© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Fecondazione In Vitro: Nulla Osta Ai Soggetti Obesi

Fecondazione In Vitro: Nulla Osta Ai Soggetti Obesi

Le donne obese che fanno uso di ovuli per procreare attraverso la fecondazione in vitro, hanno le stesse probabilità di rimanere incinta come donne di peso normale: lo confermerebbe un nuovo rapporto di studi che hanno dimostrato che l’obesità non è associata a minori possibilità di gravidanza tramite fecondazione in vitro, ma la maggior parte di questa ricerca è limitata alle donne che usano i propri ovuli. La ricerca sui risultati per le donne obese che usano ovuli di una donatrice ha invece avuto risultati contrastanti.

La nuova analisi promossa dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e dall’Università di California di Los Angeles, hanno riunito e analizzato i dati provenienti da più di 4.700 donne degli studi precedenti (i risultati sono disponibili sulla rivista “Human Reproduction”). “Il nostro studio suggerisce che l’obesità non influisce in modo significativo su una gravidanza con ovuli di una donatrice“, ha dichiarato la Dr.ssa Emily Jungheim, primo autore della ricerca e assistente professore di ostetricia e ginecologia presso la Washington University School of Medicine. “La tesi sostiene che i medici non dovrebbero scoraggiare le donne obese a proseguire il trattamento, se hanno bisogno di ovuli di donatrici per concepire“.

Il rapporto, una meta-analisi, ha incluso pazienti provenienti da cinque studi precedenti condotti negli ultimi dieci anni, oltre ai dati provenienti da 123 donatrici di ovulo della Washington University e del suo Centro di Medicina riproduttiva. Molti programmi di fecondazione in vitro impongono in modo arbitrario un indice di massa corporea (BMI) e restrizioni che fanno determinare se le donne possono ricevere questo trattamento. Le limitazioni, secondo la Dr.ssa Jungheim, hanno bisogno di essere riesaminate: “C’è ancora molto che non sappiamo sull’obesità, quando si tratta di riproduzione“.

I ricercatori non sono sicuri se la qualità degli ovuli di una donna o il suo utero siano colpiti in qualche modo dall’obesità. Come risultato, molti studi si sono concentrati sui destinatari: in questa analisi, l’obesità (definita come un BMI superiore a 30) non è stata associata con una differenza nei tassi di gravidanza confrontati con i tassi delle donne con un BMI normale. I dati di questo studio indicano che l’obesità non è stata associata neanche con le differenze nei tassi di aborto spontaneo o parto prematuro tra donne obese che hanno usato ovuli di donatrici, rispetto alle donne di peso normale. Tuttavia non va tralasciato che il numero di nascite e aborti spontanei non è stato riportato in tutti gli studi.

In generale, la maggior parte donne obese che vogliono rimanere incinte sono finalmente in grado di concepire“, ha commentato la Jungheim. “Abbiamo bisogno di sapere che cosa in particolare non va a buon fine nelle donne obese che non riescono, ma pensiamo che ci siano altri fattori coinvolti, oltre all’indice di massa corporea“.

Per maggiori informazioni sullo studio della relazione fra obesità e fecondazione, vi invitiamo a visitare il sito della Washington University School of Medicine di St. Louis: www.medschool.wustl.edu

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *