© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Mal di Schiena: Rimedi Fai Da Te

Mal di Schiena: Rimedi Fai Da Te

Che il mal di schiena sia una tortura, è cosa risaputa.
Un pò meno conosciuti sono, invece, i rimedi in grado di curarlo.
Spesso soffriamo di mal di schiena in seguito a problemi alla colonna vertebrale, alle ossa, ai muscoli, ai legamenti o alle articolazioni.
Ma esistono numerose altre cause in grado di generare il disturbo. Tra esse ricordiamo l’artrite, le contusioni o fratture alla colonna vertebrale, le infezioni renali.

Possiamo curare i casi meno gravi di mal di schiena, quindi, attraverso piccoli ed essenziali accorgimenti.

IL POTERE DEL GHIACCIO

Il ghiaccio può fungere da efficace antidolorifico dal momento che arresta temporaneamente il dolore e riduce il gonfiore.
Per ottenere qualche risultato, è importante praticare impacchi di ghiaccio più volte al giorno, avvolgendolo in un asciugamano e ponendolo sulla zona dolente, per almeno 20 minuti.
In alternativa (se cioè non disponete di sacchetti di ghiaccio) potete sempre utilizzare un pacchetto congelato di piselli o di carne.
Successivamente alla prima fase (quella cioè caratterizzata dai primi sintomi di mal di schiena) potete usare gli impacchi con minore frequenza.
Dopo circa 48 ore dal mal di schiena stimolate il flusso sanguigno immergendo un asciugamano in acqua molto calda, strizzandolo e strofinandolo sulla parte dolorante.
Sdraiatevi a pancia in giù con i cuscini sotto i fianchi e le caviglie e ponete l’asciugamano sull’intera area; quindi rivestite il panno con una pellicola trasparente e lasciatelo agire per 20 minuti. Eseguite questo trattamento tre o quattro volte al giorno per diversi giorni.

PERFEZIONATE LA POSTURA

Perfezionare la postura. E’ un accorgimento da seguire per ridurre lo stress concentrato sulla schiena.
Per ottenere veri benefici, cercate di mantenervi dritti o equamente bilanciati su entrambi i piedi. Inclinate il bacino in avanti, poi indietro in maniera estremamente lenta.
L’importante è che assumiate la posizione a voi più comoda e congeniale.

Un’altra sana abitudine consiste nell’eseguire piccoli esercizi di stretching ogni mattina, prima di mettere i piedi fuori dal letto.
Provate, ad esempio, ad allungare le braccia e la schiena portando delicatamente le ginocchia al petto, una alla volta.
Potete provare a girarvi su un fianco, mettendo le ginocchia sul bordo ed utilizzando un braccio per spingerle verso voi. Una volta in piedi, mettete le mani sui glutei e stendete la schiena molto lentamente così da allungare la colonna vertebrale.

Un altro metodo per rilassarsi, consiste nell’eseguire intensi massaggi sulla zona dolorante. Se desiderate utilizzare una crema o un unguento, fate attenzione alla crema utilizzata (vi sono alcuni rimedi che rischiano di irritare la pelle dopo poche applicazioni).
Per ottenere sollievo, provate ad inserire delle palle da tennis in una calzamaglia; chiudete l’estremità della calza; quindi chiedete a qualcuno di passarvela lungo la schiena.

RIMEDI NATURALI

Gli scaffali delle farmacie o parafarmicie pullulano di medicine e prodotti per lenire il mal di schiena.
Esistono unguenti che contengono la capsaicina, la sostanza presente nel peperoncino e che, applicata sulla pelle, riduce il potere di una sostanza neurochimica chiamata sostanza P. I ricercatori hanno scoperto che la sostanza P trasmette le sensazioni di dolore al cervello. Questo significa che quando c’è meno sostanza P in circolazione, la soglia del dolore si riduce.
E’ quindi importante utilizzare una crema o una pomata contenente lo 0,075 % o lo 0,025 % di capsaicina.
Potrebbe essere necessario utilizzare questo rimedio per diverse settimane prima di registrare qualche effetto concreto.

Nei casi più delicati, impiegate 500 milligrammi di bromelina per 3 o 4 volte al giorno.
Questo enzima favorisce la circolazione, riduce il gonfiore ed aiuta l’organismo a riassorbire l’infiammazione.
Attendete almeno un’ora dopo ogni pasto prima di assumere la bromelina.
Provate, infine, a prendere una capsula da 250 mg di valeriana quattro volte al giorno. Alcuni scienziati sostengono che il principio attivo contenuto in questa erba interagisce con i recettori nel cervello e causa un effetto sedativo.
Non preoccupatevi: la valeriana è un sedativo molto più blando e naturale rispetto a qualsiasi prodotto farmaceutico e può essere gustata sotto forma di tè o di compresse.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Un commento

  1. Buono giorno sono sordomuto. Sono Mario , ho molto problema la schiena sempre come si fa dimmi tu dove a Roma ? Dammi indirizzò ! Grazie dammi sapere ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *