© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » La Visione Prolungata Della Tv Aumenta Il Rischio Di Decesso Per Malattie Gravi

La Visione Prolungata Della Tv Aumenta Il Rischio Di Decesso Per Malattie Gravi

Secondo uno studio pubblicato dalla American Journal of Preventive Medicine, guardare troppa tv aumenterebbe il rischio di morire di 8 delle 14 maggiori cause di morte negli USA. Tra queste, malattie al cuore, cancro,diabete, influenza, polmonite, malattia di Parkinson, malattie del fegato, e il suicidio.
Gli scienziati, guidati dalla dott.ssa Sarah K. Keadle del National Cancer Institute, ha esaminato i fattori che potrebbero essere corresponsabili di tali risultati, come l’indice di massa corporea, l’apporto calorico e l’alcol, il fumo, lo stato di salute generale, e così via.
Ad ogni modo la correlazione tra la visione prolungata della TV e l’aumento della mortalità è rimasto. Secondo Forbes, tale correlazione è visibile anche tra le persone che svolgono regolare attività fisica.

“E’ noto che guardare la TV è il comportamento sedentario più comune, e la nostra ipotesi è che sia indice di una generica inattività fisica.”

Anche se l’attività fisica non elimina i rischi collegati ad una visione prolungata della tv, chi ha una vita particolarmente sedentaria dovrebbe occupare il suo tempo libero facendo esercizio fisico.” ha dichiarato Keadle.

Per la ricerca sono stati studiati 221.000 adulti sani tra i 50 e i 70 anni a partire dal 1995.
Il rischio di decesso per le 8 malattie menzionate in precedenza è iniziato ad aumentare con 3-4 ore di TV al giorno.
Chi passava più di 7 ore davanti alla tv aveva un aumento del 47% del rischio di decesso per le 8 malattie.

“E’ noto che guardare la TV è il comportamento sedentario più comune, e la nostra ipotesi è che sia indice di una generica inattività fisica.”
La nostra ricerca indica che una vita troppo sedentaria può avere gravi ripercussioni sulla salute.

Dal momento che, secondo il Medical News Today gli studi precedenti non avevano indicato alcun effetto negativo nella visione prolungata della tv, saranno necessari altri studi in materia.

Ad ogni modo, la maggior parte degli studi indica chiare correlazioni tra vita sedentaria e aumento della mortalità.

Secondo studi precedenti, passare troppo tempo davanti alla tv aumenta il rischio di cancro e malattie cardiovascolari.

Lo studio guidato da Keadle e il suo team conferma questi risultati, e ne aggiunge ulteriori.

La visione prolungata della tv potrebbe influire negativamente sulla salute causando cambiamenti nei livelli di insulina, un aumento del rischio di infiammazioni, un indebolimento dell’apparato cardiovascolare e polmonare, e una riduzione del tono muscolare.
Tutti queste condizioni potrebbero rendere l’individuo più vulnerabile a malattie e problemi legati all’invecchiamento, ma sono necessari ulteriori studi per capire le cause specifiche.
Il team di ricerca conclude: “Negli Stati Uniti gli anziani sono coloro che guardano più spesso la tv. Dato l’aumentare dell’età media della popolazione, la visione della tv durante il tempo libero e i rischi che ciò sembra provocare, potrebbe essere importante ora più che mai intervenire pubblicamente su tali abitudini.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *