© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Un Nuovo Medicinale Abbassa Il Livello Di Trigliceridi

Un Nuovo Medicinale Abbassa Il Livello Di Trigliceridi

Secondo una nuova ricerca, un farmaco sperimentale abbasserebbe in maniera drastica i livelli di trigliceridi nel sangue potenzialmente dannosi.

I trigliceridi sono un tipo di grassi nel sangue che si creano dal cibo che si consuma. Ad alti livelli, può causare problemi al cuore o pancreatiti, ovvero infiammazioni del pancreas.

“Gli attuali trattamenti per curare gli alti livelli di trigliceridi lasciano molto a desiderare” , ha detto il dott. Joseph Witztum, professore di medicina alla University of California, San Diego. ” Questo farmaco diventerà la nostra terapia più efficace.”

Lo studio ha scoperto che il nuovo medicinale – chiamato per ora ISIS 304801 – abbassa il livello di trigliceridi del 71% senza particolari effetti collaterali.

Un alto tasso di trigliceridi può essere causato da fattori genetici, obesità, fumo, eccessivo consumo di alcool e una dieta ricca di carboidrati, secondo la American Heart Association.

Il livello normale di trigliceridi nel sangue è inferiore a 150 milligrammi per decilitro (mg/dL) . Ma molte persone hanno un livello molto più alto, associato a insulino-resistenza , sindromi metaboliche, diabete, colesterolo alto ereditario ed altri disturbi, hanno spiegato i ricercatori. La sindrome metabolica è una combinazione di colesterolo alto, pressione alta, glicemia elevata e eccesso di peso.

Secondo l’American Heart Association, un esame del sangue mostra i livelli di colesterolo LDL (“cattivo”) , e di colesterolo HDL (“buono”) , e un quinto del livello dei trigliceridi.

Le attuali cure per gli alti livelli di trigliceridi comprendono una dieta sana e ricca di olio di pesce e l’assunzione di niacina (Niaspan), chiamata anche acido nicotinico.
I cosiddetti farmaci fibrati, come il TriCor, possono aiutare ad abbassare i trigliceridi, ma alcuni pazienti non rispondono ai trattamenti tradizionali, ha detto Witztum.

Il nuovo medicinale agisce su una determinata proteina – apolipoproteina C-III – che rallenta la scomposizione dei trigliceridi. Infatti, ISIS 304801 accelera il meccanismo di scomposizione dei trigliceridi, permettendo al corpo di smaltire più velocemente il grasso.

“Questo farmaco abbassa i trigliceridi e probabilmente anche le manifestazioni di insulino-resistenza e sindromi metaboliche” ha affermato Witztum.

Durante lo studio, sono stati trattati 57 pazienti con il farmaco o un placebo inattivo.
Il loro livello di trigliceridi era compreso tra 350 e 2.000 mg/dL, ed hanno assunto dosi settimanali del farmaco per 13 settimane.
Nello studio sono stati inclusi anche 28 pazienti con livelli di trigliceridi da 225 a 2.000 mg/dL che avevano ricevuto la terapia con fibrati. Anch’essi hanno ricevuto il nuovo medicinale o il placebo.

I ricercatori hanno concluso che ISIS 304801 abbassa il livello di trigliceridi dal 31 al 71%.

Questo era il secondo dei tre studi richiesti per l’approvazione del farmaco negli Stati Uniti.
Witztum ha affermato che la fase 3 è già in corso, ma i risultati saranno disponibili solo tra due o tre anni.

All’inizio, il farmaco viene usato per curare coloro che soffrono di patologie come la sindrome chilomicronemia ereditaria, che causa un elevatissimo tasso di trigliceridi. In questo caso, l’organismo non scompone correttamente i grassi.

Witztum ritiene che nel lungo periodo il farmaco possa essere esteso ad un più ampio numero di persone, per aiutare a prevenire problemi cardiaci collegati agli alti tassi di trigliceridi.

La ricerca è stata finanziata da Isis Pharmaceuticals , produttrice del farmaco, e i risultati sono stati pubblicati il 30 Luglio nel New England Journal of Medicine.

Secondo il dott. Gregg Fonarow, professore di cardiologia all’Università della California, Los Angeles, i risultati sembrano promettenti.

Ad ogni modo ” resta da dimostrare se l’abbassamento del livello di trigliceridi comporta di per sé una riduzione dei problemi cardiaci” ha dichiarato.

Secondo Fonarow sono necessarie ulteriori ricerche per valutare l’efficacia e la sicurezza del farmaco, e stabilire se esso può aiutare a prevenire i rischi causati da un alto tasso di trigliceridi.

“Dato che il numero di pazienti che possono usufruire di un farmaco abbassa-trigliceridi in modo sicuro ed efficace è più limitato rispetto alla più vasta popolazione che ha dimostrato effetti positivi dalla terapia con statine per ridurre il colesterolo, resta un importante e ancora insoddisfatto bisogno clinico.” ha concluso Fonarow.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *