© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » La Straordinaria Donna Che “Annusa” Il Parkinson – Prima Che I Sintomi Si Manifestino

La Straordinaria Donna Che “Annusa” Il Parkinson – Prima Che I Sintomi Si Manifestino

Joy Milne ha sempre avuto un buon olfatto, e ha iniziato a preoccuparsi quando suo marito Les ha iniziato ad avere un leggero odore di muschio.

Suo marito era un anestesista che lavorava molte ore al giorno, e Milne pensò che l’odore fosse solo dovuto al sudore. Ma alla variazione di odore si è associata una stanchezza crescente che è culmina con una diagnosi tremenda sei anni dopo: Les era affetto da morbo di Parkinson.

“Riuscivo sempre a sentire odori che gli altri non percepivano”, ha dichiarato Milne in un programma della BBC. Dopo aver partecipato ad una riunione di sostegno per malati di Parkinson, con altri pazienti che avevano lo stesso profumo di muschio del marito, la donna ha pensato che questo odore potesse avere qualche connessione con la malattia.

Dopo che la 65enne condivise questa sua osservazione con alcuni scienziati, è iniziata l’indagine.

Gli studiosi dell’ Università di Edimburgo hanno dato magliette a 6 pazienti con morbo di Parkinson e 6 individui sani. Dopo aver indossato le maglie, esse sono state affidate a Milne, che doveva stabilire con l’olfatto quali avevano il morbo di Parkinson.

La sua diagnosi è stata estremamente accurata, e potrebbe essere rivoluzionaria per tutti coloro che soffrono di questa condizione.

Milne ha valutato correttamente 11 casi su 12. Nel caso dichiarato “sbagliato”, ella ha insistito che la maglietta indossata dall’individuo sano aveva in realtà l’odore che indicava Parkinson.

Otto mesi dopo, il suo tasso di accuratezza si è rivelato del 100%. La persona apparentemente sana infatti, si era ammalata di Parkinson.

“Siamo rimasti davvero sbalorditi” ha dichiarato Tilo Kunath BBC, ricercatore dell’Università di Edimburgo. “Era necessario fare ricerche più approfondite al riguardo.”

Incuriositi dal super olfatto di Milne, i ricercatori delle università di Manchester, Edimburgo e Londra stanno impostando un progetto per capire le sostanze chimiche rilasciate dalla pelle nelle persone affette dal morbo di Parkinson.

Secondo gli scienziati, chi è affetto da Parkinson ha alterazioni a livello cutaneo che provocano un odore particolare. Trovando le molecole che causano quel determinato odore, potrebbe essere ipoteticamente possibile diagnosticare il Parkinson semplicemente con un tampone sulla fronte di un individuo.
Al giorno d’oggi, non è facile diagnosticare il morbo di Parkinson; i medici si basano su una tecnica individuata agli inizi del 1800.

Il Parkinson è una malattia di cui ancora non si conosce la cura, e provoca la degenerazione del sistema nervoso, e causa tremore, lentezza e difficoltà di movimento, e disturbi come depressione e demenza.

Arthur Roach, direttore della ricerca , ha dichiarato, oltre ad avere un “enorme impatto” sul processo di diagnosi, “la ricerca aiuterebbe a identificare più facilmente il morbo e quindi a testare farmaci che potrebbero rallentare o addirittura fermare il morbo, cosa che attualmente nessun trattamento riesce a fare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l’Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo.
Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *