© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Salute e Benessere è uno spazio web curato dalla dott.ssa Viola Dante, che pubblica notizie ed approfondimenti su tutto quello che riguarda la salute ed il benessere psicofisico di uomo, donna e bambino. Hai bisogno d'aiuto?  Contattami : viola.dante@email.it o, se la pagina lo prevede, lascia un commento. Ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)
Breve messaggio di benvenuto (clicca qui).
Prima pagina ♥ » Salute » Aspirina: A Rischio Di Assunzione Impropria?

Aspirina: A Rischio Di Assunzione Impropria?

Un recente studio ha stabilito che, per molte persone, le probabilità di avere un attacco di cuore o un ictus sono inferiori al rischio di gravi emorragie. Un sondaggio ha evidenziato un dato: sono molti gli individui che utilizzano quotidianamente piccole dosi di aspirina impropriamente, non per contrastare sintomi di malessere, ma nella speranza di prevenire un attacco di cuore per la prima volta, o addirittura un ictus.

I ricercatori hanno scoperto che dei quasi 69.000 adulti a cui è prescritta l’assunzione di aspirina a lungo termine, circa il 12 % probabilmente non ne ha affatto bisogno.
“Questo perché le loro probabilità di subire un attacco di cuore o un ictus non erano abbastanza alte da superare i rischi del consumo di un’aspirina al giorno”, spiega il Dr. Ravi Hira, ricercatore principale dello studio e cardiologo al Baylor College of Medicine di Houston. Gli esperti sanno da tempo che un aspirina a basso dosaggio assunta quotidianamente può aiutare le persone che già hanno subito un infarto o un ictus ad abbassare il rischio di soffrire di nuovo quegli attacchi. Le cose si complicano, però, quando si tratta di prevenire un attacco di cuore o un ictus per la prima volta. “Prevenzione primaria”, è così che i medici la chiamano in generale, ma il fatto è che i benefici della terapia con aspirina per molte persone non possono giustificare gli eventuali aspetti negativi.

“L’aspirina non è un farmaco completamente senza rischi”, sostiene il Dr. Hira. Egli ha rilevato nei suoi studi che il farmaco può causare gravi emorragie gastrointestinali o addirittura ictus emorragico (emorragia nel cervello). “Eppure, la gente a volte non valuta bene i rischi di sanguinamento” dice il Dr. Hira, non solo per disattenzione o “leggerezza”, ma anche perché l’aspirina è un farmaco molto familiare e facilmente disponibile.
“L’idea di proteggere il cuore semplicemente prendendo una pillola esercita una potente attrazione per molte persone, ed è sicuramente più facile prendere una pillola piuttosto che cambiare uno stile di vita”, ha sottolineato il Dr. Hira. Ma, sulla base delle nuove scoperte, per molti individui può essere una scelta sbagliata, come segnalato il 12 gennaio nella testata on-line nel Journal of American College of Cardiology dalla squadra del Dr. Hira.
I risultati si basano su dati medici delle cartelle cliniche di più di 68.800 pazienti di 119 cliniche di cardiologia. Il gruppo comprendeva persone con pressione alta che non avevano ancora sviluppato patologie cardiache. Nel complesso, la squadra di Hira ha rilevato che a quasi il 12 % dei pazienti sembrava fosse stata prescritta l’assunzione quotidiana di aspirina anche se non ce n’era bisogno, appunto perché i rischi di problemi cardiaci o ictus non erano abbastanza elevati da giustificare i rischi di uso di aspirina a lungo termine.

Cosa si intende però per “abbastanza alto”? Per questo studio, è stato definito come una possibilità del 6 % di subire un attacco di cuore o ictus nel prossimo decennio. Lo studio della squadra del Dr. Hira si basa anche su raccomandazioni della American Heart Association e della US Preventive Services Task Force. Entrambi gli istituti dichiarano che i medici dovrebbero prendere in considerazione i fattori di rischio dei pazienti per problemi cardiovascolari, come per esempio l’età, il livello di glicemia, la pressione alta, il colesterolo e il vizio del fumo e degli alcolici, e valutarle con quelli del rischio .Le persone che hanno sofferto di ulcera allo stomaco, per esempio, hanno fino a tre volte probabilità in più del rischio di sanguinamento gastrointestinale rispetto alle le persone che non hanno mai avuto un’ulcera.

“Spesso, il rischio di sanguinamento è superiore al rischio di infarto o ictus”, sostiene anche il Dr. Valentin Fuster, cardiologo e professore di medicina presso la Scuola Icahn di Medicina Mount Sinai di New York City. Il Dr. Fuster, che non era coinvolto nello studio della squadra del Dr. Hari, ha convenuto che la tentazione di assumere semplicemente una pillola per prevenire certi rischi può essere grande. E mentre alcune persone hanno effettivamente bisogno di farmaci per controllare la pressione alta, il diabete o il colesterolo, per esempio, per tutti gli altri occorre cautela nell’assumere medicinali, sostiene il Dr. Fuster. “La migliore terapia è prendersi cura di se stessi”, ha detto. “Ciò significa esercizio, curare la vostra dieta, non fumare”.

Lo studio ha inoltre evidenziato che donne e pazienti in giovane età sono le categorie più propense, rispetto a uomini e anziani, a utilizzare l’aspirina impropriamente. Inoltre, i ricercatori hanno aggiunto che il tasso complessivo di abuso di aspirina può essere anche superiore rispetto ad altri farmaci, dal momento che molte persone possono assumerne ogni giorno senza la prescrizione di un medico.

La Food and Drug Administration si è recentemente interessata alla questione, consigliando di non prendere l’aspirina per prevenire un attacco di cuore o ictus per la prima volta. Ma l’agenzia ha anche detto che non è possibile formulare raccomandazioni applicabili a tutti senza distinzioni.
“La cosa importante” dichiara infine il Dr. Hira, “è ricordarsi di consultare un medico prima di iniziare ad assumere quotidianamente aspirina, anche se a dosi basse e anche se si fosse convinti che le probabilità di un attacco di cuore o ictus siano alte. Il medico deve valutare non solo il rischio di malattie cardiovascolari,” ha specificato l’esperto “ma anche il rischio di sanguinamento”.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

obesità

Obesità, Dalla A Alla Z. Scopri Se Sei A Rischio e Come Intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *