© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Deridere Gli Obesi Aumenta Il Tasso Di Obesità

Deridere Gli Obesi Aumenta Il Tasso Di Obesità

Gli studiosi l’hanno ribattezzata come “obesità da vergogna” ed è una vera e propria condizione in cui versano numerose persone in sovrappeso.
I soggetti che si sentono discriminati a causa del loro peso hanno più probabilità di diventare o rimanere obesi. E’ quanto scritto in un nuovo rapporto pubblicato questa settimana sulla rivista PLoS ONE.
Il motivo di ciò va ricercato nel complesso rapporto tra disagi psicologici ed alimentazione. E’ stato dimostrato, infatti, che le persone depresse o psicologicamente provate (chi viene deriso versa in uno stato di malessere psichico) tendono a sfogare le frustrazioni nel cibo.
Oltre a costituire una fonte di grande umiliazione, la discriminazione relativa al peso ha ricadute nefaste sulla salute della persona” dichiara l’autrice dello studio (che ha portato alla luce questo risultato) Angelina Sutin, professore presso la Florida State University College of Medicine di Tallahassee.
Dello stesso avviso è Rebecca Puhl, vice direttore del Centro Rudd per le politiche alimentare e l’obesità della Yale University, secondo cui “la critica e la discriminazione sono fattori di stress cronico. E sappiamo che mangiare è una reazione comune allo stress e all’ ansia per cui vi è un collegamento logico tra disagio legato all’umiliazione e consumo dissennato di cibo“.

Circa il 70 % degli adulti americani è in sovrappeso e più di un terzo è obeso. Secondo la ricerca e la cultura popolare, siamo soliti ritenere le persone obese come individui pigri, ignavi e poco zelanti.

LO STUDIO

I ricercatori hanno valutato l’ indice di massa corporea di 6157 persone americane di età compresa tra i 50 ed i 70 anni, in una forbice temporale che va dal 2006 al 2010. Le persone in sovrappeso che hanno riferito di aver subito discriminazioni relative alla loro stazza, avevano più del doppio delle probabilità di diventare obese. E le persone che erano già obese nel 2006 e soggette a derisioni, hanno registrato tre volte in più la probabilità di rimanere obese nel 2010.

Molte persone, credono che umiliare i soggetti obesi, sia la soluzione per pungolarli ed indurli a dimagrire“, ha osservato Art Caplan, capo della Divisione di Etica Medica presso la NYU Langone Medical Center e collaboratore di NBC Notizie, “ma questa credenza viene prontamente smentita dalla ricerca. L’obesità è generata il più delle volte da una precisa e deliberata volontà di mangiare a dismisura, altre volte da problemi di natura psicologica e spesso da problemi genetici, legati alla vita sedentaria ed al consumo degli alimenti sbagliati. Per questo è necessario attendere con pazienza, prima di ottenere buoni risultati in termini di controllo del peso“.

LA CAMPAGNA “STOP CHILD OBESITY”

Nel 2011, la Georgia ha lanciato la campagna pubblicitaria dal titolo” Stop Child Obesity “.
Il problema dell’obesità infantile costituisce una grande piaga ed è molto sentito soprattutto negli States, complici i ritmi di vita frenetici e la grande macchina del consumo che costringe le persone a nutrirsi in maniera frettolosa e poco accorta.
Per questo motivo, il governo locale ha lanciato una campagna di salute pubblica, promuovendo una serie di annunci raffiguranti visi di fanciulli paffuti e tristi che brandivano slogan del tipo,”Grassi pasti, mi rendono grasso“.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Deridere Gli Obesi Aumenta Il Tasso Di Obesità
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Deridere Gli Obesi Aumenta Il Tasso Di Obesità
5 (100%) 2 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *