© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » L’Obesità è Associata Ai Geni?

L’Obesità è Associata Ai Geni?

L’obesità rappresenta la seconda causa di morte negli Stati Uniti; circa i due terzi della popolazione americana è in sovrappeso e di queste persone circa un quarto è obeso. Questo tipo di problema è diventato serio anche nei bambini. Fino ad ora cibo spazzatura e stile di vita sedentario sono stati ritenuti le cause dell’obesità, ma una recente ricerca ha presentato un punto di vista completamente differente. Secondo i risultati di questo studio, anche il patrimonio genetico contribuisce all’accumulo di grasso.

È possibile notare che alcune persone semplicemente non perdono peso, indipendentemente dal fatto che mangino poco o che facciano tanto esercizio fisico. Allo stesso modo, due persone che seguono lo stesso programma per perdere peso non raggiungono gli stessi risultati. Questo fatto ha sempre lasciato perplessi gli scienziati. Inoltre, ha sempre anche scoraggiato le persone intenzionate a seguire una dieta. La differenza nei risultati ottenuti da due persone indipendentemente dal fatto che seguono lo stesso programma di dieta e attività fisica, sottolinea il possibile collegamento tra aumento di peso e patrimonio genetico degli individui. Sono stati condotti vari studi per dimostrare gli effetti dei geni sul peso delle donne; di seguito sono elencati i risultati di tre:

1. questo studio ha scoperto un gene particolare che ha contribuito all’obesità nella popolazione europea. Tra l’altro, si tratta di un gene così comune che è posseduto da circa la metà della popolazione. L’aumento di peso dovuto a tale gene è direttamente proporzionale al numero di copie che si hanno di esso. Se hai una copia di questo gene, è probabile che supererai il peso di circa 1,2 kg. Due copie dello stesso gene significano un aumento di 3 kg rispetto alla popolazione media. Circa il 50% delle persone hanno almeno una copia del gene in questione; mentre il 16% ne possiede due e il 67% di questi hanno molte probabilità di essere fortemente obesi.

2. Tale studio ha scoperto 18 geni incriminati che contribuiscono all’obesità in generale. Alcuni di questi geni interferiscono con il metabolismo, mentre altri contribuiscono all’aumento dell’indice di massa corporea (BMI).

3. Quest’ultimo studio ha identificato 13 geni che possono essere associati alla predisposizione di una persona ad accumulare grasso. A seconda della struttura del DNA di questi geni, si rischia di immagazzinare grasso intorno alla vita o su cosce e fianchi. Infine questa ricerca spiega perché alcune persone sono a forma di mela e altre a forma di pera.

L’obesità genetica e le sue implicazioni

Gli studi appena elencati hanno un ruolo importante nel momento in cui bisogna decidere la predisposizione di una persona alle malattie legate all’obesità. Inoltre, la sola comprensione della causa dell’obesità non è sufficiente a controllare il disturbo. Per farlo si devono adottare misure proattive. Se davvero vuoi perdere peso, non hai assolutamente nessuna alternativa: bisogna consumare alimenti sani e in giusta quantità e fare esercizio fisico. Nonostante sia stata riconosciuta l’importanza degli studi sopra elencati per identificare la causa dell’obesità, si è affermato che non sono sufficienti per poter prevenire il problema. Ma rimane il fatto che se una ricerca identifica la predisposizione all’obesità di un bambino in età adulta, ciò può aiutare i genitori a prendere misure preventive.

Autore | Anna Abategiovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

La salute online: auto-diagnosi e auto-aiuto possono far più male che bene

La salute online: auto-diagnosi e auto-aiuto possono far più male che bene

Internet ci ha reso un po’ tutti degli ‘esperti e professionisti della salute‘. Ovviamente un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...