© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Il Cibo Spazzatura Non Ti Fa Bella

Il Cibo Spazzatura Non Ti Fa Bella

Ricordate il film “La morte ti fa bella” con Meryl Streep e Goldie Hawn? In un tentativo di parafrasare il titolo, vogliamo dire che il cibo spazzatura non ti fa bella! È il discorso dell’uovo e della gallina: è il cibo spazzatura a farti pigra, o è la pigrizia a farti mangiare il cibo spazzatura?

Una nuova ricerca dell’Università della California punta il dito: bere bevande zuccherate e mangiare cibi processati o ricchi in grassi saturi, può effettivamente portare stanchezza; un risultato che si traduce in demotivazione e quindi minor performance energetica, ad esempio lavorativa.

Trentadue ratti femmina sono state messe a dieta per circa sei mesi. Il primo gruppo ha seguito un regime alimentare sano ed equilibrato, una dieta standard insomma, per un ratto, a base ovvero di cibi non preparati, mais naturale e farina di pesce. Al secondo gruppo è stato somministrato un quantitativo di alimenti altamente elaborati, con molti zuccheri, molto simili a quelli spazzatura degli esseri umani. Dopo soli 3 mesi, i 16 ratti a regime spazzatura sono ingrassati molto più degli altri; e si sono anche impigriti.

P U B B L I C I T A'

Parte dello studio consisteva nel dare alle cavie degli esercizi da fare, in modo da misurare il loro grado di pigrizia e stanchezza. Gli animali dovevano premere una leva; il risultato si sarebbe tradotto in un premio in cibo. I ratti alimentati con cibi grassi e processati, hanno dimostrato una ridotta capacità di concentrazione, e pause più lunghe prima di tornare al compito. In una sessione da 30 minuti, i ratti in sovrappeso si sono fermati all’incirca per il doppio del tempo rispetto ai ratti più magri.

Dopo sei mesi, le diete furono scambiate, ma questo cambiamento non ha apportato modifiche nel comportamento, né dei ratti in sovrappeso né dei ratti più magri! Questo significa che indulgere di tanto in tanto in cibi preparati, pre-cotti o da fast-food non può nuocere, quel che nuoce è invece l’abitudine. La ricerca dimostra che il ricorso costante a questi cibi, provoca obesità e deficit cognitivi.

Quindi, è la dieta non bilanciata la causa della pigrizia, o è la pigrizia a portare ad una dieta non bilanciata?

Le persone in sovrappeso vengono spesso accusate di essere pigre e di mancare di motivazione e disciplina; le persone ingrassano perché sono pigre, è questo l’assunto. I dati della ricerca dell’Università della California invece affermano: è una dieta insalubre e non bilanciata, la causa del sovrappeso; e quindi della pigrizia. Una dieta ricca di grassi saturi e zuccheri è quindi responsabile di stanchezza, oppure obesità e quindi stanchezza.

Una dieta poco ricca di carboidrati lenti, cibi lievitati, cereali e alimenti processati invece, aumenta il tuo livello di concentrazione; i tuoi pensieri sono chiari e il tuo corpo possiede una maggiore energia. E se una dieta equilibrata e sana fa del tuo cervello una macchina più svelta e agile, lo stesso farà con il tuo corpo. Prediligi carni magre, frutti di mare, uova e soprattutto frutta e verdura; ti manterrai più in forma, fisicamente e mentalmente!

Autore | Enrica Bartalotta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *