© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » Intossicazione Alimentare: 200 Persone Ricoverate a Las Vegas

Intossicazione Alimentare: 200 Persone Ricoverate a Las Vegas

Duecento persone sono state ricoverate in seguito ad un’intossicazione alimentare a Las Vegas.
Si tratta di turisti e personale in forza presso due ristoranti molto noti della città: Firefly e Dragonfly.
In base ad un rapporto dell’Ufficio di Salute e di Epidemiologia, tra le persone coinvolte, ci sono visitatori, clienti e quattro dipendenti dei due ristoranti, entrambi situati sulla Paradise Road.
Le vittime dell’intossicazione hanno lamentato sintomi molto forti, come la diarrea, il vomito, forti crampi addominali e disturbi di natura gastroenterica.

In seguito ad alcune analisi, è stata rinvenuta la presenza di salmonella nelle persone colpite dall’intossicazione.
I medici che hanno ricevuto i primi ricoveri intorno al 26 aprile, hanno dichiarato che i pazienti hanno consumato pasti, presso i due ristoranti, tra il 21 ed il 26 aprile.
All’inizio le autorità sanitarie hanno sospettato che la causa dell’intossicazione fosse dovuta al consumo di salse a base d’uovo crudo servite al Firefly ed al Dragonfly, perché molti clienti malati avevano riferito di aver mangiarlo questo prodotto, ma le analisi epidemiologiche hanno dimostrato che non c’era alcun nesso tra questo prodotto e l’intossicazione alimentare registrata.
Inoltre sono stati effettuati vari controlli tesi a verificare le condizioni igienico-sanitarie dei due ristoranti, al termine dei quali le autorità hanno appurato una serie di irregolarità.

In seguito ai monitoraggi, infatti, sono state osservate varie violazioni igieniche che potrebbero aver favorito la diffusione dell’intossicazione: i dipendenti, ad esempio, non si lavavano le mani correttamente, distribuivano gli alimenti a mani nude senza ricorrere all’utilizzo di guanti, i cibi sono risultati contaminati da materiali di vario genere, non erano mantenuti alle temperature richieste per la loro conservazione. Tutto questo è stato riportato nel dettaglio in un’approfondita relazione da parte del personale medico-sanitario.

Il proprietario del Firefly, John Simmons ha dichiarato, in un comunicato stampa ufficiale, che il suo ristorante, fiore all’occhiello di Las Vegas, non verrà riaperto nella sua sede attuale, ma sarà delocalizzato e trasferito in un nuovo edificio presente sulla stessa strada.

“Il ristorante Firefly è stato un punto di riferimento, uno dei locali più rinomati della città per 10 anni”, ha dichiarato Simmons desolato, “proprio per questo, pensiamo che sia il caso di trasferire il ristorante in un nuovo posto con personale, servizi e strutture altamente qualificati. Verranno seguite tutte le operazioni e procedure di sicurezza e di igiene: in questo modo riconquisteremo la fiducia della nostra clientela”.

13 maggio 2013, ore 19:46

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *