© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Combattere Grasso Addominale? Prova Così!

Combattere Grasso Addominale? Prova Così!

In questo caso sono fondamentali dieta sana, molto esercizio fisico, sonno adeguato e gestione dello stress. Esistono però 4 alimenti che, secondo vari studi, possono esserti d’aiuto per dimagrire il grasso addominale.

Fibre:

cibi ricchi di fibra (come cereali integrali, legumi, frutta e verdura) non solo ci aiutano a sentirci sazi più a lungo, ma ci aiutano anche a tenere sotto controllo il grasso addominale. Un recente studio ha rivelato che gli adulti che seguono una dieta ricca di fibre hanno meno grasso addominale rispetto agli altri. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che, aumentando l’assunzione di fibre solubili (fibre che si trovano in cibi come l’avena, l’orzo, i fagioli), si può anche riuscire ad ottenere un girovita più sottile.

Secondo l’Institute of Medicine, le donne dovrebbero consumare almeno 25 grammi di fibre ogni giorno, mentre gli uomini dovrebbero assicurarsene 38 grammi.

Grassi monoinsaturi:

i grassi monoinsaturi possono effettivamente essere un’arma contro il grasso sulla pancia. A differenza dei grassi saturi che ostruiscono le arterie, quelli monoinsaturi sono una scelta sana per il cuore e, se consumati con moderazione, possono avere un effetto positivo sul grasso addominale.

Studi rivelano che la sostituzione di grassi saturi (presenti in alcuni tipi di latticini e formaggi, burro e carne rossa) con grassi monoinsaturi può produrre una piccola ma significativa perdita di peso corporeo e di massa grassa, senza un cambiamento significativo in quanto a totale di calorie o consumo di grassi. I grassi monoinsaturi si trovano in molti grassi di origine vegetale; aumenta quindi l’assunzione di olive, noci, avocado e semi.

Probiotici:

non si tratta esattamente di nutrienti. I probiotici sono batteri “amici” che hanno dimostrato di essere molto benefici per la salute umana e che possono anche aiutare a rimanere snelli. Tali batteri migliorano la funzione del tratto gastrointestinale e rafforzano il rivestimento dell’intestino, il quale serve a combattere i batteri “cattivi” presenti nel tratto gastrointestinale, migliorando così il sistema immunitario. In uno studio giapponese del 2010, ottantasette partecipanti in sovrappeso assunsero probiotici o placebo. Dopo 12 settimane, il gruppo che aveva fatto uso di probiotici aveva ridotto il grasso addominale del 4,6% e il grasso corporeo complessivo del 3,3%.

Per incrementare i batteri “amici”, aggiungi alla tua frutta preferita yogurt greco magro, noci o cereali integrali. Altri alimenti ricchi di probiotici sono i crauti, il kefir, il tempeh, il tè Kombucha e il miso.

Vitamina D:

la ricerca indica che la “vitamina del Sole” aiuta a regolare la massa grassa addominale, contribuendo in particolare a ridurre il grasso in adulti obesi. Altre ricerche hanno scoperto che bassi livelli di vitamina D sono associati a un aumento di grasso nei muscoli di giovani donne sane.

Se non hai molto tempo da dedicare all’esposizione al sole, assicurati di includere nella tua dieta alimenti ricchi di vitamina D, come frutti di mare e funghi.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

2 Commenti

  1. Mariagrazia

    Gonfiore di addominali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *