© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » Cosa C’E’ Nella Tua Piscina?

Cosa C’E’ Nella Tua Piscina?

Quell’acqua blu acceso sembra davvero invitante in una rovente giornata estiva. Ma sai davvero in cosa ti stai immergendo quando entri in piscina?

Pensiamo alla pipì e popò per cominciare. Se pensi che il cloro ti protegga da queste ed altre nefandezze, pensa di nuovo.

“Le persone credono che l’acqua di una piscina con cloro sia sterile. Ma in realtà, non appena vi entra un corpo umano, essa non è più sterile. Ci sono batteri e germi che possono entrare nell’acqua” dice Thomas Lachocki, PhD, CEO del National Swimming Pool Foundation.

Quei germi e batteri, provenienti da te e dai tuoi vicini nuotatori, rende difficile al cloro il compito di mantenere l’acqua pulita.

P U B B L I C I T A'

Uno dei principali colpevoli: l’urina. La vera ragione per cui spesso nuotando gli occhi diventano rossi ed irritati, non è per colpa del cloro, ma per la particolare reazione causata dall’urina mescolata al cloro, prosegue Lachocki.

Quando il cloro combatte contro l’urina umana e altri rifiuti, perde le sue proprietà di protezione contro altri germi solitamente presenti in piscina, dice
Michele Hlavsa, RN, MPH, capo del CDC’s Healthy Swimming Program.

Il cloro si mescola con le altre nostre sostanze corporee che rilasciamo nell’acqua, quindi c’è una concentrazione di cloro meno elevata per combattere i germi. In pratica stiamo usando il cloro per pulire ciò che esce dal nostro corpo, aggiunge Hlavsa. Le ricerche hanno calcolato che in media una persona porta in piscina:

• 0,14 grammi di feci
• Una o due lattine di sudore
• Una tazza di urina
• E miliardi di microbi presenti sulla pelle
• I bambini possono portare fino a 10 grammi di feci in piscina. Se 1.000 bambini vanno in un parco acquatico, 10,000 grammi di cacca – 10 chili – verranno potenzialmente immessi nell’acqua.

Altri rischi

L’acqua della piscina può portare anche altre malattie come il norovirus, E.coli, e la legionella. Il cloro uccide questi batteri, ma in quel breve lasso di tempo prima che essi vengano effettivamente uccisi, ingoiare anche una piccola quantità d’acqua può far stare male.

Invece il cryptosporidium, un parassita che si trova nella diarrea, può sopravvivere oltre 10 giorni nell’acqua clorata, e può far star male per settimane.
Uno studio del 2012 ha esaminato 69 nuotatori affetti da malattie trasmissibili per via acquatica.
Su quei 69, la metà era malata per colpa del parassita crypto.
“Il crypto è resistente al cloro”, dice Lachocki .

I governi locali e statali impostano le regole per mantenere sicuri e sotto controllo piscine pubbliche e centri benessere.
Ma, secondo il CDC, solo il 68% dei dipartimenti sanitari effettua controlli ed ispezioni sulle piscine pubbliche.

Il ministero della salute ha settato i valori standard del cloro tra 1.0 e 3.0 parti per milione.

Cosa si può fare

Lachocki consiglia di acquistare un kit per misurare i livelli di cloro e ph della piscina. Troppi germi possono causare un crollo dell’efficacia del cloro.
“I bagnanti devono essere responsabili, si tratta di agire in prima persona per proteggere la propria salute”, spiega Lachocki.

È inoltre consigliabile fare una doccia prima di entrare in piscina ed evitare di entrare in acqua se si è malati.

Altri accorgimenti per evitare la diffusione dei germi:

• Evitare di ingoiare l’acqua della piscina
• Non urinare/defecare in acqua
• Fare pause per uscire dall’acqua
• Controllare regolarmente i pannolini e cambiarli lontano dalla piscina

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *