© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » L’Obesità Mette A Rischio Il Fegato

L’Obesità Mette A Rischio Il Fegato

Cirrosi epatica. Quando sentiamo che qualcuno ha gravi problemi al fegato, tendiamo a pensare alla cirrosi epatica (malattia che compromette irrimediabilmente la salute del fegato ).
In realtà i danni epatici sono dovuti, oltre che ad un elevato consumo di alcol, anche ad un’eccessiva alimentazione, ricca di grassi ed alimenti poco sani ed equilibrati.

I danni epatici legati all’eccessivo consumo di cibo, sono noti come steatosi epatica non alcolica, “una malattia cronica del fegato che interessa tutti i Paesi industrializzati, compresi gli Stati Uniti”, dice il Dott. Srinevas K. Reddy, chirurgo presso l’Università del Maryland.

Il dato più preoccupante è legato al numero di persone (in costante aumento) che soffrono di questa patologia, destinata a diventare la causa più comune di cancro al fegato.
Cerchiamo di capire di più di questa malattia.

P U B B L I C I T A'

Che cos’è la steatosi epatica non alcolica?

Si tratta di una condizione in cui più del 5 % delle cellule epatiche contengono elevate concentrazioni di grassi.
Questa malattia è classificata in due tipi: la steatosi “semplice” (senza infiammazione) e la steatoepatite non alcolica, con infiammazione. Tra le conseguenze legate a questa condizione, ci sono il tumore, la cirrosi e disfunzioni di altri organi.

Chi è più a rischio?

I fattori di rischio per la steatosi epatica non alcolica sono il diabete mellito, l’ipertensione, alti livelli ematici di colesterolo e l’obesità. Fino al 90% dei pazienti con obesità ed almeno il 50 % di quelli con il diabete di tipo II sono destinati a soffrire di steatosi epatica non alcolica.
Quasi tutti i segmenti della popolazione e le fasce di età sono interessate dalla malattia che quindi colpisce donne, bambini ed anziani.

Quali sono i sintomi?

Dal momento che stiamo parlando di un organo che possiamo definire robusto, molti pazienti affetti da steatosi epatica non alcolica non presentano dei sintomi particolari o altre anomalie nei risultati delle analisi di laboratorio.
In tutti i casi il sintomo più comune è un dolore addominale proprio in alto sulla destra.
Nel caso in cui la malattia dovesse progredire in cirrosi, invece, i pazienti possono sviluppare itterizia, ascite (raccolta di liquido nella cavità peritoneale) ed aumento del girovita.
La causa più comune di un elevato valore di enzimi epatici, a seguito di analisi di laboratorio accidentali, è la steatoepatite non alcolica.

Come si cura la steatosi epatica non alcolica?

I trattamenti più efficaci per la steatosi epatica non alcolica includono la perdita di peso ed una costante e regolare attività fisica. Questi trattamenti migliorano anche il diabete mellito, l’ ipertensione arteriosa ed i livelli elevati di colesterolo nel sangue.
La malattia, secondo gli esperti, può anche essere trattata con l’impiego di vitamina E e thiaglitazones, un gruppo di farmaci utilizzati anche per il trattamento del diabete mellito.

Che cosa può accadere se la malattia non viene curata?

Nei pazienti con steatoepatite non alcolica, l’infiammazione può portare alla cirrosi ed al cancro al fegato. In base a studi recenti emerge anche che la steatosi epatica non alcolica è una patologia che predispone allo sviluppo di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari. In particolare, la steatosi epatica non alcolica può aumentare il rischio di infarto e / o di ictus così come essa può essere correlata ad anomalie nella funzione intestinale e nell’equilibrio batterico e provocare fenomeni, come la diverticolite e calcoli biliari.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l’Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo.
Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

2 Commenti

  1. Agaton Sackx

    Ittero e ascite sintomi della steatosi epatica? L’autrice delira o scherza?

    • l’autrice ha delirato 🙂
      Correggo il pezzo. Grazie Agaton Sackx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *