© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Obesità: Una Mutazione Genetica Potrebbe Essere La Causa

Obesità: Una Mutazione Genetica Potrebbe Essere La Causa

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Una mutazione genetica legata all’obesità potrebbe causare aumento di peso senza eccesso di cibo, lo dicono alcuni ricercatori che hanno fatto una scoperta nell’ospedale Pediatrico di Boston su alcune cavie di tipo animale (topi): il gene può dirigere il corpo nell’utilizzo della propria energia. I soggetti modificati per sopprimere il gene, chiamato Mrap2, dovevano essere in deficit di nutrizione dal 10 al 15% per mantenere il proprio peso rispetto ai soggetti normali, secondo lo studio pubblicato ieri sulla rivista “Science”. L’analisi svolta su 500 persone ha trovato l’equivalente mutazione del gene umano in quattro persone gravemente obese ad esordio precoce.

Le cavie con la mutazione sono cresciute due volte la dimensione normale e l’aumento di peso si è ampliato ulteriormente quando è stata loro somministrata una dieta ricca di grassi. La scoperta suggerisce che i meccanismi del corpo per l’uso di energia e l’aumento di peso tra alcune persone obese possono essere diversi da individuo a individuo. “Le cavie non stavano bruciando il grasso, anzi: in un certo modo lo conservavano” ha dichiarato Joseph Majzoub, capo di endocrinologia presso l’Ospedale pediatrico di Boston e autore dello studio.

Dei 500 soggetti obesi i cui geni sono stati sequenziati, le quattro persone con la mutazione erano diventate obese in età precoce, ma solo una aveva una mutazione che aveva reso totalmente disabile il gene. Questo suggerisce che la mutazione indotta nelle cavie è responsabile di meno dell’1% sul totale dei soggetti obesi.

Le persone obese hanno troppo grasso corporeo, il che aumenta il rischio di diabete, di malattie cardiache, di ictus, di artrite e di alcuni tipi di cancro, secondo il National Institutes of Health. L’obesità è calcolata utilizzando l’indice di massa corporea, che si misura con altezza e peso: una persona con un BMI superiore a 30 è considerata obesa e ciò significa che una persona alta circa 1 metro e ottanta, è da considerare obesa se pesa oltre i 90 chili.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *