© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » Influenza Aviaria: Uccisi Volatili Destinati Alla Vendita

Influenza Aviaria: Uccisi Volatili Destinati Alla Vendita

Il nuovo ceppo di influenza aviaria continua a mietere paura nella popolazione cinese.
Le autorità di Shangai hanno bloccato il commercio di pollame in città e disposto la mattanza di piccioni infetti, destinati al commercio.
L’uccisione in massa dei volatili malati è la prima misura con cui il governo cinese ha deciso di affrontare la diffusione del nuovo virus H7N9. Domenica scorsa sono stati segnalati i primi casi di persone infette, mentre altri due episodi che hanno coinvolto due pensionati gravemente malati sono stati individuati venerdì.
Tra le vittime, anche un uomo di 48 anni ed una donna di 52 anni, entrambi di Shanghai.
Al momento, assicurano i funzionari della sanità, non esiste una minaccia reale tale da far pensare ad una pandemia, mentre i funzionari della sanità seguono con attenzione lo sviluppo del virus.
Solo giovedì scorso, il ministero dell’Agricoltura ha confermato che il virus H7N9 è stato riscontrato in piccioni in ​​vendita al mercato Huhuai di Shanghai. L’uccisione degli uccelli ha avuto luogo giovedì notte dopo una comunicazione pubblica delle autorità, a mezzo Web.
“Mentre in passato ci si accorgeva del virus, in base alla moria dei volatili, oggi con il nuovo ceppo risulta più difficile, visto che molte specie di volatili infetti, in realtà, non presentano problemi apparenti, e questo rende arduo individuare il problema, proprio perché mancano le comuni avvisaglie”, ha detto David Hui, esperto di malattie infettive presso l’Università cinese di Hong Kong.

La città di Shanghai ha anche annunciato la sospensione della vendita di pollame vivo a partire da sabato, ha detto il portavoce Xu Wei in una conferenza stampa.

I piccioni sono un tipo di alimento molto consumato nella cucina locale e gli uccelli vengono venduti vivi nei mercati di tutto il Paese. Alcuni cinesi utilizzano le bestiole persino come animali domestici.
Hui ha detto che i piccioni trovati malati, sono stati probabilmente infettati, in precedenza, da uccelli selvatici e migratori, i cui escrementi possono trasportare il virus. Hui ha anche detto che non si trattava, probabilmente, dell’unica specie di volatili portatori del virus.

Gli scienziati che hanno studiato la sequenza genetica del virus hanno riferito, questa settimana, che il ceppo potrebbe essere aggressivo ed essersi trasformato recentemente in una forma che si diffonde più facilmente agli altri animali. Questa rivelazione può lasciar temere che il virus possa davvero rappresentare una minaccia più grande per gli esseri umani.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *