© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Bambini » Autismo: Diagnosi Precoce e Intervento

Autismo: Diagnosi Precoce e Intervento

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

I segni di interruzione dello sviluppo possono essere osservabili in alcuni bambini con disturbi dello spettro autistico (ASD) prima del loro primo compleanno mentre, in altri bambini, i segni non possono essere visualizzati in modo chiaro fino al secondo o terzo anno di vita. Nella maggior parte dei casi, i primi segni di autismo comportano frequenza dei comportamenti attesi ridotte e diminuzione della varietà di comportamenti (parole, gesti, azioni in gioco). I primi segnali di allarme possono variare da soggetto a soggetto, ma c’è sempre una difficoltà nella connessione sociale con gli altri e, di solito, qualche aspetto relativo al ritardo della comunicazione (ad esempio: balbuzie, prime parole, combinazioni di parole). In media, i genitori esprimono le loro prime preoccupazioni tra i 15 ei 24 mesi di età. La perdita di competenze sociali e / o linguistiche, noto come regressione, si verifica in circa un terzo dei bambini affetti da autismo, di solito intorno al 15-21 mesi di età. La perdita di capacità può essere molto graduale in alcuni bambini.

Diagnosi / prognosi

Circa la metà dei bambini affetti da disturbi dello spettro autistico può essere diagnosticata intorno al loro primo compleanno da professionisti che abbiano la corretta esperienza con i bambini molto piccoli e l’autismo. In media, i bambini ricevono la diagnosi di autismo a tre anni di età, mentre i bambini ad alto funzionamento intellettivo tendono a riceverla più tardi (spesso circa a sei anni di età). Sempre in media, c’è un divario di 13 mesi tra il tempo che intercorre fra la diagnosi e la valutazione, a causa delle preoccupazioni per lo sviluppo e il momento subito successivo alla diagnosi; nei bambini di età superiore a 30 mesi, la diagnosi di autismo è meno stabile. Alcuni bambini molto piccoli, in particolare quelli con livelli di sviluppo più elevati, possono migliorare entro il terzo compleanno ma, molti di questi bambini hanno ritardi sociali a tre anni di età.

Intervento precoce

L’intervento precoce è associato a un miglioramento cognitivo, sociale, della comunicazione e del gioco nei bambini affetti da disturbi dello spettro autistico. L’intervento su bambini di due anni ha dimostrato di migliorare il tasso di apprendimento e del deficit di base dell’autismo, che coinvolge l’attenzione congiunta (condivisione di attenzione di altrui attenzione), l’imitazione, la condivisione (sorridere al contatto visivo con un’altra persona) e la comunicazione. L’attività sociale all’interno di contesti naturali è importante e le strategie di intervento devono essere integrate nella vita quotidiana a casa, al fine di ottenere risultati ottimali. Lingua e funzionamento sociale durante l’intervento precoce sono associati con una migliore riuscita, mentre il livello del funzionamento cognitivo non verbale (ad esempio, la risoluzione dei problemi utilizzando le informazioni visive) è un importante segnale di risposta al trattamento. Una corretta formazione del personale è indispensabile, così come l’input dei genitori nella selezione degli obiettivi di intervento e, infatti, l’intervento precoce dovrebbe includere anche la formazione dei genitori.

Tipi di intervento precoce

Anche se non vi è alcuna raccomandazione scientificamente valida per un determinato numero di ore settimanali di intervento, c’è un accordo generale che, dai tre anni di età, i bambini dovrebbero ricevere un intervento intensivo (circa 20-25 ore alla settimana). Le attività di routine casalinghe devono essere considerate parte del tempo di intervento, se incorporano strategie di insegnamento che aiutano i bambini a mettere in pratica nuove capacità. L’autismo, sulla base dei principi della Applied Behavior Analysis (ABA), così come gli interventi base dello sviluppo, sono più comunemente associati con i miglioramenti. L’ABA può essere utilizzata dagli adulti in un ambiente altamente strutturato (come nel caso di intervento precoce intensivo) o con strutture che li coinvolgano e che servano ad impostare come gli interessi e le azioni proprie del bambino vengano utilizzate nelle tecniche di intervento. I corretti approcci pensati per essere utili per la comunicazione e lo sviluppo del linguaggio sono: lo sviluppo di routine sociali e di gioco e l’utilizzo per costruire nuove competenze; modellamento e rafforzamento dei comportamenti desiderati e le competenze durante le interazioni genitore-bambino (come ad esempio parlare di ciò che il bambino sta facendo, imitare il bambino) e l’espansione dei comportamenti di gioco agendo in livelli più complessi; utilizzando simboli visivi e comunicazione aumentativa per insegnare nuovi concetti, così come l’insegnamento della lingua parlata ai più piccoli e l’esposizione dei bambini a sviluppare le tipicità dei coetanei, in particolare quando si verifica un po’ di tale interazione, sotto la guida di un professionista qualificato.

Caratteristiche dell’autismo per età

Autismo età 6-12 mesi

In questo paragrafo elencheremo le caratteristiche comportamentali principali che si riscontrano nei bambini affetti da disturbi dello spettro autistico tra i 6 ed i 12 anni.

○ Risposta agli stimoli sociali proveniente da terzi = scarso contatto visivo;
○ Iniziazione di interazioni sociali = passivo;
○ Interazioni sociali ed emotive = assenza di espressione facciale, sorrisi sempre meno frequenti, mancanza di controllo emozionale;
○ Comunicazione e gioco = balbettio ritardato, vocalizzi sempre meno frequenti, diminuzione della voglia di esplorare gli oggetti;
○ Sensi e Movimento = movimenti atipici, scarsa varietà di movimenti nell’esplorare nuovi oggetti, tono muscolare scarso, coordinazione motoria scarsa.

Autismo età 9-14 mesi

○ Risposta agli stimoli sociali proveniente da terzi = risposte ritardate o infrequenti ai richiami (uso del nome compreso), infrequenti risposte alla gestualità di terzi (sguardi compresi);
○ Iniziazione di interazioni sociali = scarsa propensione ad indicare oggetti o situazioni, infrequenti sorrisi con contatto visivo prolungato;
○ Interazioni sociali ed emotive = parca ed infrequente condivisione di sentimenti positivi;
○ Comunicazione e gioco = scarsa varietà di suoni durante la comunicazione, scarsa varietà di comunicazione gestuale, ritardo nello sviluppo linguistico, scarsa varietà di movimenti associati ai giocattoli o giochi, povera integrazione tra lo sguardo fisso ed i vocalizzi o la gestualità;
○ Sensi e Movimento = comportamenti ripetitivi, interessi ripetitivi, risposte sensoriali inusuali;

Autismo età 20-24 mesi

○ Risposta agli stimoli sociali proveniente da terzi = infrequenti imitazioni delle azioni altrui, scarsa dimostrazione di interesse verso gli altri bambini;
○ Iniziazione di interazioni sociali = infrequenti tentativi di condividere con gli altri;
○ Interazioni sociali ed emotive = range limitato di espressioni facciali, infrequenti offerte di conforto;
○ Comunicazione e gioco = scarsa varietà di vocabolario per esprimere i propri intenti;
○ Sensi e Movimento = comportamenti ripetitivi, interessi limitati, risposte sensoriali inusuali.

Fonti:

Ricerca del Kennedy Krieger Institute, RJ (2008) Nature Clinical Practice Neurologia, 4: 138-147; Sullivan M, Finelli J, Marvin A, Garrett-Mayer E, Bauman M, e Landa R. (2007) J di Autismo e Disturbi Generalizzati dello Sviluppo, 37: 37-48; Flanagan J & Landa R. (2007) American Occupational Therapy Association Annual Conference; Bhat A, Galloway C, e Landa R. (2007) Società per la Ricerca in Child Development Conference; Landa R, K Holman, e Garrett-Mayer E. (2007) Archives of General Psychiatry, 64: 853-864; Landa R & Garrett-Mayer E. (2006). J di Child Psychology and Psychiatry, 47: 629-638.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

Il Controllo Del Diabete Della Mamma In Gravidanza Può Influenzare Il Cervello Del Bambino

Il Controllo Del Diabete Della Mamma In Gravidanza Può Influenzare Il Cervello Del Bambino

Help – aiuto!»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca …

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *