© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Allarme Febbre Tifoidea a San Francisco

Allarme Febbre Tifoidea a San Francisco

Il Nordstrom Café a Stonestown e le autorità sanitarie pubbliche di San Francisco hanno confermato che un lavoratore della caffetteria potrebbe aver diffuso la febbre tifoidea fra il 16, 17, 18 e 20 aprile scorsi.

Aveva 27 anni quando gli fu diagnosticata una infezione batterica e pertanto, tutti coloro che hanno frequentato questo locale di San Francisco in questi periodi, possono essere a rischio. Non si sa ancora quante persone siano state infettate. Il lavoratore potrebbe aver contratto l’infezione durante un viaggio al di fuori degli Stati Uniti: gli individui con la febbre tifoidea trasportano infatti i batteri nella tracce intestinali e nel proprio sangue. Sono detti “vettori”, cioè possono continuare a veicolare l’infezione.

L’infezione batterica tifoidea può essere causata dalla salmonella enterica “sierotipo typhi batterio”, che è molto raro negli Stati Uniti, tuttavia è necessario prestare attenzione, poiché i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie sostengono che la febbre tifoidea sia pericolosa per la vita, con circa 5.700 casi diagnosticati ogni anno. I sintomi della malattia, secondo lo Student Health Center, includono debolezza, febbre, mal di testa, nausea, vomito, dolori di stomaco e diarrea. In altri casi, potrebbe presentare anche macchie cutanee piatte, di colore rosa.

I sintomi normalmente compaiono dopo 14-30 giorni dall’esposizione. È possibile rimanere infettati quando si ingeriscono acqua o cibo contaminato da una persona infetta. Quindi, se si sospetta il rischio di esposizione, è necessario verificarne i sintomi subito e con urgenza fare qualcosa per contenere la diffusione della malattia. Il pericolo di morte è raro se trattato in tempo, ma si deve consultare il medico immediatamente, una volta che ci si sente male. Le probabilità di esposizione sono molto basse, ma è meglio essere sicuri dato il numero di persone già esposte. Secondo il Public Health Department, le persone che sono state esposte a causa del dipendente della caffetteria, ad oggi dovrebbero già mostrare sintomi.

Non è ancora chiaro quante persone abbiano cenato al Nordstrom Café intorno a quelle date, ma i dipendenti sono stati già informati sul caso. Kara Darrow, il portavoce di Nordstrom, ha dichiarato che stanno cercando di reperire tutti i contatti tramite le carte di credito dei loro clienti, in modo da poter offrire esami (completamente gratuiti) a coloro che potrebbero essere state esposti. Il test gratuito è disponibile anche presso altri indirizzi: 1199 Bush Street # 160, (415) 353-6305 e Dr. Meenakshi Jain, Sutter Pacific Medical Foundation, 595 Buckingham Way, Suite 515, (415) -731-6300.

Il trattamento consiste nell’assunzione di antibiotici, che faranno guarire completamente. Tuttavia, la malattia può durare per mesi e può essere mortale, non va dimenticato che il 20% dei pazienti muore se non riceve cure mediche. Se è stata diagnosticata la febbre tifoidea, non si devono preparare cibo né bevande per le altre persone e assolutamente evitare il contatto con: i bambini, chiunque abbia deficienze immunitarie ed i pazienti ricoverati.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *