© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Bellezza » Cura Pelle » Cura Della Pelle: Come Curare Il Vostro Tipo Di Epidermide

Cura Della Pelle: Come Curare Il Vostro Tipo Di Epidermide

Utilizzando i prodotti giusti e i corretti rimedi per il vostro tipo di pelle, potrete ottenere un’epidermide sana e luminosa.

Suggerimenti per ogni tipo di pelle

Chi non desidera una pelle uniforme e luminosa? Sappiamo però che le abitudini di vita e la genetica possono contribuire in modo significativo, ma nella pulizia possiamo giocare un ruolo importante. Per la maggior parte delle persone, il rito di pulizia ed esfoliazione di routine incoraggerà il turnover cellulare, rivelando la pelle fresca. Rimuovere la pelle impura alla fine della giornata può anche essere rilassante, poiché si tratta di un piccolo massaggio. Mentre clima invernale può fare seccare la pelle, una intera estate di calore può portare altri tipi di problema. Vi consigliamo di utilizzare creme solari in combinazione con gli idratanti, “ma non si deve cadere nell’eccesso opposto“, spiega la dermatologa Dr.ssa Victoria Taraska. “Al mattino, prima della notte e dopo l’esercizio fisico dovrebbe essere sufficiente”. Ricordate di utilizzare filtri solari appositamente formulati per il viso: sono più leggeri. E se avete la pelle grassa, affidatevi alle piccole carte assorbenti apposite. La routine di pulizia può richiedere un po’ di “destagionalizzazione”, sarebbe a dire che nei mesi caldi, si potrebbe avere bisogno di prodotti meno idratanti e leggeri di quelli che si utilizzano durante l’inverno. Se avete una pelle incline a soffrire di rosacea, attenetevi ai semplici prodotti di pulizia per la pelle sensibile.

Esfoliate senza esagerare

Gli esseri umani liberano le cellule della pelle nel tempo, ad una velocità vertiginosa di un milione di cellule morte ogni 40 minuti. Attraverso l’esfoliazione, possiamo accelerare questo processo di rimozione dei detriti e di sblocco dei pori. Gli esfolianti meccanici e gli esfolianti chimici rimuovono uno strato di cellule della pelle e promuovono il rinnovamento cellulare, riducendo al minimo la comparsa di rughe e macchie. È forte la tentazione di eccedere, ma la rimozione di troppo strato protettivo esterno potenzialmente “danneggia la pelle, provocando lesioni cutanee e la nascita di infezioni e cicatrici” spiega il Dott. Jaggi Rao, professore clinico di medicina e dermatologia presso l’Università di Alberta. La Dr.ssa Taraska consiglia di utilizzare uno scrub delicato non più di due volte a settimana. E per gli acidi alfa-idrossiacidi, bisogna essere consapevoli che “se la pelle è un po’ più asciutta, sicuramente è necessario utilizzare una concentrazione più delicata, poi cercare di capire con calma se la vostra pelle la può tollerare“.

Per le pelli sensibili

Definizione: facilmente irritabile, spesso arrossata.

Descrizione: se si soffre di rossore al viso e di brufoli che caratterizzano la rosacea, si potrebbe rispondere ai nuovi prodotti con irritazione e sensibilità lieve, è necessario quindi pulire con mano leggera.

Soluzione: provate con un detergente contenente acido lattico (un acido alfa-idrossi delicato ma efficace) per rimuovere i detriti in superficie. Per togliere le cellule morte della pelle usate uno scrub delicato, utilizzando solo la punta delle dita e picchiettando la pelle con un asciugamano di cotone morbido. Mantenete i livelli di umidità con maschere idratanti bisettimanali.

Per le pelli grasse

Definizione: incline all’irritazione, con pori dilatati.

Descrizione: le carnagioni oleose spesso sono più equilibrate in inverno, quando la pelle è un po’ disidratata. Ma nei mesi della bella stagione, è più grassa e più incline ai problemi.

Soluzione: cercate detergenti e scrub che contengano acido salicilico o perossido di benzoile per sciogliere gli oli che intasano i pori; una maschera di argilla può migliorare ulteriormente le impurità e l’olio dai pori nelle zone colpite.

Rimedio naturale: il succo di limone limita l’untuosità e restringe i pori. In una ciotola, mescolate 2 cucchiai (30 ml) di yogurt magro, 1 cucchiaino (5 ml) di miele leggermente riscaldato, il succo di mezzo limone e 2 gocce di olio essenziale di limone. Usatelo come un detergente, spalmatelo su viso e collo, evitando il contorno occhi. Poi risciacquate normalmente.

Per le pelli secche

Definizione: che “tira” dopo la detersione, con macchie secche.

Descrizione: nella stagione calda, quando c’è umidità nell’aria, “pelle diventa più idratata, perché ha maggiore possibilità di trattenere umidità invece di perderla nell’ambiente“, spiega il Dr. Rao. “Ma con l’età, vi è una diminuzione dei lipidi nello strato esterno della pelle che bloccano l’umidità, quindi non può trattenerne più di tanta”.

Soluzione: scegliete un detergente a base di olio per rimuovere delicatamente i detriti senza privare la pelle dei lipidi necessari. Alternate uno scrub delicato con una maschera profondamente idratante, se necessaria (ma non più di due volte a settimana) per contribuire a rafforzare i livelli di umidità della pelle.

Per le pelli miste

Definizione: secca sulle guance, grassa nella zona T (naso, mento, fronte).

Descrizione: la pelle secca sulle guance (che può aumentare come le transizioni climatiche) dice che siete un adulto, ma il naso e il mento vi fanno sentire un adolescente, con conseguenti punti neri e brufoli.

Rimedio naturale: preparate una pasta con farina d’avena e un po’ di acqua calda per esfoliare delicatamente la pelle secca o irritata.

Soluzione: “trattate ogni area separatamente”, suggerisce la Dr.ssa Taraska, “utilizzando prodotti con acido salicilico per la zona T-zona, rispetto alle parti più asciutte, dove sarebbe meglio utilizzare qualcosa di più dolce, come un detergente lenitivo formulato per la pelle secca”. Utilizzate una maschera idratante per combattere la secchezza sulle guance e dei prodotti ad alto assorbimento di olio sulla zona T un paio di volte al mese.

Per le pelli irregolari

Definizione: che presentano macchie, anche di colore scuro.

Descrizione: chiunque sia incline al melasma (iperpigmentazione dovuta a sole, acne, gravidanza o uso di contraccettivi orali) e può notare che la propria pelle si è scurita, consigliamo l’uso di protezione solare. Per evitare questo problema, utilizzatela tutto l’anno, non solo in estate. Infatti quando arriva l’inverno, ricordate che il sole riflette la neve, quindi si può essere esposti alla luce UV più che in estate.

Rimedio naturale: le fragole hanno proprietà acide e schiarenti. Mescolate 4 fragole con un po’ di miele e farina di granturco. Spalmate il composto sulla pelle umida e sciacquate dopo 10 minuti.

Soluzione: provare i prodotti che rallentano la produzione di pigmento e rimuovono la melanina all’interno delle macchie scure. Invece di uno scrub, esfoliate con un tonico all’acido glicolico per velocizzare il ricambio cellulare e illuminare la pelle.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *