© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Gengive: 6 Motivi Per Cui Sanguinano

Gengive: 6 Motivi Per Cui Sanguinano

Se vedete regolarmente rosso quando vi lavate i denti, potreste cominciare a preoccuparvi. Oggi vi spieghiamo perché le gengive sanguinano e che cosa potete fare a riguardo.

Perché le gengive sanguinano?

La comparsa di sangue sul vostro spazzolino da denti, o nel lavandino dopo un’accurata pulizia non è un evento che si può ignorare. Secondo il Dr. Peter Doig, dentista di Manitoba Dauphin (Canada), e presidente della Canadian Dental Association, un occasionale sanguinamento orale può verificarsi se cibi grossolani hanno graffiato le gengive, ma se il sangue si mostra regolarmente, una situazione più grave può essere il motivo.

Ecco sei ragioni per cui le gengive sanguinano e cosa si può fare per farle smettere.

1. Soffrite di gengivite

Quando la placca e i suoi batteri si accumulano sui vostri denti, le gengive possono diventare infiammate. Il risultato è la gengivite. Indolore e praticamente senza sintomi, può restare facilmente nascosta se non si notano macchie di sangue sullo spazzolino da denti o sul filo interdentale. “La gengivite è una malattia regolarmente ignorata perché non è dolorosa… e si sa: lontano dagli occhi, lontano dal cuore“, spiega il Dr. Doig.
Fate attenzione: se non trattata, la gengivite può portare ad una patologia parodontale, una condizione critica orale caratterizzata dalla distruzione dei tessuti gengivali e dalla perdita dei denti. Fortunatamente, la gengivite può essere curata, e completamente evitata. “Praticamente è prevenibile al 100%“, conferma il Dottore. “Basta seguire una meticolosa igiene orale con spazzolino e filo interdentale per rimuovere la placca dai denti, oltre a visite regolari dal dentista” aggiunge Doig.

2. Siete fumatori

I fumatori hanno un maggior rischio di sanguinamento delle gengive. “Il fumo tende a provocare un aumento della malattia parodontale per una serie di motivi”, spiega il Dr. Doig. “Il fumo inalato può lasciare tossine sui denti, che possono essere difficili da rimuovere attraverso l’igiene orale normale e queste sostanze malsane possono portare le gengive a sanguinare”.
I fumatori possono anche avere una risposta immunitaria compromessa dalle varie infezioni e problemi, che va ad influire negativamente sulla corretta guarigione e ossigenazione delle scorte di sangue: tutti fattori che possono aggravare la situazione delle gengive. Smettete di fumare e le gengive vi ringrazieranno.

3. Seguite una dieta povera

Se non si seguono regimi dietetici sani e se non si assumono le porzioni giornaliere raccomandate di frutta e verdura fresca e cereali, latticini e proteine, si potrebbero portare le gengive ad una infiammazione. “Il mantenimento di uno stile di vita sano è una difesa importante“, spiega il Dr. Doig. “Una dieta equilibrata è fondamentale non solo per un corpo sano, ma anche per una bocca sana”.
Dimenticate i cosiddetti alimenti “miracolosi” che pretendono di mantenere le gengive sane e prevenire le malattie orali: non esistono. “L’unico miracolo è lo spazzolino da denti“, conferma Doig. “La combinazione di una buona igiene orale e di una buona salute generale è la migliore prevenzione“.

4. Siete una donna

I cambiamenti ormonali durante le mestruazioni e la gravidanza possono aumentare le probabilità di avere gengive sanguinanti. “Ci sono donne che soffrono di gengivite ormonale regolare associata con il ciclo mensile“, spiega il medico. “I cambiamenti ormonali durante la gravidanza aumentano il rischio di sviluppare gengiviti o parodontiti“.
Se pensate che i vostri ormoni possano essere la causa del sanguinamento, chiedete al vostro dentista alcuni consigli su come adattare la vostra routine di salute orale al vostro stato di gravidanza o ciclo mestruale.

5. Avete cattive abitudini di igiene orale

Lavarsi troppo duramente, non lavarsi affatto, dimenticare il filo interdentale: se non vi impegnate in una routine di igiene orale regolare e attenta, le gengive subiranno conseguenze negative. “Le gengive sono un tessuto piuttosto morbido e se le traumatizzate con uno spazzolino a setole dure, è possibile farle gonfiare e sanguinare“, conferma Doig. “Gli spazzolini da denti a setole morbide offrono garanzia di pulizia delicata di gengive e denti, ma se si ha la tendenza a dimenticare di lavarsi, il tipo di spazzolino da denti non importa“.
La prima causa della gengivite è l’accumulo di placca e per questo motivo le persone dovrebbero lavarsi i denti almeno due volte al giorno (al mattino e prima di coricarsi), senza tralasciare l’uso del filo interdentale tutti i giorni: questa pratica rimuove sia la placca sia eventuali residui di cibo. “I batteri nella placca usano i residui di cibo per la produzione di acidi che possono colpire sia le gengive che denti” aggiunge il Dr. Doig. “Carboidrati, alimenti amidacei e zuccherati come le patatine fritte sono i peggiori residui di cibo e possono aderire a denti e gengive per un periodo molto lungo se non sono rimossi prontamente”.
Se vi piacciono questi tipi di alimenti, è imperativo lavarsi i denti subito dopo averli mangiati, per eliminare eventuali effetti dannosi per le gengive e per i denti.

6. State assumendo farmaci

Vi siete mai chiesti perché il vostro dentista domanda sempre se avete iniziato ad assumere nuovi farmaci? Alcune medicine possono aumentare il rischio di sanguinamento delle gengive. “Gli anticonvulsivanti come il Dilantin possono causare gonfiore anormale “, conferma il Dr. Doig. “Alcuni farmaci per la pressione arteriosa e immuno-soppressori possono causare infiammazione delle gengive e sanguinamento, mentre altri farmaci possono lasciare con la bocca secca”.
Ci sono oltre 400 farmaci che possono influenzare la quantità di flusso salivare, tra cui antistaminici, sedativi, antidepressivi e antipsicotici. La saliva è necessaria per lavare via i residui di cibo e neutralizzare gli acidi irritanti prodotti da batteri e, se diminuisce il flusso salivare, è importante avere una igiene orale ancora più attenta, perché la bocca in quel momento non sta ricevendo gli effetti benefici della saliva.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...