© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » La Musica Potrebbe Velocizzare La Guarigione Post-Operazione

La Musica Potrebbe Velocizzare La Guarigione Post-Operazione

Mozart, Madonna o Eminem: qualunque siano i vostri gusti, la musica potrebbe aiutare ad accelerare il processo di recupero dopo un intervento chirurgico, secondo un nuovo studio sui dati raccolti in materia.

“Negli Stati Uniti vengono eseguite più di 51 milioni di operazioni chirurgiche all’anno” ha dichiarato la dott.ssa Catherine Meads, della Brunel University nel Regno Unito, alla nuova uscita del The Lancet, che ha pubblicato i risultati il 12 Agosto scorso.

“La musica è un intervento non invasivo, sicuro ed economico che dovrebbe essere disponibile per chiunque si sia sottoposto ad un’operazione” ha affermato. ” I pazienti dovrebbero poter scegliere quale musica ascoltare in modo da massimizzare i benefici per la loro salute.”

L’unica avvertenza:” Bisogna fare attenzione che la musica non interferisca con la comunicazione tra i membri dello staff medico.” ha detto Meads.

Durante la ricerca, il suo team ha visionato i dati di 72 studi che comprendevano quasi 7.000 pazienti.

I ricercatori hanno scoperto che ascoltare musica prima,durante o dopo l’operazione chirurgica diminuiva in modo significativo l’ansia e il dolore del paziente, diminuiva il bisogno di antidolorifici, ed aumentava il livello di soddisfazione.

L’ascolto della musica è stato benefico in ogni momento, ma i pazienti che hanno ascoltato musica prima dell’intervento hanno avuto risultati migliori di coloro che l’avevano ascoltata durante o dopo l’operazione, secondo i ricercatori.
Essi hanno inoltre affermato che i pazienti ai quali è stato concesso di poter scegliere la propria musica, hanno avuto una riduzione leggermente maggiore del dolore e dell’uso di antidolorifici.

Secondo i risultati, anche l’ascolto di musica durante l’anestesia generale ha ridotto il livello di dolore post-intervento nei pazienti, ma i pazienti che erano svegli durante l’intervento hanno ottenuto risultati migliori.

Lo studio ha rivelato che l’ascoltare musica non ha ridotto i tempi di degenza in ospedale.
Due esperti negli Stati Uniti hanno concordato con questi risultati.

“La musica è uno strumento potente con radici profonde in ogni cultura e civiltà – è connessa profondamente con la mente ed il cervello umano” ha detto il Dott. Ron Marino, presidente associato di pediatria alla Winthrop-University Hospital in Mineola, N.Y.

“Questa è un’ulteriore dimostrazione che i metodi non convenzionali e non farmacologici possono aiutare i pazienti ad affrontare l’ansia ed il dolore di un’esperienza chirurgica e medica in generale.”ha dichiarato.

Curtis Reisinger è uno psicologo presso lo Zucker Hillside Hospital in Glen Oaks, N.Y.
Egli è d’accordo sul fatto che “la musica può avere un forte impatto positivo sullo stato d’animo del paziente, mentre affronta un’esperienza in ambito medico.”

Ascoltare musica durante un avvenimento stressante, come ad esempio un’operazione chirurgica ” permette al paziente di spostare la propria attenzione dal dolore fisico o disagio psicologico , all’esperienza auditiva” ha affermato Resinger.

Tuttavia, ” non dobbiamo pensare che la musica sia efficace per tutti” ha concluso. “Alcuni pazienti possono preferire un ambiente silenzioso, o altri tipi di distrazioni come la TV, o semplicemente ascoltare i suoni che li circondano.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

La salute online: auto-diagnosi e auto-aiuto possono far più male che bene

La salute online: auto-diagnosi e auto-aiuto possono far più male che bene

Internet ci ha reso un po’ tutti degli ‘esperti e professionisti della salute‘. Ovviamente un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...