il corpo.

Bruciore di stomaco e indigestione

Durante l’attesa potresti avere un bruciore così intenso che inizia nello stomaco e sale fino alla gola. In questo periodo il cambiamento nei livelli ormonali rallenta il sistema digestivo, indebolisce lo sfintere dello stomaco e l’utero spinge gli acidi dello stomaco verso l’alto.

Consigli:

• Mangia piccoli pasti invece di tre pasti abbondanti;

• mangia lentamente;

• bevi liquidi caldi;

• evita cibi fritti, piccanti e tutti quelli alimenti che fai fatica a digerire;

• non sdraiarti subito dopo aver mangiato;

• quando sei sdraiata, tieni la testa alta, magari aiutandoti con uno o due cuscini per evitare che gli acidi dello stomaco risalgano in gola;

• non consumare cibi grassi e dolci durante lo stesso pasto e cerca di separare i cibi liquidi da quelli solidi;

• il bruciore di stomaco si può trattare con farmaci come Maalox e Riopan. Ricorda però di consultare sempre il medico prima di assumere farmaci.

Emorroidi

Le emorroidi sono vene ingrossate all’interno dell’ano che si presentano come noduli dolorosi. Durante la gravidanza possono comparire a causa dell’aumento della circolazione e della pressione sul retto e la vagina da parte del feto in crescita.

Consigli:

• cerca di tenere lontana la stitichezza, dato che può portare le emorroidi o renderle più dolorose;

• evita di stare seduta o in piedi per troppo tempo; cambia posizione frequentemente;

• per ottenere sollievo applica impacchi di ghiaccio sulla zona o fai un bagno caldo un paio di volte al giorno;

• evita di utilizzare pantaloni, collant e biancheria intima aderente;

• se il dolore persiste, consulta un medico.

Vene varicose

La gravidanza può influire negativamente sulla circolazione, dato che si possono dilatare o gonfiare le vene delle gambe.

Consigli:

Le vene varicose possono essere ereditarie ma, se non lo sono, si possono prevenire in vari modi. Per esempio:

• evita di stare seduta o in piedi per un lungo tempo;

• evita di mantenere qualsiasi posizione che possa ostacolare la circolazione nelle gambe (per esempio a gambe incrociate, quando sei seduta);

• da seduta, eleva gambe e piedi;

• fai esercizio fisico regolarmente;

• indossa calze elastiche.

Crampi alle gambe

L’utero in crescita potrebbe procurarti crampi o dolori acuti alle gambe.

Consigli:

• Consuma alimenti ricchi di calcio (come latte, formaggi e broccoli);

• indossa scarpe comode e con poco tacco;

• usa calze elastiche;

• eleva le gambe quando sei seduta e evita di incrociarle;

• fai esercizio fisico regolarmente;

• nel letto evita di sdraiarti sulla schiena: il peso del corpo e la pressione dell’utero di più grandi dimensioni possono rallentare la circolazione nelle gambe e causare i crampi;

• massaggia la zona dolorante o fai un impacco di calore con una bottiglia piena di acqua calda.

Congestione nasale

È probabile avere il naso chiuso o avere la sensazione di essere raffreddata. Gli ormoni della gravidanza a volte asciugano il rivestimento del naso, rendendolo gonfio e infiammato.

Consigli:

• Applica un panno imbevuto in acqua calda sulle guance, sugli occhi e sul naso per ridurre la congestione;

• evita l’uso di spray nasali perché, se non prescritti dal medico, potrebbero solo aggravare la situazione;

• bevi molti liquidi (almeno 6 – 8 bicchieri al giorno);

• tieni la testa alta mentre dormi, utilizzando un cuscino per evitare che il muco ti blocchi la gola;

• usa un umidificatore o un vaporizzatore per rendere l’aria più umida;

• fai una doccia calda o un bagno prima di andare a dormire.

Mancanza di fiato

Puoi avere il respiro corto a causa dell’aumentata pressione dell’utero e dei cambiamenti nella funzione fisiologica dei polmoni.

Consigli:

• Cammina lentamente e riposa di tanto in tanto;

• alza le braccia sopra la testa (in questo modo sollevi la gabbia toracica e quindi sei capace di respirare più aria);

• evita di sdraiarti sulla schiena e tieni la testa sollevata per dormire;

• se la mancanza di respiro si prolunga nel tempo o se avverti un dolore acuto all’inalare, chiama un medico. Si potrebbe trattare di un’embolia polmonare (coaguli di sangue nei polmoni).

Smagliature

Le smagliature sono un tipo di tessuto cicatriziale che si forma quando la normale elasticità della pelle non è sufficiente per far fronte allo “stiramento” della pelle che si verifica in gravidanza. Di solito compaiono sull’addome, ma possono apparire anche sul seno, sui glutei e sulle cosce.

Questi inestetismi possono svanire parzialmente dopo il parto.

Consigli:

• Assicurati che la tua dieta contenga abbastanza sostanze nutritive indispensabili per la salute della pelle (come le vitamine C e E);

• applica una lozione corporale per mantenere la pelle morbida ed idratata e ridurre la secchezza;

• fai attività fisica quotidianamente.

Gambe e piedi gonfi

L’utero cresciuto fa pressione sui vasi sanguigni che trasportano il sangue alla parte più bassa del corpo, causando ritenzione dei liquidi. Ne risulteranno gambe e piedi gonfi.

Consigli:

• Cerca di non stare in piedi per lunghi periodi di tempo;

• bevi tanti fluidi (almeno 6 – 8 bicchieri al giorno);

• evita di consumare cibi troppo salati;

• quando sei seduta, mantieni gambe e piedi in posizione elevata. Evita di incrociare le gambe;

• indossa abiti larghi e comodi. Gli indumenti stretti possono rallentare la circolazione e aumentare la ritenzione dei liquidi;

• non indossare scarpe strette. Sceglile con tacchi bassi e larghi;

• segui una dieta ricca di proteine. Poche proteine possono essere causa di ritenzione idrica;

• consulta un medico che noti gonfiore anche alle mani e al viso. Potrebbe essere indice di preeclampsia;

• riposa su un fianco durante il giorno per favorire il flusso di sangue ai reni.

Perdite vaginali

Le normali secrezioni vaginali aumentano durante l’attesa, a causa degli ormoni e di un maggiore afflusso di sangue. Normalmente sono bianche e chiare, non irritano e sono inodori.

Consigli:

• Scegli una biancheria intima di cotone o fatta di fibre naturali;

• evita jeans o pantaloni troppo stretti;

• non utilizzare lavande vaginali;

• lava spesso le parti intime con acqua e sapone;

• consulta un medico se hai bruciore, prurito, irritazione o gonfiore, cattivo odore, perdite di sangue o secrezioni vaginali gialle o verdi (sono tutti segni di infezione).

Mal di schiena

Il mal di schiena è spesso causato dai cambiamenti ormonali e dai cambiamenti nelle posture corporali.

Consigli:

• Indossa scarpe con poco tacco (ma non completamente piatte);

• evita di sollevare oggetti pesanti;

• non stare in piedi per lungo tempo;

• per sederti usa sedie con un comodo schienale oppure aiutati con un piccolo cuscino;

• usa un materasso duro;

• dormi di lato con un cuscino tra le gambe;

• se hai mal di schiena, prova con un massaggio, una bottiglia di acqua calda oppure doccia/bagno caldo;

• fatti consigliare dal medico per quanto riguarda esercizi che rafforzano i muscoli della schiena;

• mantieni una buona postura;

• rivolgiti a un medico se hai male nella parte bassa della schiena e non va via neanche dopo un’ora di riposo. Potrebbe essere segno di un parto prematuro.

Dolore addominale

Dolori acuti all’altezza dello stomaco possono derivare dal tessuto che si estende per sostenere l’utero in crescita. Questi dolori possono interessare anche cosce e gambe.

Consigli:

• cambia posizione fino a quando non sarai comoda; evita movimenti bruschi;

• applica una bottiglia di acqua calda o fai un bagno o una doccia calda;

• prova con un massaggio;

• bevi molto;

• di tanto in tanto puoi prendere paracetamolo;

• parla con un medico se il dolore è intenso e costante o se sei incinta da meno di 36 settimane e sei spesso stanca (segni di parto sono le ripetute contrazioni).

Contrazioni di Braxton – Hicks

Si tratta di contrazioni dell’utero: i muscoli uterini si contraggono già a partire dal secondo trimestre della gravidanza. Le contrazioni irregolari e infrequenti sono chiamate “contrazioni di Braxton – Hicks” (note anche come “false doglie”). Si tratta di situazioni normali che si possono presentare durante l’attesa.

Consigli:

• Cerca di rilassarti;

• cambia posizione. A volte è utile per facilitare le contrazioni;

• chiama il medico che le contrazioni continuano.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Malessere In Gravidanza: Quali Possono Essere Le Cause
3.67 (73.33%) 3 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Malessere In Gravidanza: Quali Possono Essere Le Cause
3.67 (73.33%) 3 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Un commento

  1. Salve. Sono alla 36+3 e da tre giorni circa, avverto un malessere generale. Ho la sensazione di non riuscire a reggermi in piedi, un tremendo mal di testa mi accompagna da almeno una settimana.L’artosi cervicale non mi permette di rilassarmi. La mia pressione è altalenante e non so se aumenti per l’ansia di questo periodo o perchè effettivamente ci sia qualche problema. Secondo le analisi i valori sono a posto: proteine nella norma,ferro pure…
    e’come se avessi le pile scariche e stessi per spegnermi da un momento all’altro. Il mio ginecologo dice che se i paramentri sono normali non mi devo preoccupare, ma io non riesco a stare tranquilla. Vedo le altre quasi mamme e solo io sono messa così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *