© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Come La Caffeina Influenza I Livelli Di Zucchero Nel Sangue

Come La Caffeina Influenza I Livelli Di Zucchero Nel Sangue

Che la caffeina influenzasse i livelli di zucchero nel sangue è una realtà nota a pochi.

Eppure, nel nostro corpo accade più o meno questo: l’eccessivo consumo di caffeina determina un aumento dei livelli di glucosio, grazie al suo effetto sull’insulino-resistenza.
Detta così, la questione appare astrusa e complessa: proprio per questo, cercheremo di semplificare, al meglio, il concetto.

L’INSULINO-RESISTENZA

Prima di entrare nel merito del meccanismo di funzionamento della caffeina sugli zuccheri, è fondamentale capire che cos’è l’insulino-resistenza.

Dovete sapere che il glucosio (cioè lo zucchero presente nel sangue) è fondamentale perchè produce l’energia di cui abbiamo bisogno per svolgere le attività quotidiane.
L’insulina svolge un ruolo molto importante dal momento che regola il livello di zuccheri nel sangue.

Può succedere che il nostro corpo abbia una grande resistenza all’insulina e quindi una grande presenza di zuccheri nel sangue. Le persone che versano in questa condizione soffrono di iperglicemia e sono a rischio diabete.

Al contrario, altre persone hanno una bassa resistenza all’insulina e presentano bassa glicemia (ipoglicemia).

L’insulina non si mantiene sempre costante ma oscilla, a seconda dell’alimentazione. Ad esempio, dopo i pasti essa è molto elevata salvo poi scemare raggiungendo, nuovamente, i livelli normali.

EFFETTI DELLA CAFFEINA SUGLI ZUCCHERI NEL SANGUE

E’ stato studiato che la caffeina aumenta la resistenza all’insulina, incrementando, quindi, i livelli di zucchero nel sangue.

EFFETTI DELLA CAFFEINA

Oltre a determinare l’iperglicemia (aumento degli zuccheri nel sangue), il caffè comporta una serie di conseguenze più o meno spiacevoli.
La caffeina, infatti, determina la costrizione dei vasi sanguigni, con conseguente diminuzione del flusso sanguigno al cervello e al sistema nervoso centrale. Questa diminuzione del flusso sanguigno fa sì che il glucosio venga rilasciato più lentamente ed il nostro sistema nervoso, a questo punto, interpreta il lento rilascio di zuccheri, come un abbassamento di zuccheri nel sangue. Questo errore di rilevamento si traduce spesso in desiderio di cibo e fame.

L’istinto di mangiare e trangugiare alimenti zuccherati, a sua volta, produce un incremento di calorie e di peso.

Ecco perchè è di fondamentale importanza tenere sotto controllo il consumo di caffè, soprattutto se si soffre di serie patologie diabetiche.
Se proprio non riusciamo a fare a meno dell’aroma e del gusto intenso di questa bevanda, possiamo sempre optare per un suo sostituto, vale a dire il decaffeinato.

In alternativa, si può sempre preferire un caffè d’orzo, dal sapore ancora più blando ma di certo gustoso.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...