© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Il Bacon E’ Cancerogeno?

Il Bacon E’ Cancerogeno?

Qualche mese fa un gruppo di 22 scienziati si riunì per rivedere vari studi e in quel periodo si diffuse la notizia che, secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) il consumo di carni elaborate aumenta il rischio di cancro. Precisamente fu stabilito che mangiarne un paio di fette al giorno aumenta il rischio di cancro del colon-retto del 18%.

I dati forniti da questi studi si riferiscono alla popolazione americana. In generale, il rischio di cancro al colon-retto è del 5%, ma chi mangia regolarmente pancetta e salumi vari corre un rischio del 6%. È importante sapere che fumare tre sigarette al giorno aumenta il rischio di cancro del 500%.

Carmen Guerra, professore associato di Medicina presso l’Ospedale universitario della Pennsylvania fa ricerca sullo screening e la prevenzione del cancro e in un’intervista parla di cancro e dei fattori di rischio.

Quali sono i maggiori fattori di rischio per il cancro?

Il fattore di rischio più pericoloso è il fumo. Se si indaga sui casi di cancro, si può notare come nel 30 – 35% dei casi il cancro sia indotto dal fumo. Secondo la ricerca, l’obesità è al secondo posto, provocando circa il 20% dei casi di cancro. Al terzo posto vi sarebbero i patogeni – batteri e virus – che ne causano il 15%. Per esempio, il papilloma virus (HPV) provoca cancro alla testa, al collo, orale, cervicale e ano – genitale; mentre alcuni virus dell’epatite causano il cancro al fegato.

E i fattori genetici?

Le persone pensano che se non hanno una storia familiare, non sono a rischio di soffrire di un determinato tipo di cancro, ma non è così. La maggior parte dei tumori appaiono in persone senza una storia familiare. Secondo l’American Cancer Society, ciò accade all’85% delle donne con tumore al seno.

Come individuare il rischio che un soggetto corre in forma individuale?

È un argomento complesso anche per i medici che tuttora stanno facendo ricerche in questo campo. I fattori di rischio sono tanti e col tempo ne emergono di nuovi; di conseguenza le risposte sono poche e approssimative.

Bacon: possiamo mangiarlo o no?

La notizia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità scaturisce da tante ricerche scientifiche condotte in precedenza e ci permette di dare migliori consigli ai pazienti. La cosa più importante da fare è smettere di fumare ma è anche opportuno evitare alimenti elaborati e ricchi di grassi, come il bacon, appena entrato nella lista degli alimenti cancerogeni.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Il Bacon E’ Cancerogeno?
3.7 (73.33%) 6 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Il Bacon E’ Cancerogeno?
3.7 (73.33%) 6 voto/i
caricamento...

Chi sono? Elena Amato

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

3 Commenti

  1. che non facesse bene alla salute si sapeva, ma è un brutto colpo per me assiduo mangiatore di bacon scoprire che può essere cancerogeno

    • Buonasera Marco e benvenuto,

      » purtroppo oggigiorno pare che tutto ciò che al palato sembra buono, alla fine faccia male.

      Bisogna sviluppare gli anticorpi della consapevolezza, acquistare solo prodotti di primissima qualità, mangiarli nella giusta proporzione, all’interno di una dieta varia e che metta in rotazione i cibi.

  2. Pare che il problema dei salumi non sia il contenuto di grassi, ma il contenuto di nitrati e nitriti di sodio e potassio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *