© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Nutrizione » Gli Integratori di Omega-3 Mantengono Giovane Il Cervello?

Gli Integratori di Omega-3 Mantengono Giovane Il Cervello?

Viola Dante, Palermo – Uno degli integratori che riscuotono maggiore successo sugli scaffali delle farmacie sono i supplementi alimentari degli omega-3: i famosissimi acidi grassi che i dietologi consigliano di consumare e preferire ad altri grassi animali.

Da questo punto di vista credo che le capsule di olio di pesce siano tra le più richieste.

La convinzione diffusa fino ad ora era che questi acidi grassi essenziali fossero molto utili soprattutto agli anziani per mantenere in salute il proprio cervello.

Purtroppo dei recenti studi non suffragano tale convinzione.

Gli omega 3 e gli omega 6 sono degli acidi grassi essenziali indispensabili per il sano e corretto funzionamento dell’organismo. Sono presenti soprattutto nelle membrane cellulari e ne assicurano una ottimale integrità. Questo è assodato. Ma ciò che non è stato dimostrato ad oggi è la loro importanza nel prevenire la demenza senile o il declino delle facoltà intellettive conosciuto anche sotto il nome di “declino cognitivo”.

La dottoressa Emma Sydenham ed i suoi colleghi della London School of Hygiene & Tropical Medicine hanno di recente affrontato questo tema analizzando e portando alla luce tre studi che paragonano gli effetti degli integratori alimentari di omega-3 in capsule con quelli di alcuni placebo realizzati con capsule ripiene di olio d’oliva o olio di girasole.

Gli studi hanno incluso un totale di circa 3.500 soggetti di età superiore ai 60 anni. Essi sono stati monitorati per un range di tempo che poteva andare dai 6 mesi ai 40 mesi.

All’inizio nessuno dei soggetti presentava segni evidenti di demenza o ritardo cognitivo.

Alla fine, invece, i dati raccolti hanno permesso di affermare che i soggetti che consumavano regolarmente degli integratori di acidi grassi omega-3 non conservavano meglio degli altri le proprie abilità mentali. E’ tutto riportato sul The Cochrane Library, dove si evince che il potere cognitivo era misurato con test di memoria ed abilità verbale.

Probabilmente occorrerebbe allungare il tempo di osservazione dei soggetti e valutarne il declino cognitivo in un arco temporale maggiore ai 40 mesi – rivela Alan Dangour, nutrizionista sempre alla London School of Hygiene & Tropical Medicine – prima di poter affermare veritieramente l’inefficacia degli integratori di omega-3 per il mantenimento di un cervello ottimale“.

Care lettrici,
in tutti i casi il pesce resta un ottimo alimento. Gli integratori non ci metteranno al sicuro da una eventuale demenza senile, però occorre comunque mangiare il pesce almeno due volte a settimana per assicurarsi un corretto approvvigionamento di acidi grassi essenziali, fondamentali per il corretto mantenimento di tutto il nostro organismo.

Autore | Viola Dante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *